I pettegolezzi delle donne/Atto Terzo/Scena XVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo

Scena Diciasettesima

../Scena XVI ../Scena XVIII IncludiIntestazione 29 maggio 2008 75% Commedia dell'Arte

Atto Terzo - Scena XVI Atto Terzo - Scena XVIII


Salamina, Musa, Toni, Pantalone e Beppo.


Pantalone
Oh, velo qua. Ve cerchemo per tutto.
Paron Toni
Xe qua el pare de Checca, che xe contento che la sposè, e ve vol abrazzar.
Beppo
Che bel matrimonio che me vorressi far far!
Paron Toni
Perché?
Beppo
Farme sposar la fia de Bagiggi?
Paron Toni
Chi v’ha dito sta bestialità?
Musa
Mi non avira fiola.
Pantalone
Fallè, compare, fallè.
Salamina
Signore, io sono il padre di Checchina, e sono un mercante onorato.
Beppo
Vu sè? Questo xe el pare da Checca? (a Toni)
Paron Toni
Sì ben, questo. Un omo civil, che xe stà in gran fortune, e che ghe tornerà in poco tempo.
Beppo
Questo xe so pare? (a Pantalone)
Pantalone
Sior sì, el sior Ottavio Aretusi, omo de merito e de condizion.
Beppo
Ah, poveretto mi!
Pantalone
Cossa xe? Cossa xe stà?
Beppo
Vu sè pare de Checca? (a Salamina)
Salamina
Sì signore, io.
Beppo
Oh, poveretto vu! Oh, poveretto mi!
Salamina
Voi mi fate tremare.
Pantalone
Bisogna che ghe sia qualche gran novità.
Paron Toni
Caro Beppo, no me tegnì più in pena, parlè.
Beppo
Saveu dove che xe Checca?
Paron Toni
Dove? No la xe a casa?
Beppo
La xe in quell’osteria.
Paron Toni
In osteria? A cossa far?
Beppo
La xe con un foresto.
Pantalone
Cossa diavolo diseu?
Beppo
Sì, con un foresto abrazzada, la xe andada in quell’osteria.
Salamina
Ah, dunque sarà vero quel che di Checca mi hanno raccontato le buone femmine.
Pantalone
No pol esser, no pol star.
Paron Toni
Me par impussibile.
Beppo
Son certo, son seguro, la ghe xe, la me tradisce, no la merita amor, vago via, e no sperè de véderme più. (parte)
Pantalone
Fermeve, sentì; oe, mi ghe vago drio, e vualtri andè all’osteria, e chiarive de sta verità. Oe, sior compare! Sì, el va che el svola. Sta volta, a esser compare, rischio de romperme qualche gamba. (parte correndo)
Salamina
Che dite, paron Toni?
Paron Toni
Digo che, se no vedo, no credo. Andemo all’osteria; andemo a véder.
Salamina
Io non ci voglio venire. Non voglio maggiormente affliggermi colla vista d’una figlia indegna.