I sette a Tebe/Lamentazione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lamentazione

../Quarto canto intorno all'ara ../Finale IncludiIntestazione 30 ottobre 2019 100% Teatro

Eschilo - I sette a Tebe (1922)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli
Lamentazione
Quarto canto intorno all'ara Finale
[p. 211 modifica]
Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I-70.png

LAMENTAZIONE


antigone
Colpito colpisti.
ismene
Tu colpivi e moristi.
antigone
Di lancia uccidesti.
ismene
Di lancia cadesti.
antigone
Obbrobrî compivi.

[p. 212 modifica]

ismene
Obbrobrî pativi.
antigone
Rompa il pianto.
ismene
Rompa lo schianto.
antigone ed ismene
Uccideste, né siete piú vivi!

Strofe.
antigone
Ahimè!
ismene
Ahimè!
antigone
La mente delira fra i gemiti.
ismene
Il cuore sospira nel seno.

[p. 213 modifica]

antigone
A te ben si addicono lacrime.
ismene
A te, derelitto, non meno.
antigone
Ucciso fosti da fraterne mani....
ismene
il fratello uccidendo.
antigone
Doppio orrendo spettacolo.
ismene
Doppio racconto orrendo.
antigone
Presso noi siamo a questi crucci immani.
ismene
Le due sorelle presso ai due germani.

[p. 214 modifica]

antigone ed ismene
Ahimè, Parca, di prove miserande
datrice! O venerando spettro d’Èdipo!
Livida Erinni, la tua possa è grande!

Antistrofe.
antigone
Ahimè!
ismene
Ahimè!
antigone
Cordogli a mirare terribili....
ismene
costui mi mostrava, qui giunto.
antigone
Percosso, esalava lo spirito.
ismene
Tornare e morire, un sol punto!
antigone
Qui veramente lascia le sue spoglie.

[p. 215 modifica]

ismene
E al fratello dà morte.
antigone
Miserabil progenie!
ismene
Miserevole morte!
antigone
Lutti di genti che un sol nome accoglie!
ismene
Tristi e tre volte rinnovate doglie!
antigone ed ismene
Ahi, Parca, ahimè, di prove miserande
datrice! Oh venerando spettro d’Èdipo!
Livida Erinni, la tua possa è grande!
antigone
Tu lo sapesti, giunto qui presso,
ismene
tu l’apprendesti nel punto stesso.

[p. 216 modifica]

antigone
perché movevi vêr la tua terra,
ismene
contro il fratello piantato in guerra.
antigone
Orrori a narrare!
ismene
Orrori a mirare!
antigone
Ahimè! affanni...
ismene
Ahimè! danni..
antigone
alla casa ed alla patria,
ismene
a me stessa innanzi tutto!

[p. 217 modifica]

antigone
Ahimè! Ahimè! dove la tomba avranno?
ismene
Ahimè! ahi! Dove piú onorato è il suolo?
antigone ed ismene
Ahi duolo, ahi duolo!
Al par del padre è misero
l’uno e l’altro figliuolo.


Tragedie (Eschilo) II p043.jpg