I saltarelli dell'Abbrucia sopra i Mattaccini di ser Fedocco/13. Poco ci andrà che la reina Isotta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
13. Poco ci andrà che la reina Isotta

../12. Ancora al naso questa scarpellotta ../14. La vostra tanto vaga quanto dotta IncludiIntestazione 2 giugno 2008 50% Poesie

12. Ancora al naso questa scarpellotta 14. La vostra tanto vaga quanto dotta

 
Poco ci andrà che la reina Isotta,
fracida de’ par vostri salamoni,
verrà con otri e casse e bariglioni
a visitarvi e darvi di scuffiotta.
Uscite incontro a sì bella carnotta
che vi farà venire in bietoloni
co’ vostri brodi e caci mezzelloni
e fate un pasto alla castelvetrotta;
parlate basso e poco e perché ’n baia
non foste messo da quei suoi satelli
tenete sempre in gola duo molluche
di zuppa, acciò che quella rantolaia
e quella mucinaglia a garganelli
s’allarghi alquanto e si rammorbiduche;
ma fia me’ ch’un vi cuche
la bocca e vi rinzaffi un buon catollo,
ch’al primo so le cadreste di collo.