I pettegolezzi delle donne/Atto Terzo/Scena XIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo

Scena Quattordicesima

../Scena XIII ../Scena XV IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Terzo - Scena XIII Atto Terzo - Scena XV


Beppo e dette.


Beppo
Creature, aveu visto Checca?
Donna Sgualda
Sior sì, l’ho vista.
Beppo
Poverazza! Dalla desperazion la va via co fa una matta. Dove l’aveu vista? Dove xela andada?
Donna Catte
Eh, la xe poco lontana.
Donna Sgualda
Eh, no ve travaggiè no, che la sta ben.
Beppo
Per carità, diseme, dove xela?
Donna Catte
Oe, la xe là all’osteria.
Beppo
All’osteria? A cossa far?
Donna Sgualda
A devertirse.
Beppo
Con chi xela?
Donna Catte
Con un paregin in perrucca.
Beppo
Ah siora Catte! vu me burlè.
Donna Catte
Oe, Sgualda, el dise che lo burlo.
Donna Sgualda
Saveu chi ve burla? Quella desgraziada de Checca. La xe all’osteria con un foresto.
Beppo
Oimè! Cossa séntio?
Donna Sgualda
E se no credè, andè drento e vederè.
Donna Catte
Oe, abrazzai i giera. No ve digo altro. (in atto di partire)
Donna Sgualda
Oe, el se l’ha portada drento. (in atto di partire)
Donna Catte
Qua in prubrico(), senza suggizion.
Donna Sgualda
Oe, la gh’ha el foresto.
Donna Catte
Povero putto! Me fe peccà. (parte)
Donna Sgualda
Altro che bagiggi! La xe roba da osteria. (parte)
Beppo
Gnancora nol posso creder. Ste pettegole no le merita fede. No, no sarà vero. Ma me voggio chiarir. Oe dall’osteria: gh’è nissun?