L'Ave

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
friulano

Ercole Carletti Arturo Zardini 1912 L Canti cantastoria L’Ave Intestazione 06 febbraio 2010 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 «Duar, duar vissare mè, fâs la nanute
che ven subit la mame cul tetìn:
3il passarin ià dìt che la so frute
         
úl vêle. Vé c'al ciale al fignestrin
sint c'al tiche sui véris! Su, da brave,
6no vai, no vai, miò biel voglìn,

 speranze mè! » Il cûr antic da l'ave
al ere strac di bati e di patî,
9ma la bambine no si cuietave.

Oh strussià, lambicasi dut il dì,
e no vè mai finît co je la sere,
12e ogni dì, ogni stagion, ogni an cussì!

Signór, Signór scoltàit la mé preiere!
indurmidile Vó, Signór, se us plâs!
15cuietàit cheste fie che si dispere!

daimi un'ore, un ore sol di pâs!.


Traduzione

«Dormi, dormi amore mio, fai la nanna
Che vien subito la mamma ad allattarti
3Il passerotto le ha detto che la sua bambina

la vuole: ecco che guarda alla finestra,
senti che ticchetta sui vetri! Su da brava
6non piangere, non piangere, mio bel tesoro
 
speranza mia…». Il cuore antico della nonna
Era stanco di battere e di patire,
9ma la bambina non si acquietava…

Logorarsi e tribolare tutto il dì
E non aver mai finito quando è la sera
12Ogni dì, ogni stagione, ogni anno così.

«Signore, Signore, ascoltate la mia preghiera!
Addormentatela voi, Signore, se vi piace!
15Acquietate questa figlia che si dispera!

datemi un’ora, una sola ora di pace!».