Istoria del Concilio tridentino/Libro secondo/L'arcivescovo di Colonia deposto da Cesare. Il re d'Inghilterra muore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo

L'arcivescovo di Colonia deposto da Cesare. Il re d'Inghilterra muore

../Il papa, temendo del concilio, si risolve a trasferirlo in Bologna ../Diversità di parere fra' legati, e difficoltà in concilio sopra le dispense, la residenza e la reforma de' cardinali IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Storia

Libro secondo

L'arcivescovo di Colonia deposto da Cesare. Il re d'Inghilterra muore
Libro secondo - Il papa, temendo del concilio, si risolve a trasferirlo in Bologna Libro secondo - Diversità di parere fra' legati, e difficoltà in concilio sopra le dispense, la residenza e la reforma de' cardinali

Ma in Germania, essendo accommodate con Cesare gran parte delle città attorno il Reno et avendo anco l’elettor palatino fatto desister i ministri da lui introdotti dal passar piú oltre, vedendo l’imperatore occasione di poter escludere l’arcivescovo di Colonia, mandò due commissarii, facendo ridur tutti gli ordini accioché l’abbandonassero e ricevessero per vescovo e prencipe Adolfo, coadiutore, e gli rendessero obedienza e giurassero fedeltà. Gli ecclesiastici furono pronti a farlo per le cause altre volte dette. La nobilità e gli ambasciatori delle città ricusarono, con dire di non poter abbandonare il prencipe a cui avevano giurato. Il duca di Cleves, avendo i suoi Stati vicini, si interpose; mandò all’arcivescovo e fece che vi andassero anco i primi della nobiltà, per pregarlo di trovar modo come tutto lo Stato non fusse dissoluto, con danno estremo de’ popoli vicini. L’arcivescovo, mosso a compassione, per non metter guerra in quel dominio et acciò il popolo innocente non patisse, generosamente renonciò lo Stato et assolvé i sudditi dal giuramento, e cosí fu ricevuto Adolfo per suo successore, il quale egli aveva sempre amato da fratello e participatogli tutte le cose che faceva per riforma della Chiesa, et ora si vedeva d’altro parer, o perché fosse mutato, o per altra causa.

In Trento nel mezo di febraro andò aviso della morte del re d’Inghilterra, successa nel mese inanzi, di che i padri resero grazie a Dio et andarono quasi tutti a visitare il vescovo di Vorcestre, congratulandosi con esso lui che il regno et egli medesimo fossero (dicevano) liberati dalla tirannide d’un acerbo persecutore, attribuendo anco a miracolo che fosse passato di questa vita lasciando un figlio in età di 9 anni, acciò non potesse immitare le vestigie paterne; e veramente non le immitò in tutto. Perché Enrico, se ben aveva levato afatto l’autorità del pontefice sopra quel regno et imposto pena capitale a chi gli aderisse, nondimeno ritenne sempre constantemente nel resto la dottrina della Chiesa romana; ma Edoardo (che cosí era il nome del figlio), governato dal duca di Somerset, suo zio materno, inclinato alla dottrina de’ protestanti, mutò la religione, come a suo luogo si dirà.