Io mi credea la debil navicella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Faustina Maratti

1723 Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Io mi credea la debil navicella Intestazione 4 novembre 2016 75% Canzoni

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
[p. 38 modifica]

XXIII


Io mi credea la debil navicella
     Rotta dall’onde e stanca di cammino
     Ritrar nel porto che scorgea vicino,
     Che troppo corse in questa parte e in quella

[p. 39 modifica]

5E credea già calmata ogni procella,
     E sazio in parte il mio crudel destino,
     E che il Ciel più sereno a me il divino
     Raggio mostrasse di propizia stella.
Ma da barbaro clima un vento è sorto,
     10Che mi sospinge a forza in uno scoglio,
     Talchè il naviglio ahi fia dall’onde assorto!
E sì del vento rio cresce l’orgoglio,
     Che la tema di morte in fronte io porto,
     Ma pur convien ch’io vada ov’io non voglio.