Il corsaro/Canto III/II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filosofia

Canto III
II ../I ../III IncludiIntestazione 3 marzo 2011 100% poesie

Canto III - I Canto III - III
[p. 80 modifica]

II.

Atene bella! Altro, ben altro in mente
Subbietto I’ volgo, eppur sempre a te vola
Il mio pensier. Oh! chi il natìo tuo mare
Vide una volta, e fremer non si sente
Il magico tuo nome in petto ognora?
Atene bella! Chi mirò il tuo volto,
Quando la sera placida l’imbruna,
E obblìarlo potrìa? Non chi, qual’io
Fra le agruppate Cicladi s’aggira,
Quasi tratto da incanto, e fra’ suoi carmi
Un carme, non estranio a Te, consacra;
Questa ch’io canto, del Pirata asilo,
Isola fu tuo regno un giorno; oh, rieda
De le tue leggi al dolce impero! Oh, seco
La prisca alfin tua Libertà ritorni!