I pettegolezzi delle donne/Atto Terzo/Scena XVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo

Scena Sedicesima

../Scena XV ../Scena XVII IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Terzo - Scena XV Atto Terzo - Scena XVII


Arlecchino dall’osteria e detto.


Arlecchino
O de ruffe, o de raffe, ho magnà qualcossa, e per ancuo stago ben.
Beppo
Sior Arlecchin, diseme, caro vu, za che vegnì da quell’osteria, aveu visto Checchina?
Arlecchino
Oh, se l’ho vista!
Beppo
Cossa fala all’osteria?
Arlecchino
L’è in t’una camera col me patrono.
Beppo
Oh Dio! A cossa far?
Arlecchino
«Qui potest capere, capiat.» (parte)
Beppo
Ma chi l’avesse mai dito, che una putta de quella sorte avesse da buttar cussì mal! Ma, oh Dio! Ho paura che l’abbia perso el cervello, e che per causa mia la sia deventada matta.