La Teogonia/Giove stermina Tifone

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giove stermina Tifone

../La guerra fra i Cronidi e i Titanidi ../Regno di Giove e sua discendenza IncludiIntestazione 7 aprile 2015 100% Da definire

Esiodo - La Teogonia (Antichità)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli (1929)
Giove stermina Tifone
La guerra fra i Cronidi e i Titanidi Regno di Giove e sua discendenza
[p. 78 modifica]
Poemi (Esiodo) p. - 0192.png



GIOVE STERMINA TIFONE


     820Ora, poiché dal cielo scacciati ebbe Giove i Titani,
l’immane Terra, unita d’amore col Tartaro, a luce
diede, mercè d’Afrodite, Tifone fortissimo: aveva
cento gagliarde mani, disposte ad ogni opera, e cento
infaticabili piedi di Nume gagliardo; e di serpe
825aveva cento capi, d’orribile drago, e vibrava
cento livide lingue da tutte le orribili teste,
sotto le sopracciglia di fuoco: brillavano gli occhi,
ardevan fiamme, quando guardava, da tutte le teste.
E avevan tutte quante favella le orribili teste,
830voci emettevan meravigliose, di tutte le specie.
Ora parlavan sí da intenderle i Numi: muggiti
alti mandavan poi di tauro, d’immenso vigore,
di fiera voce; poi di leone dall’animo crudo;
poscia sembravan guaiti di cuccioli, e a udirli stupivi:
835eran boati poi, n’echeggiavano l’alpi sublimi.
E quel dí stesso avrebbe compiuta un’impresa fatale,
e avrebbe avuto impero sugli uomini tutti e sui Numi,
senza l’accorto consiglio del padre degli uomini e i Numi.
Emise un tuono secco, terribile; e intorno la Terra
840diede un orrendo rimbombo, e il Cielo che immenso sovrasta,

[p. 79 modifica]

e il Ponto, e le fluenti d’Oceano, e gli abissi terrestri;
e il grande Olimpo tutto tremò sotto i piedi immortali,
mentre moveva il Signore. Die’ gemiti lunghi la Terra,
ed un incendio flagrò sul mar di viola, che acceso
845fu dal baleno insieme, dal tuono, dall’orrido fuoco,
da folgori abbaglianti, da venti, da fiammee procelle.
Ed estuava tutta la Terra, col Cielo e col Mare,
e furïavano in giro su tutta la spiaggia i gran flutti,
sotto la spinta dei Numi, tutto era un tremuoto infinito.
850Ade tremò, che impera sui morti distrutti, i Titani
che sono intorno a Crono tremaron nel Tartaro, quando
quella tremenda zuffa scoppiò, quel fragore incessante.
E Giove, poi che armò l’ira sua, poi che l’armi ebbe prese,
il tuono col baleno, col folgore fumido ardente,
855con un gran lancio un colpo scagliò dall’Olimpo; e le teste
intorno intorno tutte bruciò di quell’orrido mostro.
E quello, poi che fu domato, spezzato dai colpi,
piombò giú mutilato, die’ gemiti lunghi la Terra.
Ed una vampa sprizzò dal Dio folgorato percosso
860nelle selvose convalli dell’Etna tutto aspro di rupi.
E lungo tratto ardea per quel fiato divino la terra
dall’ampio dorso, e al pari si liquefaceva di stagno
quando lo scaldano dentro nei cavi crogiòli i garzoni,
oppur di ferro, ch’è fra tutti i metalli il piú duro,
865quando in convalli montane lo doma col rabido fuoco
entro la terra divina, lo liquefa Efèsto l’industre.
Cosí la terra al vampo del fuoco si liquefaceva.
E quindi, lo scagliò, furïoso, nel Tartaro immenso.


i figli di tifone



E da Tifone proviene la furia degli umidi Venti,
870se Zefiro lucente n’eccettuï, Borea, Noto.

[p. 80 modifica]

Questi provengon dai Numi, son d’utile grande ai mortali:
gli altri con vani soffi sul pelago vanno spirando;
ed altri, poi, spirando sovr’esso l’aerëo Ponto,
soffian, per gli uomini sommo cordoglio, con tristi procelle:
875altrove spirano altri che mandano in pezzi le navi,
sterminano i nocchieri; né v’ha pei mortali riparo
contro il malanno, quando s’imbatton sul pelago in quelli.
Ed altri ancora, sopra la florida terra infinita,
struggono l’opere belle degli uomini nati dal suolo,
880e l’empion tutta quanta di polvere e d’alto fracasso.



Poemi (Esiodo) p. - 0194.png