La Cortigiana (1525)/Atto terzo/Scena dodicesima

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo
Scena dodicesima

../../Atto terzo/Scena undicesima ../../Atto terzo/Scena tredicesima IncludiIntestazione 30 maggio 2008 75% Teatro

Atto terzo - Scena undicesima Atto terzo - Scena tredicesima

Flaminio, solo.

Flaminio
Io ragiono voluntieri con Valerio, perché è discretissimo giovene e servente e vuolmi bene, benché è a molto miglior mercato el consilio che l’aiuto, del quale ho piú bisogno che la giustizia non aveva di papa Clemente. E si non ch’io mi trapasso la mia pessima sorte con quella dei maggiori òmini di me, me disperarei, e fu pur disonesto il tradimento usato a Cesare, il quale sempre piú cara avea la gloria del suo signore che la propria vita.