La tempesta (Shakespeare-Maffei)/Atto primo/Scena I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto primo. Scena I

../../Interlocutori ../Scena II IncludiIntestazione 10 febbraio 2012 100% Teatro

William Shakespeare - La tempesta (1611)
Traduzione dall'inglese di Andrea Maffei (1869)
Atto primo. Scena I
Interlocutori Atto primo - Scena II

[p. 239 modifica]

Una nave in mare. Fragor di tempesta con lampi e tuoni.


CAPITANO e il NOSTROMO


                       capitano.
Nostromo!

                      nostromo.
                   Eccomi qui. Che ve ne pare,
Capitan?

                       capitano.
               Bene. I marinai rincora;
Sollecita, ti sbraccia, o nelle secche
Colla nave daremo. Animo, via,
Moviti!

                         (Parte)

              (Entrano Marinai)

          
                       nostromo.
           Allegri, figli miei, coraggio!
Lena, sollecitudine!... La vela

[p. 240 modifica]

Di gabbia ammaïnate.... Orecchio al fischio
Del Capitano. - Che tu possa, o vento,
Soffiar, se n’hai lo spazio, infin che scoppi!

Entrano alonso, sebastiano, antonio,
       ferdinando, gonzalo ed altri.

                       alonso.
Bada a tutto, Nostromo!... Ove s’è fitto
Il Capitano?

                       nostromo.
                   Vi prego, andate al basso.

                       gonzalo.
Dov’è, Nostromo, il Capitan?

                       nostromo.
                                                  Gli orecchi
Non vi servono forse? Ogni manovra
Qui ci guastate. Andatene alle vostre
Cabine. Ajuto alla furia del vento
Date voi.

                       gonzalo.
            Pazïenza, amico mio!

                       nostromo.
Si, quando il mar l’avrà... Via, vi ripeto,
Via di qui!... Che caler d’un regio nome
All’impeto può mai della burrasca?
Tornate alle cabine, e state cheti,
Nè stornateci più.

[p. 241 modifica]

                       gonzalo.
                                        Sta ben, ma pensa
Chi tieni a bordo, o marinar.

                       nostromo.
                                                  Nessuno
Che più caro mi sia della mia pelle.
Ma voi non siete un Consiglier? Su dunque,
Comandate al terribile elemento
Che s’appiani e si plachi, ed una fune
Noi più non toccheremo. Or via, spiegate
La vostra autorità! Ma se vi manca
Questo poter, levate a Dio le mani
Che tanta vita vi concesse, e chiuso
Nella vostra cabina, all’ultim’ora,
Che colpir vi potrebbe in tal momento,
Vi disponete.
                      (Ai Marinai.)
                    Ardir, miei figli!
                      (Agli altri.)
                                                   E voi,
Toglieteci l’impaccio.
                      (Parte.)

                       gonzalo.
                                         Un gran conforto
Costui mi dà. Che debba un ceffo tale
Affogar nol presumo. Ei m’ha di troppo
Cera da forca. O cara amica sorte,
Fa’ che penzoli al vento, e sia la nostra
Gòmena di salvezza il laccio suo.
Che giovino le nostre omai dispero.

[p. 242 modifica]

Oh se nato alla forca egli non fosse,
Poveri noi!
                    (Escono tutti)
                       nostromo
                       (ritorno)
                     Giù l’albero di gabbia!...
Lesti!... più giù! più giù! Metti alla cappa
Con la maestra....
              (Grida lamentevoli fra le scene)
                                     Al diavolo le grida!
Stridono più del mar, più delle nostre
Manovre.

Ritornano antonio, sebastiano e gonzalo.

                             E qui di novo? a che venite?
Darvi il loco dovremmo e nell’abisso
Tutti quanti calar? ne avete il ruzzo?

                       sebastiano.
Va, che la peste il gorgozzul ti roda,
Sozzo bestemmiator, ringhioso cane,
Che non hai carità!

                       nostromo.
                                          Venite all’opra
Voi stessi dunque.

                       antonio.
                                 Che il boia ti strozzi,
Botolo, buono da latrar non d’altro.
Assai meno di te c’impaurisce,
Lingua infame, il naufragio.

[p. 243 modifica]

                       gonzalo.
                                           Io metto pegno
Che non père annegato, ancor che fosse
La nave ove noi siam suttil suttile
Come guscio di noce, e bucherata
Più d’una vecchia cortigiana.

                       nostromo.
                                                    Volta
Contro il mare la prora, alza due vele,
E vira al largo!... Al largo! al largo!
       (Accorrono marinai grondanti d'acqua.)

                       marinai.
                                                    Tutto
Perduto!... Alle preghiere! alle preghiere!
Perduto tutto!
               (Via.)

                       nostromo.
                                   O che? dovrem nel mare
Rinfrescarci la bocca?

                       gonzalo.
                                         Il re giù prega,
Prega suo figlio.... Andiamo a lor. Ne coglie
Uno stesso infortunio.

                       sebastiano.
                                           Ah, mi soffòca
La bile!

                       antonio.
                            A tal siam noi per una ciurma
Briaca....
            (Al Nostromo.)
                   Lingua maledetta! in fondo

[p. 244 modifica]

Vorrei saperti, e che dieci maree
Premessero su te.

                       gonzalo.
                                           No, dal capestro
Penderà, benchè goccia il mar non abbia
Che smentirmi or non paja, e già la gola
Spalanchi ad ingoiarlo.
       (Tumulto confuso tra le scene.)
                                         Ajuto, ajuto!
La nave in due si spezza! O noi perduti!
Perduti noi!... Mia sposa addio!... Miei figli!...
Fratelli addio!... Rompiam! caliamo a fondo.

                       antonio.
Moriam tutti col re.
                         (Via)

                       gonzalo.
                                        Dal re l’addio
Prendiam.
                         (Via)

                       sebastiano.
                            Darei di core un mille miglia
Di mar sol per un jugero di terra,
Sebben cardi, prunaje e male piante
La intricassero tutta. Avvegna pure
Ciò che fisso è lassù; però vorrei
Morire al secco.
                         (Via)