L'ira d'Apollo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Manzoni

1816 L Indice:Opere varie (Manzoni).djvu Poemi letteratura L'ira d'Apollo Intestazione 25 maggio 2014 100% Poemi

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT



[p. 724 modifica]



Vidi (credi, se il vuoi, volgo profano!)
     Vidi, là dove inalzasi,
     E nel Lario si specchia il Baradello,
     4Il Delfico calar Nume sovrano,
     E su la torre aeria
     Ristar de l’antichissimo castello:
     Gli spirava dal volto ira divina,
     8E da la chioma odor d’ambrosia fina.

Sperai che, quale in su la rupe ascrea,
     O sul giogo parnassio,
     Dolce suono ei trarria da la sua cetra;
     12Ma il Nume che tutt’altro in testa avea,
     Piegando il braccio eburneo,
     Stese la man sul tergo a la faretra,
     Con due dita ne tolse acuto strale,
     16L’arco tese: fremè l’arco mortale.

Ove su l’ampio verdeggiar dei prati,
     Fra i balli delle Najadi,
     Sorge l’alta Milan, la mira ei volse:
     20Me comprese terror pei lari amati,

[p. 725 modifica]

     E da le labbra tremule
     La voce a stento ad implorar si sciolse:
     «Ferma, che fai? deh! non ferir; perdona,
     24Santo figlio di Giove e di Latona!»

Al dardo impazïente il vol ritenne,
     E a me rivolto in placido
     Sembiante, a dir mi prese il Dio di Delo:
     28«Fino a noi da quei lidi il grido venne
     D’uom che a sfidar non pavido
     Tutti gli Dei, tutte le Dee del cielo:
     E l’audacia di lui resta impunita?
     32Pera l’empia città che il lascia in vita.»

«Deh! per Leucotoe» io dissi «e per Giacinto,
     Per la gentil Coronide,
     Per quella Dafne sovra ogni altra amata,
     36De la cui spoglia verde il capo hai cinto,
     Poni lo sdegno orribile,
     Frena la furia de la destra irata:
     Pensa, o signor di Delfo, almo Sminteo,
     40Che, se enorme è la colpa, un solo è il reo.

Un solo ha fatto ai Numi vostri insulto,
     Spinto da l’atre Eumenidi;
     Egli è il solo fra noi che non v’adora;
     44Non obliar per lui degli altri il culto:
     Vedi l’are che fumano,
     Vedi il popolo pio che a voi le infiora,
     Ascolta i preghi, odi l’umìl saluto,
     48Che il Cordusio ti manda e il Bottonuto.

Tutto è pieno di voi. Qual rio cultore,
     Non invocata Cerere,
     I semi affida a l’immortal Tellure?
     52Ad ardua impresa chi rivolge il core,

[p. 726 modifica]

     Se a la Cortina delfica
     Il vel non tenta de le sorti oscure?
     Quale è il nocchier che sciolga al vento i lini
     56Pria di far sacrificio ai Dei marini?

Voi, se Fortuna a noi concede il crine
     O volge il calvo, amabile
     E perenne argomento ai canti nostri.
     60Così le greche genti e le latine
     Voi regnator cantavano
     E degli olimpi e dei tartarei chiostri.
     E, noi che in voi crediamo al par di loro,
     64Non sacreremo a voi le cetre d’oro?

Sommo Tonante, occhi-bendato Arciero,
     De la donzella Sicula
     Buon rapitor, che regno hai sovra l’ombre,
     68Tu che dal suolo uscir festi il destriero,
     Giunon, Gradivo e Venere,
     Tu che il virgineo crin d’ulivo adombre;
     Io per me mi protesto, o Numi santi,
     72Umilissimo servo a tutti quanti.

Fa luogo, o biondo Nume, al mio riclamo;
     Non render risponsabile,
     Per un sol che peccò, tutto un paese:
     76Lascia tranquilli noi, che rei non siamo;
     E le misure energiche
     Sol contra l’empio schernitor sien prese.»
     Tacqui, e m’accorsi al suo placato aspetto,
     80Che il biondo Dio gustava il mio progetto.

Lo stral ripose nel turcasso, e disse:
     «Poichè quest’empio attentasi
     Esercitar le nostre arti canore,
     84Queste orribili pene a lui sien fisse:

[p. 727 modifica]

     Lunge dai gioghi aonii
     Sempre dimori, e da le nove Suore;
     Non abbia di castalia onda ristauro,
     88Nè mai gli tocchi il crin fronda di lauro.

Salir non possa il corridor che vola,
     Non poggi mai per l’etera;
     Rada il basso terren delvostro mondo;
     92Non spiri aura di Pindo in sua parola;
     Tutto ei deggia da l’intimo
     Suo petto trarre, e dal pensier profondo;
     E sia costretto lasciar sempre in pace
     96L’ingorda Libitina e il Veglio edace.

E perché privo d’ogni gioja e senza
     Speme si roda il perfido,
     Lira eburna gli tolgo e plettro aurato.»
     100Un gel mi prese a la feral sentenza,
     E sbigottito e pallido
     Esclamai: «Santi Numi, egli è spacciato!
     E come vuoi che senza queste cose
     104Ei se la cavi?» — «Come può,» rispose.

Tacque il Nume, e ristette somigliante
     A la sua sacra immagine
     Che per greco scalpel nel marmo spira;
     108Dove negli atti e nel divin sembiante
     Vedi la calma riedere,
     E sul labbro morir la turgid’ira;
     Spunta il piacer de la vittoria in viso,
     112Mirando il corpo del Pitone anciso.


fine.