La secchia rapita (1930)/Paulino Castelvecchio ai lettori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Paulino Castelvecchio ai lettori

../A chi legge ../Canto primo IncludiIntestazione 15 marzo 2021 100% Da definire

A chi legge Canto primo

[p. 5 modifica]

PAULINO CASTELVECCHIO

AI LETTORI.

Questo poema della Secchia rapita non ha bisogno d’esser lodato per accreditarsi, perciò che quale egli sia il giudicio commune il dimostra; benché non vi sieno mancati de’ cervelli stravolti, che l’hanno giudicato col giudicio dell’asino il quale sentenziò che cantava meglio il cucco del rusignolo. Ma non è maraviglia, poiché anche alla nostra etá abbiamo veduti ingegni che hanno anteposto il Morgante del Pulci alla Gierusalemme del Tasso; e l’antica vide l’imperatore Adriano che anteponeva Ennio a Virgilio e Celio a Salustio; ma bench’egli fosse imperatore il suo giudicio depravato il fe’ riputare un maligno. Io non so se i morti godano dell’applauso, che danno i vivi all’opere loro; ma stimo ben gran ventura che i vivi veggano date all’opere loro quelle lodi che cosí di rado e con tanta difficoltá a quelle de’ morti vengono concedute. L’invidia e la malignitá sono due vizi immascherati, che senza esser conosciuti danno ferite mortali, benché non sempre i colpi loro abbiano effetto, perciò che trovano anch’essi dell’armature incantate.

Ma passiamo alle dichiarazioni del Salviani. Gli argomenti de’ canti sono del signore abbate Albertino Barisoni, come si può veder dalle prime copie stampate in Parigi.