Io fui già capra, ben ch'or otre sia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bindo Bonichi

XIV secolo I Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Io fui già capra, ben ch’or otre sia Intestazione 22 giugno 2017 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Bindo Bonichi


[p. 147 modifica]

     Io fui già capra, ben ch’or otre sia,
E veggiomi da capre dispettato
C’hanno di vizi sì l’cuoio intaccato
Ch’otre non n’uscirìa ch’utile sia.
5     Danza nel bestial ballo asinarìa
Che non discerne virtù da peccato:
L’asin c’ha maggior coda è sublimato,
E la canaglia gli dà la balìa.
     Brutti animali agli altri fanno torto,
10Perchè son tanti in numero e ’n grandezza
Ch’e’ pochi prender non posson conforto.
     Provedi, Dio, che sei verace altezza;
Sì che ’l razïonal che vive morto
Non venga meno in tal vivendo asprezza.