La gelosia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Metastasio

XVIII secolo L Poesie letteratura La gelosia Intestazione 16 luglio 2013 75% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 

Perdono, amata Nice,
bella Nice, perdono. A torto, è vero,
dissi che infida sei:
detesto i miei sospetti, i dubbi miei.
Mai più della tua fede, 5
mai più non temerò. Per que’ bei labbri
lo giuro, o mio tesoro,
in cui del mio destin le leggi adoro.

Bei labbri, che Amore
formò per suo nido, 10
non ho più timore,
vi credo, mi fido:
giuraste d’amarmi;
mi basta così.
Se torno a lagnarmi15
che Nice m’offenda,
per me più non splenda
la luce del dì.

Son reo, non mi difendo:
puniscimi, se vuoi. Pur qualche scusa20
merita il mio timor. Tirsi t’adora;
io lo so, tu lo sai. Seco in disparte
ragionando ti trovo: al venir mio
tu vermiglia diventi,
ei pallido si fa; confusi entrambi25
mendicate gli accenti; egli furtivo
ti guarda, e tu sorridi . . . Ah quel sorriso,
quel rossore improvviso
so che vuol dir! La prima volta appunto
ch’io d’amor ti parlai, così arrossisti30
sorridesti così, Nice crudele.
Ed io mi lagno a torto?
E tu non mi tradisci? Infida! ingrata!
barbara! . . . Aimè! Giurai fidarmi, ed ecco
ritorno a dubitar. Pietà, mio bene,35
son folle: in van giurai; ma pensa al fine
che amor mi rende insano,
che il primo non son io che giuri in vano.

Giura il nocchier, che al mare
non presterà più fede,40
ma, se tranquillo il vede,
corre di nuovo al mar.
Di non trattar più l’armi
giura il guerrier tal volta,
ma, se una tromba ascolta 45
già non si sa frenar.