Il delatore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1843 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. I, 1916 – BEIC 1901289.djvu sonetti Il delatore Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Sogno dell'alba Campagnuoli sapienti
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta III. Dai 'Canti per il popolo'
[p. 103 modifica]

III

IL DELATORE

Le orecchie intente, "li sguardi bassi,
tu come un’ombra segui i miei passi:
se un lieve accento muovo al compagno,
ratto ti sento sul mio calcagno,
5Va’, sciagurato! mi metti orrore;
sei delatore)
Ma, quando mangi pan guadagnato
con l’abbiettezza del tuo peccato,
la bieca larva del tradimento
10non ti sta presso? non n’hai spavento?
Va’, sciagurato! mi metti orrore;
sei delatore!
Il sol la luce dovria negarti;
mai col tuo nome nessun chiamarti,
15ma con quell’altro, che ti dispensa
pane e vergogna sull’empia mensa.
Va’, sciagurato! mi metti orrore;
sei delatore!

[p. 104 modifica]

Talora il ladro chiamo infelice,
20degna di pianto la meretrice;
da me un’ascosa lagrima ottiene
sin l’omicida stretto in catene:
ma tu, tu solo mi metti orrore;
sei delatore!
25Va’, sciagurato! cala il cappello,
ti ravviluppa nel tuo mantello,
e, se un istante sul cor ti pesa
la mia parola, cerca una chiesa,
e piangi, e grida: — Pietá! Signore;
30son delatore! —
Lá solamente, presso a quel trono,
può la tua colpa trovar perdono;
impauriti de’ tuoi tranelli,
piú sulla terra non hai fratelli.
35Va’, sciagurato! mi metti orrore;
sei delatore!