Le Pastorali con un Discorso su la Buccolica/Canto del cieco nato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Citazione

Discorso sulla Poesia Pastorale IncludiIntestazione 5 agosto 2013 100% Da definire

Citazione Discorso sulla Poesia Pastorale
[p. xxv modifica]

C A N T O

DEL CIECO NATO.


Ditemi! Cos’è quella,
Luce da voi nomata?
     Ch’è pur sì vaga, e bella,
     4Ma sempre a me negata?
     Quai le virtù infinite
     Di quel Vedere eletto?
     Dite'l al Cieco! il dite
     8Al pover Garzonetto!
Voi dite veder tante
     Forme meravigliose;
     Dite, che ’l Sol brillante
     12Illumini le cose.
     Io sento il suo calore.
     Ma come? andand’intorno
     Potrà mai formar l’ore
     16La notte e il giorno?

[p. xxvii modifica]

Io fommi da me stesso
     La Notte o ’l Giorno. E quando?
     O dormo o bene spesso
     20Son desto trastullando.
     Ah! s’io potessi sempre
     Tenermi vigilante,
     Saria con dolci tempre
     24Il Giorno a me costante.
Voi sospirando forte,
     Od’io, pianger sovente
     La disperata sorte,
     28Il mio destin dolente.
     E pur io con coraggio
     Imperturbato, e immoto
     Or soffro un tant’oltraggio,
     32Nè mai m’è noto.
Dunque non sia pur tolto
     Il brio della mia mente
     Per Quel, ch’agli altri è molto,
     36M’a me non ch’un niente.
     Che mentre io così canto,
     D’esser qual Rè mi vanto:
     Sebben un Garzoncello
     40Povero Ciecatello.