Laude/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
79. O Amor, che mme ami

../78 ../80 IncludiIntestazione 03 giugno 2012 75% poesie

Jacopone da Todi - Laude (XIII secolo)
79. O Amor, che mme ami
78 80


"O Amor, che mme ami,
prìndime a tui ami,
ch'eo ami com' so' amato!

O Amore, che ami,
che non trovi chi t'ami,5

chi sal per li tui rami
sempre se clama engrato.

O engrato nobele,
somerso enn Ammirabele,

non pòi salir 'nequabele,10
d'Amore adoguagliato.

O Amore attivo,
che non trovi passivo,

che venga a l'amativo
d'amor purificato.15

Amor, c'ài nome 'Amo',
prular non te trovamo!

De Te, fonte, gustamo
amor de te spirato.

Amor, mustram'el como,20
cà êl quanto no n'è omo,

che 'l no somerga el somo
del quanto esmesurato".

"Lo como te mustrai
quanno me encarnai;25

per te pelegrinai,
en croce consumato.

El quanto armase en sete,
ché non fòr mai oprite

l'altisseme secrete30
en suietto finato.

Non arman dal daiente,
ma da lo recipiente;

non n'è sufficiente
a dDeo nullo creato.35

Lo enfinito amare
finito en demustrare!

La mustra termenare
'nn Amor esstermenato!

En quill'amorusi abbissi40
li santi so' somersi,

drento e de fore oppressi
d'amor espellagato.

L'altezza è enfinita,
longezza non complita,45

latezza stermenita,
profondo sperfondato.

Eo so' enfinito Deo,
ciascheun gusta del meo,

lo gusto è 'n nichilèo50
de l'Amor non toccato.

Non pòtte plu l'Amore
mustrar fatto maiure

ca farse l'om menore
'ndell'omen' deiettato.55

Qual pazzo 'l vorria fare
(per formicar' campare)

en formica tornare,
per formicaro engrato?

Maiur fo me' stoltia,60
l'alta grannezza mia

de prender questa via
de farme omo penato.

Eo non te amai per mene,
'nanti te amai per téne;65

non me nn'encrebbe bene
de lo meo afategato!

Per te non fui maiure,
né senza te menore;

tràssemece l'amore70
che fussi reformato.

Se mme ami pro aver gloria,
mercennara memoria;

entento stai a mmea solia
pur del remunerato.75

Non me ami per amore,
cà 'l prezzo te sta en core;

s'el prezzo ne tra' fore
l'amor tuo è annichilato!

Se tua utilitate80
te trâ a amorosetate,

poco d'aversetate
te fa l'amor cagnato.

No n'avesse que dare
né ['n]que remunerare85

non so' da meno amare,
ché cusì t'aio amato.

Senza prezzo amare,
per l'amato penare

pòse aresemegliare90
a l'amor c'ho portato.

Se l'amore è libero
(che non sia avaro albitrio),

gentil fa desiderio,
non condizionato.95

Non c'è condizione
né messa per rasone;

è fatta l'unione,
che non veste vergato.

L'amor ['m]prende la norma100
de quello en que trasforma,

vistito è ne la forma
del vero trasformato.

Mea forma, chi l'à ['m]presa,
non farà enn altro scesa, 105

che lasse questa 'mpresa
de me chi à gustato.

La mea forma chi ama,
onne forma desama;

chi ten ritta mea rama,110
facciol viver beato.

'Ndell'Amativo amabele
esce l'amor mirabele;

l'amor è poi durabele
sempr'en eodem stato".115