Ilario e Gaudenzio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
ladino

Michele Agostini XIX secolo Ilario e Gaudenzio Intestazione 13 marzo 2016 50% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT



Vernacolo di Colle S. Lucia - scritto da Don Michele Agostini


Dialogo Ilario e Gaudenzio


Il.

Bona sera e ben venuto compare! L' è un pez che no ve vede. Com' è la juda sul viaz per la Pustraria? Contéme valch novità.

Gaud.

In conclusion son content d'esser stat enĉia a Lienz e da chelle bande. 'L temp è stat semper a favor: Ne' piova ne' zol no m' ha molestà gran fatti. E per chesta reson hai fatt mez el viaz a pè. La val della Drava è bella fin a Mittewald. Chel canal poi fin a Leisach e rincresséol. Ma a Leisach se presenta un bel quadro, se vede Lienz e tante ville dutt intor. La piccola zittà è bella e monda, no miga come 'nte zerte zittà dell'Italia e massima in zerti villaggi. A Lienz non è palázzi nè gran signori, che se sa, ma neanca gran povertà. Dutta la situazion è ʃuperba. In Italia vedè un villazzio, doi o trei palaz, la ite doi o trei sior o tirannelli, e 'l rest cento baracche e povertà e miserie.

Il.

La è cosi. E le campagne? e 'l raccolto?

Gaud.

La jent se contenta. a S. Candido e Sillian le biave madure press' a puoc come a Col. Ma a Lienz la raccolta l' eva pì avanzada. Se diseva de avè patì per mancanza de piova. Ogni tant una piccola piova, che bagna un momento la crosta. In fatti hai osservà, che 'l formenton somenà darè la ʃiala leva a pena come 'l nost a Col.

Il.

La ʃent?

Gaud.

La ʃent è bona in ogni cont. La dimostra religion ʃoda e timor de Dio. Son stat azzettà per dut con belle maniere, e son obbligatissimo. Basta osservà i piccoi scolari, per cognesse la jent de un luoc. Un puoc de cà de Sillian hai incontrà i scolari che vigniva dalla scola, i piccoi davant e le piccole darè, dutg senza 'l minimo strepido, ʃodi puliti, i me ʃaludava e sen ʃiva per i fatti ʃuoi. Alla domanda, come se ciamassa la ʃua villa, i m' ha dit, che ʃe ciama Arnbach. Me pensave: Bella differenza da chis e chi dei nuos vising a Caprile, Allie e Zenzenie, che par tantg de sbirri e fioi de Belial.

Il.

Ah si! Sia pur benedetta la nazion tirolesa, che conserva la religion e un po' di ordine. Grazia a Dio sion ancora Tirolesi.

Gaud.

Ma su sto confin se sta mal affatto. Oh se fossa possibile vende dutte le mie bagatelle e scampà de fora in Pustraria, ʃarave ben dutt auter vive. E che la pensa così no son miga ʃol. Me diseva da puoc un da nossa villa, che se i ne mett' sotto l' Italia, el se fa portà ancora sul lett della mort fora da mont.

Il.

Ĉi voleo? La provvidenza ha destinà così. Ne toccarà avè pazienza e combinà le cose alla meio coi confinanti.

Gaud.

Si, ma disè ĉi che volè, la è dura in ogni contt. Prima ne manĉia la strada per la comunicazion col Tirolo da podè provvede 'l nezessario da chella banda senza dazio. Comprè adess biava, forment, sorec in Agord, paghè dazio a Caprile e in Collaz, calcolè l'agio. Ĉi ve resta alla fin? E senza dazio non se passa, provela, che starè fresco.

pagina:432

Il.

Avè piena reson. Le guardie della finanza dì e nott' in ronda come se non fossa auter che ladri a Coll e Vinallongo, il ricevitor semper sulla fenestra colla mira alla stanga a vede, se un passa o urta la ite, propio come l' aragn, che spia dalla sua tana, se una mossa va a se piccà 'nte la tela, e po' fora, ʃauta al pelo.

Gaud.

Pazienza ancora. Lori fa' l suo uffizio. E po' sul confin de stato cheste l' è cose necessarie. Se non fosse valg de peso -

Il.

Ĉi voleo di?

Gaud.

L' è mascima empie i costumi corrotti, e dut l' mal, che colla brava libertà e stat somena in Italia fin a sto confin. Bogna sentì i spropositi e le resìe che i parla finanamai tra la jent bassa, massima la joventù. 'L mal s' avanza come un onda negra fin a ste mont, ma spere, che 'l confin nol passarà. Grazie a Dio la jent nossa ha un bon criterio e un po' de sentimento cristiano, e non se lassarà ingannà, ma giudicarà l' albero dai frutti.

Il.

Avè reson, anzi me par che enĉia tra de lori un o l' auter cognese, che la novità non ha portà i frutti che i sperava. Diversi ʃen lassa fora, che i starave pì volentieri con noi tirolesi.

Gaud.

Si, un fregol alla ota i la capida, ma sul principio i eva ben dutg della medesima pasta, e spettava il secondo Messia, Vittorio: Eh siamo finalmente liberi dalla tirannia dei Todeschi! Viva Vittorio, credendo, ch' el vegnissa de longo colle mule de Paoletto ciariade de genue a pajè dutta le cráchesa. E festa del statuto, e festa de Vittorio e sona pur chelle puore ĉiampane. Quante beatitudini! In fin a mai un s' ha pensà, jà avarà sentì, de menà sue armente (vaĉĉe) fora per piazza fornide con gherlande a uso tirolese. Sarà stat le sett vaĉĉe un fregol grasse dell'Austria, ma de longo dapò l' è capità le sett magre a sele divorà.

Il.

ai vedù? I è restai incantai a sentì il nuovo prezzo del sal, del tabac, la carta, la imposta sulla másena, e po' incamerà i beni dalle gesie. Viva l' Italia una! Adess che la gran bala e passada, i sent 'l mal de testa, lauda l' Austria, benedetti i Todeschi, al manco una gran part della bassa popolazion la pensa così. Non è tant, che un davant la botega dal tabac se levava in ponta de pè e se rampinava su per 'l mur per da un baso all' acquila austriaca. E massima la puora jent, che ven su per limosena sarave ben contenta de podè tornà sott all' Austria, sott' all' acquila, che davant i buttava 'nte le spazzadure.

Gaud.

S. Marco! La sarave bella, se ancora i nolla capissa. In te la scola nuova dei liberali italiani i da lezioni, che insegna la creanza enĉia ai asini.

Il.

È verissimo. I se l'ha meritada, ma zerti e forsa la maor part ha fallà per ignoranza, l' è stà un inganno ordì dai Siori, che prometteva (impermetteva) un paradiso in terra. De una cosa me faje marevea, che fin mai 'l Clero è stat così facile a crede tanta impostura e s' à lassà mette su fin mai a se giavà stess la fossa. Adess el vorave sautà fora el, ma non è pì tempo.

Gaud.

Almanco i preve ava da capì chel tant. Ma enĉia la popolazion bassa non è tant perdonabile. I vedeva pur, che la revoluzion perseguitava 'l Papa e la chiesa, e ogni religion.

pagina:433 Un orbo lo vedeva, che bognava decider: Volon stà col S. Padre, e no con chella marmaja, che 'l perseguita.

Il.

Diaolo! La è ĉiara.

Gaud.

Vardè mo i Tirolesi; e popolo e Clero i varde del bon vers, ha la mira a Roma, al Papa ai Vascovi, i no crede miga, che sie dutt oro chel che luss a Vienna. No credaròn mai, che 'l matrimonio civile paghe i debiti, e stroppe i buss della cassa erariale. Il. Dighe enĉia mi, ston mal enĉia noi, e podòn lassè in paje i Taliani. Iddio ne la mande bona a noi e a lori. Bona nott.