Istoria delle guerre persiane/Libro secondo/Capo XX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capo XX

../Capo XIX ../Capo XXI IncludiIntestazione 12 febbraio 2015 75% Da definire

Libro secondo - Capo XIX Libro secondo - Capo XXI

[p. 225 modifica]

CAPO XX.
Terza scorreria di Cosroe in quel de' Romani — Sua malvagità sacrilega verso Candido vescovo di Sergiopoli. — Tenta sorprendere questa città. — Vuol condurre l’esercito nella Palestina, e mettere a sacco il tempio Gerosolimitano — Frettoloso ritorno di Belisario in Persia. — Lettera di Giusto nipote di Giustiniano a Belisario. — Risposta del condottiero.


I. All'apparire di primavera Cosroe figliuol di Cavado assalì una terza volta con oste poderosa le imperiali terre aventi l'Eufrate a sinistra. Valicatene le frontiere, Candido vescovo di Sergiopoli rimembrandosi trasgressore delle promesse dapprima fattegli n’ebbe grave temenza per sè e per la città; non di meno sentendolo vicino con tutto l'apparato guerresco, andogli spontaneamente innanzi per ottenerne perdono e supplicarlo che non punisse di sue colpe l'innocente Sergiopoli; e’ [p. 226 modifica]adduceva a propria giustificazione la insuperabile difficoltà incontrata nel procacciare la pattovita somma, rifiutandosi anch’egli Giustiniano di esaudire con qualche sovvenimento di danaro i fervorosissimi suoi preghi.

II. Il Persiano rigido sempre più contro di lui ritennelo prigione, e v’aggiunse l'ordine di fargli ogni vituperio nella persona, oltre di che addoppiò il già convenuto riscatto. Chiestagli poscia dal prelato la facoltà di spedire in Sergiopoli per ispogliare il tempio di tutta la preziosa suppellettile v’acconsenti, dando a compagni de’ministri di lui altre sue scorte1. Arrivati costoro, i Sergiopolitani eseguirono della miglior fede l’ordine avuto e rimandaronli con l'affermazione di non aver [p. 227 modifica]commesso trafugamento alcuno. Ma Cosroe fingendosi non pago del valore di que’ sacri arredi vi mandò nuovi ministri coll'ordine apparentemente d’investigare se il tempio conservasse. tuttavia un che di prezioso, tendendo in effetto la sua mandata a conoscere se fossevi mezzo di sorprendere all'improvista la città.

III. Stando però negli eterni decreti che andassero falliti gli insidiosi piani del’ barbaro, uno de’Saraceni, cristiano, di nome Ambro e sotto le insegne di Alamandaro, accostatosi nelle tenebre alle porte disvelse ai cittadini l'ordita trama, e diede loro il consiglio di non permettere l'entrata in esse ad uom de’ Persiani. II re vedendo retrocedere gli esploratori senza aver dato compimento a’ suoi ordini, deliberò la rovina di Sergiopoli mandandovi incontamente sei mila guerrieri ad assediarla e a diroccarne le mura. Il presidio tennesi da principio valorosamente, ma quindi scoraggiato dal pericolo e dal poco suo numero, sommando appena dugento gli idonei alle armi, risolvè di patteggiare cogli assalitori. Così era la bisogna quando nel buio della notte rivenne Ambro ad annunziargli che tra due giorni il nemico leverebbe l'assedio per la totale mancanza d’acqua e quello pieno d’allegrezza depose ogni pensiero di arrendimento. Nel secondo giorno di fatto i barbari arsi dalla sete di la movendo tornarono presso del re, il quale in vendetta dell'avvenuto non accordò più al vescovo di tornare alla propria sede. Or parmi avere costui portato la pena dell’essere addivenuto spergiuro; ma di tali vicende a bastanza si è detto. [p. 228 modifica]

IV. Entrato Cosroe nel paese de’Commageni detto Eufratesia2, nè volendo arrestarvisi per raccorne bottino, anche di troppo da lui manomesso nella prima scorreria3, divisò invece comparire all'improviso tra’ Sirii, ed ora debellavane le città, ora imponeva loro gravissimi tributi, sempre a sè stesso conforme nei suoi diportamenti. Ed ebbe sino il pensiero di procedere al dritto verso la Palestina4, informatissimo della ubertà di quelle terre e del molto oro posseduto dagli abitatori, col proposito di saccheggiarne i tempj, e principalmente la [p. 229 modifica]sacra e preziosa suppellettile del Gerosolimitano; nè ai Romani, duci e truppe, bastò l'animo di affrontarlo o di essergli molesti per la via, deliberando invece riparare ne’ luoghi muniti, e difenderli com’e’ potessero il meglio.

V. Se non che Giustiniano avvisato della spedizione di Cosroe elesse nuovamente Belisario a’ condottiero dell’esercito contro i Persiani, e questi partì di subito co’ pubblici cavalli per accelerare l'arrivo nel'Eufratesia. Divulgatasi la sua venuta, Giusto, nipote dell’imperatore, e Buze ed altri duci riparati entro Gerapoli inviarongli una lettera del tenore seguente:

VI. «Cosroe, ti è noto, marcia contro di noi alla testa d'un esercito ben più forte del primo: ignoriamo ancora dove tenda, ma e di certo da qui non lunge, e passa oltre non depredando la calcata regione. Se brami conservare la tua libertà per usarne a pro dell'imperatore, di noi stessi e de’ Gerapolitani non hai miglior partito a scegliere che quello di rinchiuderti entro queste mura». Belisario nondimeno, riprovando il consiglio e la pusillanimità loro, avviossi incontamente ad Europo5, castello presso dell'Eufrate, e raccolto l’esercito da ogni banda vi pose il campo; dopo di che tal riscrisse ai prefati duci.

VII. «Se Cosroe prendesse a guerreggiare uomini [p. 230 modifica]non romani o sudditi dell'imperio, buono e provvido giudicherei il vostro consiglio, sendo follia l'andare in traccia di pericoli allorchè possiamo avere sicurezza nel riposo; ma quando il barbaro vuol partirsi di qui per iscorrazzare altra provincia dell’imperator nostro e questa ottima ed inerme, reputo migliore avviso il morire valorosamente combattendo, anzi che metterci fuor di guai con vituperio senza cimentare la sorte delle armi, nomandosi ciò tradigione e non salvezza. Affrettatevi dunque di venire in Europo, dove raccogliendo tutto l'esercito che Dio ne ha dato avrem mezzo di travagliare il nemico». I duci al ricevere della lettera n’ebbero grande letizia e rincoramento; quindi, commessa a Giusto la difesa di Gerapoli, gli altri tutti colle truppe entrarono in cammino alla volta del castello.

  1. (Procopio, lib. ii degli Edifizj, cap. 9) «Nella contrada dell’Eufrate v’ha un tempio dedicato a Sergio, santo di grande rinomanza, dagli antichi tanto venerato, che chiamarono quel luogo Sergiopoli. L’aveano cinto di una piccola muraglia, bastante a trattenere i Saraceni di quelle parti nel primo loro impeto; se avessero voluto violarlo, poichè non sono fatti i Saraceni per assaltare luoghi murati; e per ciò quella muraglia contro d’essi bastava, quantunque debolissima, e fatta di terra. Quel tempio poi era anche illustre per le molte offerte, e per la sacra suppellettile. Le quali cose prese avendo Giustiniano in considerazione, cinse il luogo di mura fortissime, e lo provvide di acqua, avendone raccolta gran quantità in opportuni serbatoi. Vi fece inalzare ancora case, portici, ed altri edifizii, quali sogliono adornar le città; e vi pose un presidio ad opportuna difesa. E di fatti avendo Cosroe, re dei Persiani, bramosissimo di conquistare la città, posto ad essa l’assedio con grande esercito, per la saldezza delle fortificazioni fu obbligato a ritirarsi senza alcun costrutto.»
  2. (1) Scilicet Euphratesia leggiamo in Teodoreto, medio aevo dicta fuit, quae olim fuit Commagena, ampliatis paullisper finibus ( lib. ii). Plinio laconicamente ne stabilisce i limiti con queste parole: Cingilla Commagenem finit, Imma civitas incipit. Così poi Strabone parla di lei: «La Commagene, piccolissima regione, ha Samosata, città naturalmente forte e capitale del regno; ora e addivenuta provincia. Le sue terre sono poche in vero, ma fertili assai» (lib. xvi).
  3. (2) V. cap. 5 e seg. di questo libro.
  4. (3) La Palestina, detta parimente Giudea, termina da settentrione colla Siria, da levante e meriggio coll’Arabia Petrea, e da occaso coll'egizio continente che giugne sino al mare» (Tolom., lib. v, cap. 16). Ammiano Marcellino così la descrive: Ultima Syriarum est Palaestina per intervalla magna protenta, cultis abundans terris et nitidis, et civitates habeas quasdam egregias, nullam nullis cedentem, sed sibi vicissim velut ad perpendiculum aemulas: Caesaream, quam ad honorem Octaviani principis exaedificavit Herodes, et Eleutheropolim, et Neapolim, ibidem que Ascalonem, Gazam et Iuliam aevo superiore extructas (lib. xiv, cap. 26). V. Strab., lib. xvi; Tacito, lib. v Hist, cap. 6 e 8.
  5. (1) Nominato da Plinio con queste parole: In Syria oppida, Europum, Tapsacum (lib. v).