Il Tesoro I/Libro I/Capitolo XXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XXVIII. Qui dice il cominciamento dei re di Grecia

../Capitolo XXVII ../Capitolo XXIX IncludiIntestazione 17 settembre 2015 75%

Brunetto Latini - Il Tesoro, volume I (XIII secolo)
Traduzione dalla lingua d'oïl di Bono Giamboni (XIII secolo)
Capitolo XXVIII. Qui dice il cominciamento dei re di Grecia
Libro I - Capitolo XXVII Libro I - Capitolo XXIX
[p. 83 modifica]

Capitolo XXVIII.


Qui dice il cominciamento dei re di Grecia1.


Nembrot, quel medesimo che fece la mala torre2 di Babel, ebbe molti figliuoli. Onde il primogenito fu appellato Cres, che fu il primo re di Grecia, e per lo suo nome3 fu appellata l’isola dei Creti4 che si è verso Romania.

Appresso alla sua morte tenne il reame il suo figliuolo Celo. Dopo questo il tenne Saturno suo figliuolo. E5 dopo lui fu Iuppiter suo figliuolo, che fu signore della città d’Atene, e egli la fece e la fondò primieramente. Saturno e Iuppiter, che

__________ [p. 84 modifica]sono delle6 sette pianete le due, credeano le genti che allora erano che elle fossero cadauna Iddio. E però era questo7 Iuppiter appellato Iddio. E ancora hanno così nome queste due pianete. Poi fu il re Cecrope.

E sappiate che Iuppiter ebbe due figliuoli: Danao e Dardanus. Quel Danao fu re nell’isola di Creta, e di Micene, e di Grecia là intorno. Ebbe guerra con Troio re di Troia, e contra Ilum, e con Ganimede. E vinse questo Ganimede8. Onde nacque il primo odio tra li Troiani e Greci.

Appresso la morte di questo Danao regnò in Grecia Pelope suo figliuolo. E dopo la morte di Pelope fu re Atreus. E9 poi fu re Menelao [p. 85 modifica]suo10 figliuolo, che fu marito d’Elena, la quale fu furata da Paris figliuolo del re Priamo di Troia. Dappoi la morte del re Menelao, fu re Agamennone suo fratello. E tanto andò poi di re in re, che Filippo di Macedonia fu re, e poi Alessandro suo figliuolo fu re e imperadore di tutta Grecia11. E d’allora innanzi quelli di Grecia furono chiamati imperadori e non re.


  1. Il t Des rois de Grece.
  2. Di Babel è aggiunto dal traduttore. Quattro codici francesi hanno queste due parole.
  3. Corretto amore in nome col ms. Vis. e col t et por son non.
  4. L’isola dei Creti Grecia. Così le stampe. La parola Grecia manca al t. Forse Creti in Grecia?
  5. l’aggiunta Appresso... figliuolo, è dei mss. Fars. e Vis. cambiato Opi in Celo, conforme al t Après lui fu rois Celus ses filz: après i fu rois Saturnus ses filz. Le stampe dopo Romania, continuano così: e dopo lui fu Iupiter etc.
  6. Che sono delle sette pianete le due, è glossa del Giamboni.
  7. Il t et por ce estoient il nomè dieu.
  8. Oltre le correzioni, col t di Certas in Cecrope, e di Dario in Danao, fu corretto coi mss. Fars. e Vis. il periodo seguente: Quel Dario fu re di Grecia, e dell’Isola di Messina e di Grecia là intorno ebbe guerra contro il re di Troia, ciò fu contra Iluni e Camede. Il t Cil Danaus fu rois en l’isle de Crete et de Mycene, et ot guerre contre Trous, le roi de Troie, et contre Ilum et Ganimeden ses filz, et ocist celui Ganimeden. Il codice capitolare veronese concorda coi mss. Fars. e Vis.
  9. Oltre le correzioni col t di Dario in Danao, e di Filo in Pelope, aggiunsi in Grecia. Il brano e dopo la morte di Pelope fu re Atreus, aggiunsi coi mss. Fars. e Berg. Il t Aprèz i fu li rois Atrius ses filz. Il codice capitolare veronese concorda coi mss. suddetti.
  10. Suo figliuolo, è aggiunta di messer Bono.
  11. Fu re, e poi, Alessandro figliuolo, aggiunti col ms. Vis. e col t fu rois, et puis Alixandre ses filz.