Il cavaliere e la dama/L’autore a chi legge

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L’autore a chi legge

../Lettera di dedica ../Personaggi IncludiIntestazione 25 giugno 2019 25% Da definire

Lettera di dedica Personaggi

[p. 195 modifica]L’AUTORE

A CHI LEGGE.

QUANIX) pensai a scrivere le Commedie in servigio del Tea- tro, ed a togliere, per quanto avessi potuto, le infinite impro- prietà che in esso si tolleravano, mi venne in mente di smasche- rare i ridicoli, bandire gli Zanni e correggere le caricature dei Vecchi. Ma ci pensai assaissimo, e pensandoci appresi che, se ciò avessi fatto, mille ostacoli mi si sarebbono opposti, e che non do- vevasi sulle prime andar di fronte al costume, ma questo a poco a poco procurar di correggere e riformare.

In fatti nel primo e secondo anno di tale mio esercizio non ho azzardata Commedia alcuna senza le maschere, ma queste bensì a poco per volta sono andato rendendo men necessarie, facendo vedere al popolo, e toccar con memo, che si poteva ridere senza di loro, e che anzi quella specie di riso, che viene dal frizzo no- bile e spiritoso, è quella ch’ è propria degli uomini di giudizio.

Provai una Commedia senza le maschere, e questa fu la Pa- mela ; vidi che non dispiacque, ed io ne feci alcun’ altre, felici tutte egualmente. Veggendo io dunque che tra i teatri d’ Italia vanno gustando un ridicolo nobile, senza mendicarlo dalla carica- tura dei volti o dell’ abito, ho levato le maschere anche da questa, sembrandomi che la nobiltà dell’ argomento lo richiedesse. Ciò spero riuscirà grato principalmente a quelle persone che si compiacciono recitare le mie Commedie per passatempo, non essendo sì facile fra’ dilettanti trovar le maschere colla varietà dei dialetti.

Penetrai altresì che in Firenze si erano le Commedie mie rap- presentate senza le maschere, cambiate m altri caratteri da persone di abilità e di talento, e mi consolai che colà si facessero le mie Commedie, trovandomi onorato moltissimo che da sì dotta e colta Nazione si soffrano e si coltivino le imperfette opere mie. Quando poi le ho vedute in Firenze io stesso rappresentare, non posso ba- stantemente esprimere quanto siasi accresciuto il mio giubilo, e [p. 196 modifica]quanta compiacenza mi abbia recato il vederle con tanta esattezza, con tanta verità e spinto rappresentate. Io le ho trovate sì ben dirette, che nulla mi resta da suggerire. Il Direttore di esse è il più bravo Attore (a) del mondo, lo ne sono contento e deggio rendergli pubblicamente giustizia.

(a) Pietro Perlici, assai noto al mondo per l’ eccellente sua abilità nelle parti buffe per musica, e presentemente bravissimo Attore nelle Commedie in prosa in Firenze.