La madre/Capitolo 2

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo 2

../Capitolo 1 ../Capitolo 3 IncludiIntestazione 10 dicembre 2014 100% Da definire

Capitolo 1 Capitolo 3

[p. 20 modifica]




Ella non sapeva ancora perchè, ma ricordava la premura con la quale la fanciulla l'aveva accolta, facendola sedere accanto a lei e domandandole notizie di Paulo. Lo chiamava Paulo come un fratello; ma trattava lei non già come una madre comune, ma quasi come una rivale che bisognava blandire e addormentare.

Le fece servire il caffè in un grande vassoio d'argento, da una serva scalza che aveva il viso bendato come un'araba; le parlò dei suoi due fratelli lontani e potenti, compiacendosi, senza parerlo, a comparire in mezzo a loro come fra due colonne che sostenevano l'edifìcio della sua vita solitaria. In ultimo la condusse a vedere l'orto dalla porta della stanza.

Fichi violacei coperti d'una polvere argentea, e pere, e grappoli d'uva d'oro [p. 21 modifica]apparivano tra il verde scintillante degli alberi e delle viti. Perchè Paulo aveva dunque mandato il suo dono di frutta a chi ne aveva già tanta?

Ancora adesso nella penombra tremula della scala la madre rivedeva lo sguardo ironico e tenero che la fanciulla le aveva rivolto nel congedarla, e il suo modo di abbassare le palpebre grevi, come s'ella non conoscesse altro modo di nascondere i sentimenti che le trasparivano dalle pupille.


E quegli occhi, e quel modo di rivelare con impeto di sincerità ma poi subito di nascondere la propria anima, rassomigliavano straordinariamente a quelli del suo Paulo; tanto che nei giorni seguenti, mentre per il contegno di lui il sospetto cresceva e si faceva terrore, ella non pensava con odio alla donna che lo induceva in peccato, ma pensava al modo di salvare anche lei come se si trattasse di una sua figlia.