L'alta speranza, che mi reca Amore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

L Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Canzoni Letteratura Intestazione 16 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 65 modifica]

     L’alta speranza, che mi reca Amore,
D’una donna gentil ch’i’ ho veduta,
L’anima mia dolcemente saluta
E falla rallegrar dentro allo core:
5Per che si face, a quel ch’ell’era, strana,
E conta novitate,
Come venisse di parte lontana;
Che quella donna piena d’umiltate
Giugne cortese e piana,
10E posa nelle braccia di pietate.

[p. 66 modifica]

     E son tali e’ sospir d’esta novella,
Ch’io mi sto solo perchè altri non gli oda;
E ’ntendo Amor, come madonna loda
Che mi fa viver sotto la sua stella.
Dice ’l dolce signor — Questa salute15
Voglio chiamar laudando
Per ogni nome di gentil vertute;
Che propriamente tutte ella adornando,
Son in essa cresciute,
Ch’a buona invidia si vanno adastando.20
     Non può dir nè saver quel ch’assimiglia
Se non chi sta nel ciel, ch’è di lassuso:
Per ch’esser non ne può già cor astioso;
Chè non dà invidia quel ch’è meraviglia,
Lo quale vizio regna ove è paraggio.25
Ma questa è senza pare;
E non so essempio dar, tanto ella è maggio:
La grazia sua a chi la può mirare
Discende nel coraggio,
E non vi lassa alcun difetto stare.30
     Tant’è la sua vertute e la valenza,
Ched ella fa meravigliar lo sole;
E, per gradire a Dio in ciò ch’ei vôle,
A lei s’inchina e falle riverenza.
Adunque, se la cosa conoscente35
L’ingrandisce et onora,
Quanto la de’ più onorar la gente?
Tutto ciò ch’è gentil se n’innamora:
L’aer ne sta gaudente,
E ’l ciel piove dolcezza u’ la dimora. — 40
     Io sto com’uom che ascolta e pur disìa
D’udir di lei, sospirando sovente;
Però ch’io mi riguardo entro la mente,
E trovo pur ch’ell’è la donna mia:
Onde m’allegra Amor e fammi umìle45
Dell’onor ch’ei mi face;
Ch’io son di quella ch’è tutta gentile,
E le parole sue son vita e pace;
Ch’è sì saggia e sottile.
Che d’ogni cosa tragge lo verace.50

[p. 67 modifica]

     Sta nella mente mia, com’io la vidi,
Di dolce vista et umile sembianza:
Onde ne tragge Amor una speranza,
Di che ’l cor pasce e vuol che ’n ciò si fidi.
In questa speme è tutto ’l mio diletto;55
Ch’è sì nobile cosa,
Che solo per veder tutto ’l suo effetto
Questa speranza palese esser osa;
Ch’altro già non affetto
Che veder lei che di mia vita è posa.60
     Tu mi pari, canzon, sì bella e nova,
Che di chiamarti mia non haggio ardire:
Di’ che ti fece Amor, se vuoi ben dire.
Dentro al mio cor che sua valenza prova,
E vuol che solo allo suo nome vadi,65
A color che son sui
Perfettamente, ancor ched ei sian radi,
Dirai — Io vegno a dimorar con vui,
E prego che vi aggradi
Per quel signor da cui mandata fui. — 70

(Confrontata e corretta su la edizion giuntina citata e su la lezione che ne dà il Fraticelli nelle Rime apocrife di Dante, ecc.)