Laude/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78. Un arbore è da Deo plantato

../Incipit Tractatus ../79 IncludiIntestazione 03 giugno 2012 75% poesie

Jacopone da Todi - Laude (XIII secolo)
78. Un arbore è da Deo plantato
Incipit Tractatus 79


Un arbore è da Deo plantato,
lo quale Amore è nomenato.

"Oi tu, omo, che cc'èi salito,
dimme en que forma c'è' tu gito,

perché lo viaio a mme sia aprito,5
cà eo sto en terra ottenebrato".

"Se lo te dico, poco vènto
mo ne m'encasca, sì sto lento.

Ancor eo non aio vénto,
'nanti so' molto [en]tempestato".10

"Ià non è tua questa istoria,
'nant'è a Deo en tutta gloria;

non me 'n trovo en mea memoria
che tu per arte l'ai' aquistato".

"Se 'l me dice, mo 'n pò avvinire15
che mo 'n me fai del loto 'scire;

se per te vegno a dDeo servire,
a dDeo m'averà' arguadagnato".

"E a la laude de Deo 'l te dico
e per avermete per amico:20

empagurato dal Nimico,
fui a cquest'arbore menato.

Co la mente ci aguardai
e de salirce m'enflammai;

fui da pede et eo 'l mirai,25
ché era multo esmesurato.

Li rami era en tanta altura,
non ne pòzzo dir mesura;

lo pedale en derittura
era tutto esdenodato.30

Da nulla parte ce vedia
com' salir se cce potìa,

se non per ramo che pendia,
che era a terra replecato.

Questo era uno rametello35
che era multo poverello;

umilitate era segello
de questo ramo desprezzato.

Avvia'me per salire,
fòme ditto: Non venire,40

se non te brige de partire
da onne mortale peccato.

Venneme contrizione,
e lavaime per confessione

e fìnne la satisfazione45
como da Deo me fo donato.

A lo salire retornanno,
ennel meo core gìa pensanno

e gìame multo dubitanno
dello salire afatigato.50

Pregai Deo devota mente
c'al salir me fusse iuvente,

cà senza lui non n'è n[e]iente
de tutto quel c'avìa pensato.

Da celo venneme una voce55
e disse: "Ségnate con croce

e piglia el ramo de la luce,
lo quale è a dDeo molto a grato".

Co la croce me segnai
e lo ramo sì pigliai,60

tutto lo corpo ci afrattai,
sì ch'enn alto fui levato.

Poi, levato en tanta altura,
trovai amor de derittura,

lo qual me tolse onne pagura,65
und'el meo cor era tentato.

Encontenente ch'eo fui ionto,
non me lassò figere ponto

de fare sopre me uno ionto
enn un ramo sopre me plantato.70

Poi ch'en quel ramo fui salito,
che da man ritta èram'ensito,

de suspire ce fui firito,
luce de lo sponso dato.

De l'altra parte volsi el viso75
e ne l'altro ramo fui asciso;

e l'Amor me fice riso,
però che mm'avìa sì mutato.

Et eo de sopre me aguardanno,
dui rami viddi entanno;80

l'uno à nome 'Perseveranno',
l'altro 'Amore continuato'.

Salenno su crisi pusare,
l'amor me non lassò finare,

de sopre me fém'esguardare85
enn un ramo sopre me fermato.

Salenno su, ce resedia;
de poma scripte ce pendia:

le lacreme c'Amor facìa,
ché lo sponso li era celato.90

De l'altra parte volsi el core,
viddi lo ramo de l'ardore.

Passanno là, sintit'ho Amore,
che mm'avì' tutto rescaldato.

Estanno loco, non finava,95
l'Amore molto m'encalciava,

de menarme là 'v'ello stava,
en un ramo supre me essaltato.

P[er]ò ch'en quel ramo me alzasse,
scripto c'era che eo me odiasse,100

e che tutto amore portasse
a quel Signor che mm'à creato.

A lo ramo de l'altra parte
tràssemecce l'Amor per arte,

al contemplar ch'el cor esparte105
d'onne assaio amaricato.

A lo ramo de plu altezza
sì fui tratto con lebezza,

o' eo languesco enn alegrezza,
sentenno d'Amor, ch'e' n'ho odorato.110

De l'altra parte pusi mente,
vidde ramo 'nante me placente;

passanno là, êll'ardor pognente,
ferenno al cor, l'à estemperato.

Stemperato de tale foco,115
che lo meo cor non n'avìa loco,

fui furato a ppoco a ppoco
ennel ramo sopre me fundato.

Tanto d'Amore fui firito
che en quello ramo fui rapito,120

o' lo meo sponso fo aparito
e con lui me fui abracciato.

En me medesmo vinni meno,
menato en quel ramo divino;

tanto viddi cosa en pleno125
ch'el meo core ce fo annegato.

A le laude de lo Signore
eo ditto t'aio questo tenore.

Se vòl' salire, or ce pun core
a tutto quel ch'eo n'ho parlato.130

Ennell'arbor de contemplare
chi vòl salir non dé' 'n pusare;

penser', parol' e fatti fare
et ita sempre essercetato.