La Valle Seriana/Villa di Serio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Villa di Serio

../Ranica ../Alzano Maggiore IncludiIntestazione 16 febbraio 2014 100%

Ranica Alzano Maggiore


[p. 14 modifica]

VILLA DI SERIO.


Chi percorrendo la strada provinciale o la ferrovia spinge lo sguardo al di là del Serio, ove ha più esteso il suo letto, vede Villa di Serio. Ha parecchie frazioni come: Rinnovata, [p. 15 modifica] Calvera, Caselle, Casino, Casetti, Fontane, Sedrine, Frana e Tassere.

Sua superficie Ettari 409. Popolazione 1067. Ufficio postale al vicino Scanzo.

Il territorio, bagnato dal Serio, è in alcune parti ghiaioso e quindi improduttivo; nel resto è ferace e coltivato a biade, gelsi e viti, che danno un vino di eccellente qualità. Questo paese era detto una volta Riva di Serio perchè appunto trovasi sulla sponda del Serio a km. 7,800 da Bergamo.

Arte. — La prepositurale di grandiosa e bella architettura è dedicata a Santo Stefano protomartire. Vi si ammira all’altar maggiore un celebre dipinto di Enea Salmeggia (il nostro Talpino) e sono pur degni di osservazione due buoni affreschi che si credono del Lorenzo Lotto e del Palma il giovine. Possiede essa chiesa anco uno stendardo dipinto dal celebre nostro Moroni nel quale rappresentasi da una parte S. Stefano protomartire, dall’altra il divin Redentore risorto. Altri lavori pregevoli di sacro argomento vi si trovano in alcuni Oratori sparsi nelle vicinanze.

Industria e commercio. — Vi prospera l’industria della seta.

Scuole e beneficenza. — Scuole obbligatorie. — Sonvi due opere pie: Luogo pio della pietà e La Misericordia.

Memorie storiche. — Durante il dominio veneto, unitamente a Scanzo, Rosciate e Pedrengo, ebbe varî privilegi ed immunità che venivano appellati di prima dedizione.