Le donne de casa soa/Atto I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto I

../Personaggi ../Atto II IncludiIntestazione 14 maggio 2020 100% Da definire

Personaggi Atto II
[p. 435 modifica]

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA.

Camera della signor’Anzola.

Angiola e Betta.

Betta. Sior’Anzola! Patrona.

Anzola.1  Patrona, siora Betta.
Betta. Cossa se fa?
Anzola.  Da vecchia.
Betta.  Cara quella vecchietta.
Son passada de qua; ve vegno a saludar.
Anzola. M’avè fatto finezza a vegnirme a trovar.
Stago qua sempre sola.

[p. 436 modifica]

Betta.  Mo perchè, cara fia?

Anzola. Mi no me stufo mai de star in casa mia;
Mai che me vegna voggia d’andar in nissun logo.
Betta. Mi vago qualche volta, co2 se sol dir, per fogo,
A far i fatti mii, a spender, a comprar.
Da omeni e da donne, fIa mia, bisogna far.
Anzola. Se no fussimo nu che fussimo valente,
I omeni de casa no i xe boni da gnente.
Vedeu sta tela? Mi me l’ho fatta filar,
Mi l’ho fatta far suso, l’ho fatta sbianchizar.
Vardè, no fala voggia? E sì, se i conti fazzo,
No la me costa gnanca trentasie soldi al brazzo.
Betta. Cossa? Trentasie soldi? E se mi ve dirò.
Che de più bella assae ghe n’ho da trentadò?
Anzola. Voleu metter la tela che in casa se fa far,
Con quella che se compra?
Betta.  Co no se sa comprar.
Da resto la sperienza s’ha fatto anca da nu.
La tela fatta in casa la se paga de più.
Anzola. Xe vero, ve l’accordo, la baza no xe molta;
Ma la se va pagando un pochetto alla volta.
Betta. Fè cussì, cara fia, mettè in t’una musina3,
Co ve levè de letto, do traeri4 ogni mattina,
E co xe in fin dell’anno, tanto avere sunà5,
Da comprar della tela più bella, e a bon marcà.
Anzola. Ma se vien un bisogno, cara siora Bettina,
Presto dal ditto al fatto se rompe la musina.
E po sti nostri conti i marii no i li sa,
No i se recorda miga i bezzi che i n’ha dà.
I se vede la tela, i la trova pagada,
Giusto ghe par a lori che la ghe sia donada.

[p. 437 modifica]

Betta. Co se ghe rende conto, disè ben; ma col mio

No me par, ve lo zuro, gnanca d’aver mario.
El laora, gramazzo, el strussia tutto el dì6,
E tutto el so vadagno el me lo porta a mi.
E se el se voi comprar, per esempio, un cappello,
El me lo dise a mi, giusto co fa un puttello.
Anzola. El mio tien èlo i bezzi, ma el me dà quel che veggio;
E mi sparagno in tutto: in tel sal, in te l’oggio.
Fazzo de quel che occorre provision all’ingrosso,
Compro la roba a baza de fora via, se posso.
E in tre anni, fia cara, con tanti pochettini
Sparagnai, rampignai7, m’ho fatto sti manini.

SCENA II.

Donna Laura e dette.

Laura. La me daga le chiave. Oggio no ghe n’è pi. (ad Anzola)

Anzola. Aspettè, donna sempia; vegno a darvelo mi.
Con grazia, cara siora, che torno presto, presto. (parte)

SCENA III.

Berta e donna Laura.

Laura. Certo! che no me onza8, con reverenza, el cesto.9

Betta. La xe suttila assae la parona, nevvero?
Laura. Infina la me conta i fili del pavero10.
Tutto la mette via, la semola, la cenere,
Fina i scorzi de vovo che se consuma al venere11.
La vol per ella el seo che scola el candelier,
E fina la ghe cava qualcossa al scoazzer12.

[p. 438 modifica]

Betta. Ei seo dei candelieri lo vorressi per vu?

Laura. Siora sì, le xe cosse che le ne tocca a nu.
Betta. Se el seo del candelier toccasse alla massera13,
Faressi descolar sie candele alla sera.
No, no, gnanca da mi no ghe xe incerti, fia.
Laura. (La xe una rampignona14 compagna della mia). (da sè)

SCENA IV.

Angiola e dette.

Anzola. Ande là, ghe n’ho messo una bona impoletta15;

No lo stè a dezipar16. (a Laura)
Laura.  Vorla che me lo petta?
Anzola. No respondè cussì, saveu, donna strambazza,
Vecchia senza giudizio.
Laura.  Sempre la me strapazza. (parte)

SCENA V.

Angiola e Betta.

Anzola. Co custìa, siora Betta, no se pol viver più.

Betta. Da che paese xela?
Anzola.  De casa de colù17.
No l’è bona da gnente. Tutto el zorno se cria.
Mezzo ducato18 al mese proprio lo butto via.
Betta. Cara siora Anzoletta, mo no savè, che chi
Più spende, manco spende? A quella che gh’ho mi,
Ghe dago cinque lire19; ma la xe una massera,
Che fa dalla mattina fina mai alla sera.
Anzola. Ma mi ho da mesurar la spesa coll’intrada.
Se savessi che aggravio, che me xe mia cugnada!

[p. 439 modifica]

Betta. Mo no la se marida?

Anzola.  Magari! ma la zente
Vol dota, e mia cugnada no la gh’ha squasi gnente;
E sì fazzo de tutto per destrigarla presto.
No gh’ho un’ora de ben con quella putta al cesto20.
Betta. La xe zovene e bella; la doveria trovar.
Anzola. E per dir quel che xe, de tutto la sa far.
Ma mi no son de quelle, no so se me capì,
Che per liogar le putte le zira tutto el dì:
Menandole alle feste con abiti sfarzosi,
Acciò che da so posta le se catta i morosi.
Sempre serrade in casa se sta per consueto;
Da mi no vien nissun, altri che sior Benetto.
Credème, siora Betta, che son de botto stufa.
Betta. Mo, se farè cussì, ghe vegnirà la mufa.
Bisogna manizarse co se gh’ha delle fie,
Co no se vol che in casa le fazza le scarpie21.

SCENA VI.

Laura e dette, poi Bastiana.

Laura. Ghe xe la revendigola22.

Anzola.  Oh, gh’ho gusto per diana.
Diseghe che la vegna. Vegnì, siora Bastiana. (Laura parte)
Bastiana. Patrone.
Anzola.  Sioria, fìa.
Betta.  Cossa gh’aveu de bello?
Bastiana. Gh’ho della biancheria, gh’ho dei merli, un anello,
Gh’ho dei fiori da testa, e gh’ho una vera23 usada.
Che la sarave bona giusto per so cugnada. (ad Angiola)
Anzola. Mia cugnada la vera, cara sorella, e po?
Questo sarave un metter el carro avanti i bo.

[p. 440 modifica]

Bastiana. De maridar sta putta no ve par che sia ora?

Volè sto intrigo in casa? maridèla in bonora.
Betta. Ghe lo digo anca mi. Cussi no la sta ben.
Anzola. Cossa voleu che fazza, se l'occasion no vien?
Bastiana. Perchè, sior’Anzoletta, no dir qualcossa a mi,
Che ghe trova un novizzo? Che ghel trova? anca sì.
Anzola. Trovarlo stimo el manco, no l’è zotta, ne goba;
Trovar stimo chi torla volesse senza roba.
Bastiana. Gh’ho una bona occasion d’un zovene marcante,
Che fina da putello xe vegnù da Levante.
Nol gh’ha pare, ne mare, el sta con un so barba24;
El xe bon, el xe ricco, e nol gh'ha pelo in barba.
El se vol maridar; el barba no vorria,
Perchè credo ch’el voggia menarselo in Turchia.
E a dirvela, per gnente mi no son vegnua qua;
L’ha visto siora Checca, e el se gh’ha innamorà.
Anzola. Dasseno?
Bastiana.  Sì dasseno.
Betta.  Oe, se el dise da bon.
No fè, sior’Anzoletta, che scampa sta occasion.
Anzola. Se el la voi senza gnente, mi ghe la dago adesso.
Bastiana. Cossa dirà sior Gasparo?
Anzola.  Eh, mio mario xe un lesso25.
No ghe lo digo gnanca. De lu me comprometto;
Me basta che aspettemo che vegna sior Benetto.
Lu xe quel che tien dretta la barca in sta fameggia;
E no resolvo gnente, se lu no me conseggia.
Betta. Brava, sior’Anzoletta; giusto cussì anca mi
Fazzo co sior Maffìo. El vien là tutto el dì,
E se noi fusse elo, povero galantomo...
Per certi servizietti mio mario ne xe omo.
Lu scuode, lu provede, lu me fa da fattor.
La xe una bella cossa un amigo de cuor.

[p. 441 modifica]

Anzola. Certo che per nualtre, che no semo de quelle

Che pratica e che zira, co fa ste frasconcelle,
Se in casa no gh’avessimo qualche omo de giudizio,
No ghe sarave un can che ne fasse un servizio.
Bastiana. Voleu che parla al putto? (ad Angiola)
Anzola.  Che nome gh’alo?
Bastiana.  Toni.
Anzola. I sói cossa dirali?
Bastiana.  Elo no gh’ha paroni.
El barba che v’ho dito, veste alla levantina,
Che el par uno de quei che vende castradina26.
Savendo che xe morto el pare del putello,
El xe vegnù a Venezia per menarlo con ello.
Ma el povero Tonin che qua ghe piase a star,
Per non andar con ello, el se vol maridar.
Anzola. No vorria che per questo se fasse confusion.
Betta. No ve lassè scampar, Anzola, sto boccon.
Bastiana. Sta sorte de fortune spesso no le se catta.
Cossa poi dir el barba? Co l’è fatta, l’è fatta.
Anzola. Cossa me conseggieu?
Bastiana.  Mi, se me de licenza,
Vago a trovar adesso el putto de presenza.
Betta. Femo cussì, Bastiana; menèlo a casa mia;
Ghe parleremo insieme.
Anzola.  Oh sì, sì, cara fia.
Vu che se, siora Betta, quella donna che sè,
Deghe una tastadina, e po me conterè.
Bastiana. Per mi no me ne importa de farlo in compagnia.
Me basta de no perder...
Anzola.  La vostra sansaria?
La gh’averè, sorella; fè presto, che ve aspetto.
No poi far che no vegna mio compare Benetto.
Parlerò anca con ello.

[p. 442 modifica]

Betta.  Oe, se me parerà

Che al putto sia de sesto, mi ve lo meno qua.
Anzola. No, no lo menè qua, perchè po no vorria,
Che la zente disesse che el vien in casa mia...
Savè le male lengue cossa le sa inventar.
Co27 ha fatto siora Catte, no vôi farme smattar 28;
Per causa de so nezza con quello del partio.
La s’ha fatto taccar giusto i moccoli drio29.
Benchè, co s’ha da dir la giusta verità.
La ghe filava el lazzo... Ma lassemola là.
Bastiana. No per demo più tempo, avanti che so barba
Ne lo menasse via.
Anzola.  La me saria ben garba.
Credème che sta putta la me xe un peso grando.
Bastiana. Sior’Anzola, patrona.
Anzola.  Sioria, me raccomando.
Bastiana. Al putto la ghe piase, el l’ha vista al balcon;
E pò, se mi ghe parlo, el vien zo a tombolon. (parte)
Anzola. Fè pulito, Bettina. (a Betta)
Betta.  Sì, no v’indubitè.
Anzola. E sappieme dir tutto.
Betta.  Che bisogno ghe xe?
No pratico, xe vero, come fa ste sfazzae,
Che da tutta Venezia per bocca xe menae;
Ma in materia de questo, ca de diana de dia30,
Per scoverzer la zente no ghe xe una par mia. (parte)

SCENA VII.

Angiola, poi Laura, poi Checca.

Anzola. In questo son segura. La xe una donna astuta.

Checca cossa dirala? No so: la xe una puta
Che no so cossa dir. No ghe n’ho visto più.

[p. 443 modifica]

Se ghe dago un mario, ghe spuerala su?

Laura.
Laura.  Siora.
Anzola.  Vien qua.
Laura.  Chiàmela?
Anzola.  Siora sì.
Senti.
Laura.  Senti! A una vecchia no se ghe dà del ti.
Anzola. A chiamarme Checchina, lustrissima, la vaga.
Laura. Sempre la me strapazza, e mai no la me paga. (parte)
Anzola. Va là, va là, mal sesto. Mo che gran rustegona!
Almanco donna Rosega la giera una mattona;
Ghe piaseva, xe vero, a far da fantolina.
Ma no la giera sempia, co è sta vecchia rabina31.
Checca. Son qua, cossa comandela?
Anzola.  Vegnì qua, vita mia;
Savè che ve vôi ben, che ve tegno per fia.
Orfana sè restada de padre, e anca de madre.
Da madre mi ve fazzo, sior Gasparo da padre32.
Vegnì in ti anni, e sè, per dir la verità,
Una putta vistosa, de sesto, e de bontà.
Penso a vu notte e zorno, Checchina, e per parlarve
Schietto col cuor in man, xe tempo de logarve.
Vorave mo che a mi me disessi in scondon33
Quala che xe, fia mia, la vostra inclinazion.
Checca. Cara siora cugnada, per mi no digo gnente.
Son stada, e sarò sempre, una putta ubbidiente.
Cossa vorla che diga? Farò quel che la vol.
(Adesso la me tocca giusto dove me duol). (da sè)
Anzola. Ma pur el vostro genio xelo de retirarve
Fora del mondo affatto, o pur de maridarve?
Vôi che me parlè schietto.

[p. 444 modifica]

Checca.  A mi no tocca a dir;

Ma no gh’ho troppo genio d’andarme a seppellir.
Anzola. De rassegnarve in tutto, me piase la virtù;
E quel che sarà meggio, se penserà per vu.
Per mi, de compagnarve ho squasi destinà;
Ma gh’è per maridarve una difficoltà.
Savè che xe ristretto, pur troppo, el stato nostro;
No se pol maridarve con dota da par vostro.
Coll'arte del sanser34 poco ancuo se vadagna;
Co no ghe xe negozi, gnanca el sanser no magna.
Sior Gasparo, gramazzo, quello che el pol, el fa;
Bisognerà taccarse a quel che vegnirà.
Checca. Mi no gh’ho certa voggia de deventar muggier;
Ma se ho da maridarme, toroggio un zavatter?35
Anzola. Cossa diseu, cugnada? Cussi parlè con mi?
Ve parlo con amor, e respondè cussì.
Checca. Sento che senza gnente i me vorria logar.
Anzola. Credeu che no se possa un zovene trovar,
Onorato, civil, e ricco, e de bon cuor,
Che non abbia riguardo a torve per amor?
Checca. Mi no merito tanto, cara siora cugnada;
E po son una putta che vive retirada.
Mi no fazzo l’amor, ste cosse no me piase.
Onde de star cussì metto el mio cuor in pase.
Anzola. E se mi ve disesse che sto partio ghe xe,
Che un putto ve torave, che al putto ghe piasè,
Che nol domanda dota, e nol ghe n’ha bisogno?
Checca. A parlar de ste cosse dasseno me vergogno.
Anzola. Via, no ve vergognè. Diseme, cara fia,
Lo tioressi sto putto? Parlè.
Checca.  No saveria.
Anzola. Bisogna parlar schietto. Se el putto ve volesse,
Lo tioressi, Checchina? Parlè.
Checca.  Se el me piasesse.

[p. 445 modifica]

Anzola. Co l’occasion xe bona, bisogna dir de sì.

Checca. Oh, se nol m’ha da piaser, xe meggio star cussì.
Anzola. El vederè.
Checca.  Chi xelo?
Anzola.  L’è fio d’un Levantin.
Checca. (No me marido certo, se no gh’ho el mio Tonin). (da sè)
Anzola. Nol gh’ha altri che un barba, e se so barba tase,
Ghe diremio de sì?
Checca.  Mi no, se nol me piase.
Anzola. Orsù, no me fè smorfie; fè quel che mi ve digo,
Perchè po in do parole, se ve ustinè, me sbrigo.
In casa no stè ben; dota no ghe n’avè:
Bisognerà serrarve, se no ve maridè.
Intrae ghe ne xe poche, tutti sa i fatti soi.
Un de sti dì sior Gasparo el gh’averà dei fioi;
E se no fusse mi, che gh’avesse giudizio,
Sta casa la sarave andada in precepizio.
I omeni, fia mia, i xe tutti compagni;
Basta per mantegnirse che i gh’abbia dei vadagni;
Basta che andar ve tocca con un omo d’onor.
Anca mi mio mario l’ho tolto senza amor;
E no gh’ho pensà gnente, e me son rassegnada,
Bastandome de dir: alfin son maridada.
I amori delle putte i xe pettegolezzi;
Passa presto l’amor, co no ghe xe più bezzi.
E po, coss’è ste cosse? Qua comandemo nu.
No me stè a far la matta, che ghe penserè vu. (parte)

SCENA VIII.

Checchina sola.

Mo che gran donna fiera che xe sta mia cugnada!

No gh’ho coraggio a dirghe che son innamorada.
Gnanca de mio fradello per gnente no me fido,
Ma se no gh’ho Tonin, certo no me marido.

[p. 446 modifica]

L’ho visto dal balcon tante volte a passar;

El me saluda sempre; el m’ha fatto parlar.
El me vol ben a mi, mi ghe vôi ben a ello.
El me par un bon putto, zovene, quieto e bello.
So che el xe da par mio, el xe el mio primo amor;
E proprio, col me varda, el me porta via el cuor.
Cossa ghe salta in testa de darme un Levantin?
No voggio Levantini. Mi voggio el mio Tonin.
Che i diga quel che i vol; me l’ho cazzada in testa;
E pò, senza de mi no se farà la festa. (parte)

SCENA IX.

Strada.

Tonino, poi Isidoro alla Levantina.

Tonino. Mio barba me vien drio. Ghe vorave scampar.

Vorria véder Checchina. Velo qua.
Isidoro.  Dove andar?
Tonino. Andava in t’un servizio; vago, e vegno in t’un salto,
Isidoro. No star ora servizio. Vegnir con mi Rialto.
Tonino. Xe a bonora; la vaga, che ghe vegnirò drio.
Isidoro. Tonina, morto padre. Mi star padre, ti fio.
To obbedienza mi far aver amor per ti.
Ma quando mi voler, voler ti diga sì.
Zovena troppo andar to pìe36 su piera cotta.
Occhio troppo vardar donna che cor te scotta.
Mi no spiegar, mia lengua Levante usa trattar;
Ma intender cor de omeni anca senza parlar.
Donna star fogo, e lesca aver drento de ti.
Dito mi basta, amigo. Ti vegnira con mi.
Tonino. Son qua, mi no v’intendo cossa che voggiè dir.
Andaremo a Rialto. (Finzo de no capir). (da sè)

[p. 447 modifica]

Isidoro. Ti vegnira con mi Rialto da mercante,

E fatto vento in poppe, navegar per Levante.
Tonino. Perchè, caro sior barba, menarme via de qua?
Son stà su ste lagune da piccolo arlevà.
Gh’ho paura del mar, l’acqua me farà mal.
No son gnanca stà a Mestre, per no andar per canal.
Isidoro. Quel che te far patir, xe andar de qua lontan;
No star acqua marina, star muso venezian.
Tonino. No; crederne, sior barba...
Isidoro.  No creder zoventù.
Se voler che mi creda, vegnir nave Corfù.
Vegnir, che ti patrona stara de casa mia,
De tutta mia negozia de Persia e de Turchia.
Ti maridar con Grega, fia de marcante amigo.
Che star Constantinopola.
Tonino.  (Son in t’un brutto intrigo). (da sè)
Isidoro. Ti qua trovar per zente che maridar te voggia,
Femmena che zecchina spender farà per zoggia.
Donna vardar con occhio che parer bianca e bella,
Che mattina bonora fatta bianca pennella.
Che non aver per omo, come dover, respetto:
Che gnente far in casa, o poco per despetto.
Che dir de voler ben, ma all’omo far del mal,
E fronte e cor aver maschera carneval.
Donna Levante star sempre mario soggetta.
Donna Italia mario comandar a bacchetta.
Vegnir, vegnir, Tonina, se star omena brava;
Se no star de passion miserabile schiava.
Vegnir nave con mi, mi far ti Levantina;
E te prometter tutto: casa, muggier, zecchina.
Tonino. Son qua, caro sior barba, no ve digo de no.
(Vôi provar de fidarlo). (da sè) Se vorrè, vegnirò.
Isidoro. Donca drio me vegnir.
Tonino.  Sior sì, quel che volè.

[p. 448 modifica]

SCENA X.

Bastiana e detti.

Bastiana. Sior Tonin, sior Tonin. (chiamandolo)

Tonino.  (Diavolo!) Cossa gh’è?
(verso Bastiana, a mezza voce)
Bastiana. V’ho da parlar. (a mezza voce)
Tonino.  De cossa? (come sopra)
Bastiana.  Della vostra Checchina.
(come sopra)
Isidoro. Donna, cossa voler?
Bastiana.  Gh’ho della tela fina,
Foresta, a bon marca, da vender a sto putto.
Isidoro. Bisogno non aver. Mi proveder per tutto.
Tonino. E sto bell’aneletto? (A Rialto). (piano a Basliana)
Bastiana.  (Sior sì). (piano a Tonino)
Tonino. Varlo assae?37
Bastiana.  Sie zecchini.
Tonino.  (Ghe scamperò). (piano a Bastiana)
Bastiana.  (Sior sì).
(piano a Tonino)
Isidoro. Lassar véder anello. (a Tonino, che glielo dà)
Tonino.  El xe assae galantin.
Bastiana. (Mo che muso de tola che gh’ha quel Levantin). (da sè)
Isidoro. No star topazza bona; steu: sotto piera foggia;
Levante e Italia tutta mi negoziar de zoggia.
Dar femmena. (rende l’anello a Tonino)
Tonino.  (Tegnìlo, che mi lo comprerò).
(piano a Bastiana, rendendole l'anello)
Bastiana. (Ho inteso). (piano a Tonino)
Tonino.  No lo voggio. (forte)
Bastiana.  E mi mel tegnirò. (forte)
Patroni; se i comanda, gh’ho della tela bona.
Isidoro. Mi gnente no comprar, quando che vender dona.

[p. 449 modifica]

Zirar per tanto mondo, trovar in vita mia

Quella che vender dona, cattiva marcanzia.
Bastiana. Sempre trovar cattiva? Sior povero minchion.
Se compressi a Venezia, troveressi del bon.
Ma vu sarè per tutto fortunà in sta maniera.
Cossa voleu trovar con quella mustacchiera? (parte)
Isidoro. Mia mustacchia val più che no valer sbelletto.
Pezo star chi peloso porta so cor in petto.
De bella donna in bocca verità no trovar.
Prima voler morir, che femmena comprar. (parte)
Tonino. E mi mo, se podesse comprar Checchina bella,
El sangue delle vene spenderave per ella;
Che no ghe xe a sto mondo un tesoro mazor,
Quanto una putta bella, onesta, e de ben cor.
Mio barba no me insegna le femmene a sprezzar.
Checchina, ah se mai posso, sì che te vôi comprar.


Fine dell’Atto Primo.

  1. Nelle edd. Guibert-Oigeas, Zatta ecc. è sempre stampato Anzola.
  2. Qui come; altre volte quando.
  3. Salvadanari. [nota originale]
  4. Tràiro, moneta d’argento di bassa lega: cinque soldi, ossia la quarta parte della lira veneta. V. Boerio, Dizion. del dialetto venez.
  5. Sunar, radunare, ammassare.
  6. Strussiar, faticare, stentare: v. i dizionari del Patriarchi e del Boerio.
  7. Qui sgraffignati, quasi arraffati a uno a uno, coll’uncino.
  8. Onzer, ungere.
  9. Che non mi ingrassi a sue spese.
  10. Stoppino [nota originale]
  11. Venerdì.
  12. Spazzaturaio: Boerio.
  13. Serva di casa.
  14. «Truffona»; così spiega F. Cameroni nelle note alle Donne d. c. s., nel v. II dei Capolavori di C. G., Trieste, Coen. 1858.
  15. Piccola ampolla.
  16. «Sciupare»: F. Cameroni, l. c.
  17. Cioè del diavolo»: Cameroni.
  18. Si ricordi che il ducato d’argento equivaleva a otto lire venete, pari a lire italiane 4,368.
  19. Lira veneta pari a lire italiane 0,546.
  20. Deretano.
  21. Ragnateli.
  22. Rivenditora, rigattiera: v. Boerio.
  23. Anello liscio, a cerchio.
  24. Zio.
  25. Allesso. Omo lesso, uomo pigro, mogio ecc.: Boerio.
  26. Carne di castrone «che salata ed affumicata ci si porta dalla Dalmazia e dall’Albania, e si vende per lo più dagli Schiavoni»: Boerio, Diz. cit.
  27. Come.
  28. Farmi scorgere, svergognare, deridere: v. Patriarchi e Boerio.
  29. «Appor taccie, calunniare»: Cameroni. V. Boerio.
  30. «Giuramento, come poter del mondo ecc.» vol. VIII, p. 156, n. c.
  31. L’autore scherzando allude al personaggio di donna Rosega, nelle Massere, che era interpretato sulla scena dal Gandini.
  32. Così le edd. Pitteri, Guiberl-Orgeas ecc. L’ed. Zatta stampa mare e pare.
  33. In segreto.
  34. Sensale.
  35. Ciabattino.
  36. Piede.
  37. «Val esso assai?» Cameroni, l. c.