La Cicceide legittima/I/LXXXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

LXXXI ../LXXX ../LXXXII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - LXXX I - LXXXII
[p. 42 modifica]

A D. Ciccio grasso figlio di Padre gracile,

lxxxi.

COlor, che vostro Padre han conosciuto,
     Il qual fu magro, e lungo di statura,
     Stupiscono, che voi siate venuto
     4A guisa d’una sferica figura:
Anzi alcuno di lor, che v’ha veduto
     Di così differente architettura,
     Tien che sua moglie, fattalo un cornuto,
     8Fuor di casa cercasse altra pastura.
Altri però, ch’han sensi assai migHori,
     Difendono, e con ottime ragioni,
     11Che voi v’assomigliate a’ Genitori,
Perchè, giusta le ferme opinioni,
     Che corrono tra’ Fisici scrittori.
     14Quei, che generan l’uom, sono i C....»