Le donne de casa soa/Atto III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto III

../Atto II ../Atto IV IncludiIntestazione 14 maggio 2020 100% Da definire

Atto II Atto IV
[p. 469 modifica]

ATTO TERZO.

SCENA PRIMA.

Camera in casa di Betta.

Betta e Bastiana.

Betta. Cossa diseu, Bastiana?

Bastiana.  Mo la gh’ha, siora Betta,
Una gran bella casa.
Betta.  Eh, la xe una casetta.
Bastiana. A mi me sta sul cuor la cusina, e quei secchi,
E i peltri, e i candelieri, che i luse co fa specchi.
Certo ghe xe per tutto una gran pulizia.
La gh’ha quei orinali che se ghe magneria.
Betta. Mi, saveu? tutto mi. Se stasse alla massera,

[p. 470 modifica]

Sto poco de casetta sarave una leamera1.

Co semo in certi tempi, co porta l’occasion,
Togo el mio scovoletto, doperò el mio sabbion,
La gripola2, l’aseo, tutto quel che bisogna.
A far i fatti mii no gh’ho miga vergogna...
E co m’ho destrigà, co tutto ho fatto netto,
Anca mi alle mie ore me metto in potachietto3.
Bastiana. Vardè là, chi dirave, la par un sensamin4.
Betta. E subito me tacco alla rocca o al cussìn.
Co xe da far el pan, levo su avanti dì.
Lavo, destiro, incollo: tutto mi, tutto mi.
Bastiana. Gran siora Betta! Certo no ghe xe la compagna.
Betta. Saveu in cao dell’anno quanto che se sparagna?
Dar alle lavandere da lavar roba fina,
I merli, la cambrada, la tela le rovina.
Darla alle conzateste? un diavolo la costa.
Xe meggio, co se pol, far tutto da so posta.
Fazzo filar el lin; me fazzo le mie azze
Da cuser roba nova, da tacconar le strazze.
Vedeu sto abito qua? Mi l’ho taggià e cusio;
E anca un per de braghesse gh’ho fatto a mio mario.
Bastiana. Dasseno, siora Betta, resto maraveggiada.
Betta. E sì savè chi son: se son stada arlevada
Co fa una zentildonna. Mio barba, poveretto.
No l’avena volesto gnanca che fasse un letto.
E mia mare, gramazza, no la gh’aveva sesto,
Ma mi far sempre in casa qualcossa m’ha piasesto;
E cussì, perchè giera una putta valente.
M’ho maridà, e sior Massimo m’ha tolto senza gnente.
Bastiana. Certo, quando una putta de tutto la sa far,
La xe la mazor dota che la possa portar.
Anca sior’Anzoletta dise che so cugnada
Sa far de tutto un poco.

[p. 471 modifica]

Betta.  Gnente una sgazarada.

La sta là tutto el zorno co una man sora l’altra,
No l’è bona da gnente, e pur la fa la scaltra.
Bastiana. Mi no la credo gonza; se Tonin s’ha chiappà,
Bisogna che tra lori qualcossa ghe sia stà.
Betta. Vegniralo sto putto?
Bastiana.  Siora sì, no pol far.
L’aspetta che so barba fenissa de disnar.
Za lu disna a bonora, e po el dorme un pochetto;
L’ha dito de vegnir; son segura, l’aspetto.
Betta. I batte. Che el sia elo?
Bastiana.  Chi sa?
Betta.  Lo vederemo.
Bastiana. Vorla che vaga a veder?
Betta.  Cossa serve? Aspettemo.
Seu anca vu de quelle, che quando i gh’ha battù,
I vorria che la zente fusse vegnua de su?
Oe. Sior’Anzola xe.

SCENA II.

Angiola e dette.

Anzola.  Oh, patrona. (a Betta)

Betta.  Patrona (ad Anzola)
Anzola. Sioria, sioria, Bastiana.
Bastiana.  Sior’Anzola, patrona.
Anzola. Ghe xe gnente da novo?
Bastiana.  Gnente. L’aspetto qua,
Anzola. Nol xe vegnù gnancora?
Bastiana.  Gnancora.
Betta.  El vegnirà.
Anzola. Ma xe tardi; xe ora debotto de disnar.
Betta. Starè con mi, sior’Anzola.
Anzola.  No me posso fermar.
Sior Gasparo m’aspetta.

[p. 472 modifica]

Betta.  Ghel manderemo a dir.

Anzola. No, grazie, siora Betta.
Betta.  No volè favorir?
Anzola. In verità, dasseno, che bisogna che vaga.
Da metter suso i risi bisogna che ghe daga.
Gh’ho le chiave in scarsella, e se no me n’incuro
D’andar a casa presto, nissun magna seguro.
Betta. Manderemo le chiave.
Anzola.  Oh, no dasseno, siora;
Dalle mie man le chiave no le lasso andar fora.
Voggio, fina che posso, vardar el fatto mio.
De nissun no me fido; gnanca de mio mario.
Betta. Mi no so cossa dir. V’avè da comodar.
Anzola. Aspetto sior Benetto, che me vegna a levar.
El m’ha compagnà qua, e po l’è andà in t’un logo;
Ma no poi far che ’l vegna.
Betta.  Sempre la vien per fogo.
Anzola. E cussì l’aveu visto? (a Betta)
Betta.  Nol xe vegnù gnancora.
Anzola. Saveralo vegnir?
Bastiana.  L’ho visto za mezz’ora.
La casa gh’ho insegnà; nol xe miga un aloco.
Anzola. Ma! se nol vien, mi vago.
Betta.  Aspettemolo un poco.
Anzola. Fè una cossa, Bastiana, vardè se lo vedè.
Betta. Sì ben, andè bel bello, vardè se l’incontrè.
Feghe animo a vegnir; chi sa che nol se ossa.
Bastiana. Oh, cara siora Betta, l’ave ben dita grossa!
Una volta ste cosse i le fava in scondon;
Ma i putti al dì d’ancuo no i se tol suggizion.
Colla bocca da latte i scomenza a parlar
De putte, de morose, d’amor, de maridar.
E la mare che sente, la tase, e no la cria:
Dasseno? (la ghe dise) dasseno, vita mia?
Ti te vol maridar? co ti sarà più grando.

[p. 473 modifica]

I vive co sta voggia; la voggia va avanzando,

E quel che i ha imparà a dir con innocenza,
I vol, co i anni cresse, provar per esperienza.
I prova, no va ben, i vol provar de novo...
Cosse, cosse, fia mia... vago a vardar se ’l trovo.

SCENA III.

Signor’Anzola e signora Betta.

Anzola. La parla ben sta donna.

Betta.  Mi ve digo de sì.
Oe, se gh’averò fioli, mi no farò cussì.
Anzola. Gnanca mi no seguro. E se ghe sentirò
Dir de sti stomeghezzi, dei schiaffi ghe darò.
Pur troppo le ghe xe ste mare inspiritae,
Che ride co i so fioli sa dir le baronae.
E in vece de insegnarghe qualche bona lizion,
Le ghe insegna ste matte le fiabe e le canzon.
Betta. Mi no so cossa dir, pol esser che l’amor
Me orba, ma nol credo. No son dolce de cuor.
Se gh’averò putelli, mi li voggio arlevar,
Se el cielo me dà grazia de poderli lattar.
Perchè, sorella cara, delle volte se imbatte
De darli a delle nene5 che gh’ha cattivo latte.
I deventa malsani, e quel che dà più pena,
Xe che i chiappa col latte i vizi della nena.
Anzola. Certo, se la rason considerar se vol,
Gh’ha l’obbligo de farlo la mare, co la pol.
El cielo per lattarli ne dà quel che bisogna.
Betta. E pur ghe ne xe tante che a farlo se vergogna;
E de quelle, saveu? che no ha pan da magnar,
E pur no le se degna, ste sporche, de lattar.
Anzola. Saveu perchè, sorella? Perchè le gh’ha paura

[p. 474 modifica]

De vegnir vecchie presto, de far brutta figura.

Le ha gusto de sentirse a dir che le xe in ton;
Co le gh’ha della carne, ghe par de parer bon.6
Ma pò, co i fioi xe grandi, no i gh’ha gnente de amor;
La mare se destruze da rabbia e da dolor.
Onde xe meggio sempre lattarli da so posta.
Cossa diseu, Bettina?
Betta.  Qua no ghe xe risposta.
Ma zonzèghe7 de più, che co sta bella usanza
I fioli i torna a casa senza un fià8 de creanza.
E non occorre a dir i xe da latte ancora;
Bisogna certe cose imprimerle a bonora.
Se no, quando a principio no se se tol sta briga,
Credemelo che dopo se fa doppia fadiga.
Anzola. Basta, per mi so certo che co ghe ne averò,
Fora delle mie man i mi fioi no i darò.
E se le sarà putte, oh, ve dago parola.
Che le mie putte, certo, mi no le mando a scuola.
Betta. Perchè mandarle a scuola? A lezer, a laorar,
A casa co so mare no le pol imparar?
Ma xe che al dì d’ancuo le mare no le vuol
Tenderghe a le so putte, e in fatti no le pol;
Perchè co le ha d’andar a spasso tutto el zorno,
Sti intrighi le procura levarseli d’attorno.
Anzola. Certo, e le lassa a casa tutta quanta la sera
Le putte grande e grosse in man d’una massera.
E po? e po, gramazze! le sbrissa9, e po le intoppa.
Mare senza giudizio! Un maggio10 su la coppa.
Betta. Zitto, xe qua Bastiana.
Anzola.  Ghe xelo el putto?
Betta.  Sì.
Anzola. Oe! che femo pulito.
Betta.  Sì, lassè far a mi.

[p. 475 modifica]

SCENA IV.

Bastiana, Tonino e dette.

Bastiana. Via, vegnì, sior Tonin; non abbiè suggizion.

Betta. Mo che el resta servido.
Tonino.  Ghe son servo.
Anzola.  Patron.
Tonino. La perdona l’ardir...
Betta.  Anzi la me fa onor.
Che la resti servida.
Anzola.  Chi xelo sto signor?11 (a Bastiona)
Bastiana. Un zovene marcante, che gh’ha anca dell’intrada.
Tonino. (Xela questa de Checca?...) (piano a Bastiona)
Bastiana.  (Sì, la xe so cugnada).
(piano a Tonino)
Betta. Oe, cossa gh’alo nome, Bastiana?
Bastiana.  Sior Tonin.
Anzola. Venezian?
Tonino.  Siora no; son nato Levantin.
Dirò per mia desgrazia, perchè per sta rason
In fazza sta mattina m’è stà serrà un balcon.
Betta. Poveretto! dasseno?
Anzola.  Chi è sta sto bell’umor?
Tonino. Siora Checca.
Betta.  Ste cosse le se fa per amor.
I xe de quei despetti che sol far le morose,
Quando che le xe in collera, quando le xe zelose.
Quando no se ghe pensa, no se serra i balconi.
Sior Tonin, consoleve, che vu sarè dei boni.
Anzola. La sarave una putta d’umor ben stravagante,
Se la sprezzasse un putto per esser da Levante.
Bastiana. E un putto de sta sorte, ricco, fio solo e bon.
Certo ghe ne xe poche de ste bone occasion.
Anzola. Se vorlo maridar?

[p. 476 modifica]

Bastiana.  No voleu? siora sì.

Ve par che al voggia perder el so tempo cussì?
Betta. Chi sa quel furbachiotto quante morose el gh’ha?
Tonino. Una sola dasseno.
Betta.  Dasseno?
Tonino.  In verità.
Betta. Sior’Anzola, sentiu?
Anzola.  A mi me la contè?
Betta. Se la fusse Checchina...
Bastiana.  Giusto quella la xe.
Tonino. Mo via. Sia malignazo!... (verso Bastiana)
Bastiana.  V’aveu da vergognar?
Betta. Vergognarve? per cossa? No seu da maridar? (a Tonino)
Anzola. Mi no so cossa dir. Checchina è mia cugnada.
Sotto la mia obbedienza finora la xe stada.
E se sul vostro viso el balcon l’ha serrà,
Ela no ghe n’ha colpa; mi ghe l’ho comamdà.
Tonino. Perchè? songio un baron?
Betta.  La rason no xe questa.
Sior’Anzola, fio caro, la xe una donna onesta;
No la vôi che se fazza l’amor sotto i balconi.
Bastiana. No se usa più, fradello, el xe un far da minchioni.
Tonino. Lo so che se va in casa; ma mi no sarò degno.
Betta. Sentì mo. (Ghe anderè; ma ghe vol dell’inzegno).
(piano a Tonino)
Anzola. Cossa aveu dito?
Betta.  Oh bella! cossa voleu saver?
Fursi che mi a sto putto vôi trovarghe muggier.
Anzola. Troveghela; el la merita.
Bastiana.  El la merita certo.
Orsù, sior’Anzoletta, amor no sta coverto.
El cuor de sior Tonin l’ave sentio anca vu;
Sè una donna de garbo, e no parlemo più.
Anzola. Pian, pian, siora Bastiana...
Betta.  Pian co ste vostre chiaccole,

[p. 477 modifica]

Che chi cammina in pressa, se impenisse de zaccole.12

Sior’Anzola xe donna che pol, che vol, che sa;
Ma sta sorte de cosse cussì no le se fa.
Tonino. Vedeu, siora Bastiana? Ve l’ho dito anca mi.
Sta sorte de faccende no le se fa cussì.
No voleva vegnir. Dasseno son pentio.
Betta. No ve n’abbiè per mal.
Anzola.  Mo no, no, caro ho.
Gh’ho per vu della stima; se parlarè, son qua.
Bastiana. Oh, sentiu, sior Tonin? Via, parlè come va.
Tonino. Cossa voleu che diga? Ste cosse me confonde.
Anzola. Quando i omeni parla, se sente e se responde.
Bastiana. Gramo, nol gh’ha coraggio; parlerò mi per ello.
Mi ve dirò el so cuor. Ve contenteu, fradello?
Tonino. Disè, che sentirò...
Betta.  Che bisogno ghe xe?
Za v’avemo capio, avanti che parlè.
Tonino. Za che m’ave capio, parlè da vostra posta;
E co averè fenio, me darè la risposta.
Betta. Bravo! el xe cortesan13. (a Anzola)
Bastiana.  E de quei sulla giusta!14 (a Anzola)
Betta. Sior’Anzola, sto putto no vôi che el se desgusta.
Tocca a vu a consolarlo.
Anzola.  A mi? Sorella cara,
Son dada via che è un pezzo. Son maridada.
Betta.  Oh rara!15
La se fa dalla villa16! Se vu se maridada,
Xe ben da maridar vostra siora cugnada.
Anzola. Mi no ghe voggio intrar. Che el parla a so fradello.
Betta. Feme a mi sto servizio de parlarghe per ello.
Anzola. Ghe parlerò; ma dota, savè, no la ghe n’ha.
Betta. De dota a sior Tonin no ghe n’importerà.
Nevvero, vu? (a Bastiana)

[p. 478 modifica]

Bastiana.  L’è ricco, no ghe n’importa un figo.

Betta. Parlè, sior’Anzoletta, che so mi quel che digo.
Anzola. Per farghe el so bisogno, mio mario no xe in caso.
Betta. N’importa; el farà elo. Cossa diseu? (a Tonino)
Tonino.  Mi taso.
Betta. E chi tase, conferma. Donca la xe giustada.
Me consolo, sior’Anzola, che l’avè maridada.
Ancuo voggio che andemo a véder la novizza. (a Tonino)
Anzola. Adasio... (a Betta)
Betta.  Femio scene? (a Anzola)
Bastiana.  Via, via, no la se instizza.
Sior’Anzola faremo che la diga de sì;
E gh’anderemo in casa, e vegnirò anca mi.
Betta. E vôi che alla novizza ghe portemo l’anello.
Bastiana. Oe, velo qua: ve piaselo? (mostra l’anello a Betta)
Betta.  Dasseno che el xe bello.
Cossa diseu, sior’Anzola?
Anzola.  Sì ben.
Betta.  Xelo a proposito?
Quanto varlo, Bastiana? No me disè un sproposito.
Bastiana. Mi no fazzo parole. A chi lo vol comprar,
El val trenta ducati.
Betta.  Eh, sì ben; se pol star.
Cossa diseu? nevvero? (a Anzola)
Anzola.  El li vai, siora sì.
Bastiana. Se andessi da un orese, el val quaranta e pì.
Betta. Certo el xe bello assae; oh! bisogna comprarlo.
Nevvero, sior Tonin? Cossa diseu? (a Tonino)
Tonino.  No parlo.
Betta. Aspetteme, sior’Anzola, ancuo dopo disnar.
Diseghelo a Checchina, ghel vegniremo a dar.
Via, da bravo, comprelo, che bisogno ghe xe? (a Tonino)
Tonino. Siora Bettina, vu ve la fè, e ve la disè17.

[p. 479 modifica]

Betta. Gh’aveu difficoltà? la sarave ben bella!

Tonino. La difficoltà è questa, no gh’ho bezzi in scarsella18.
Betta. Eh, Bastiana ve crede; la ve lo fiderà.
Ghe li dare po i bezzi.
Bastiana.  Siora no, in verità.
No la xe roba mia, no la posso fidar.
Betta. No gh’avè bezzi adosso? Cosse avemio da far?
Tonino. Mio barba me tien curto.
Betta.  E pur se poderia...
Femo cussì, sior’Anzola, feghe la piezaria.
Anzola. Mi no ghe voggio intrar. Fèghela vu. (a Betta)
Betta.  Mi no.
Tonino. Che la tegna l’anello; co poderò, el torrò.
Betta. No, in sta sorte de cosse bisogna destrigarse.
Tonino. Cossa voleu che fazza?
Betta.  Bisognerà inzegnarse.
Credito no gh’avè per cussì poco in piazza?
No troverè un amigo che un servizio ve fazza?
Chi è? (verso la scena)
Anzola.  Oh, xe qua sior Benetto.
Betta.  Ch’el vegna.
Anzola.  Vago via.
Betta. Non abbiè tanta pressa; aspettè, cara fia.

SCENA V.

Benetto e detti.

Benetto. Patrone reverite.

Betta.  Patron.
Anzola.  Tanto se sta?
Benetto. Compatì, no ho podesto destrigarme.
Anzola.  Mo za.
Sempre cussì; el m’impianta.
Betta.  (Aspettè). (a Anzola) Sior Benetto,
Diseme: a un galantomo faressi un servizietto?

[p. 480 modifica]

Benetto. Perchè no? co se pol.

Betta.  Sto putto che xe qua,
Gh’ha occasion decomprar sto anello a bon marcà.
I vol trenta ducati, e subito i li vol;
Adesso nol gh’ha bezzi, per questo nol lo tol.
Ghe faressi el servizio de imprestargheli vu?
Benetto. Chi xelo? Noi cognosso sto sior.
Betta.  Vardène nu.
Tonino. Son galantomo, sala? (a Benetto)
Benetto.  (Me possio sigurar?) (piano a Anzola)
Anzola. (Degheli, sior Benetto, che ghe li podè dar). (piano)
Benetto. Son qua; se la comanda... (mette le mani in tasca)
Tonino.  Eh, no v’incomode.
Lo torrò un’altra volta.
Betta.  Eh, tolèli, tasè. (a Tonino)
Dè qua, dè qua, paron, deme i trenta ducati.
Se cognosse alla ciera i omeni onorati.
E po, no digo gnente; ma basta, sior Benetto,
Ve dirò po una cossa che certo, ve prometto,
Ch’averè gusto. (Oe zitto, l’invideremo ello
Per compare, e pol esser che el ve dona l’anello).
(piano a Tonino)
Benetto. Tolè i trenta ducati.
Betta.  Dè qua, demeli a mi. (li prende)
Bastiana. Contemoli.
Betta.  Aspettè. Sior’Anzola, e cussì?
Che vegnimo da vu?
Anzola.  Vegnì senza riguardi.
Andemo, sior Benetto, che debotto xe tardi.
Benetto. Son qua.
Tonino.  Che rendo grazie... (a Benetto)
Betta.  Cossa serve? Lassè;
Quando che el farà el resto, po lo ringrazierè.
Benetto. No gh’ho fatto abbastanza? disè. (a Anzola)
Anzola.  Sì, caro pare.

[p. 481 modifica]

Betta. (Diseghe, come vu, se el vol esser compare). (a Anzola)

Anzola. (No, no, sorella cara, no vôi sti comparezzi.
Diseghe a sior Tonin, che el ghe porta i so bezzi.
No vôi co sior Benetto che el li sconta cussì.
Se el fa qualche servizio, el l’ha da far per mi).
(piano a Betta, e parte)
Benetto. Patroni.
Betta.  Grazie tanto.
Benetto.  (Caspita, la xe brava!
L’ho fatto per sior’Anzola; da resto no ghe i dava).
(da sè, e parte)

SCENA VI.

Tonin, Betta e Bastiana.

Betta. Andè via, creature, e po tornè.

Bastiana.  De diana!
Gnanca un fià da disnar!
Betta.  Oh che cara Bastiana!
Certo! per sti vadagni! Se parlo per sto sior,
Cossa me vien in borsa? Lo fazzo per amor.
Tolè i trenta ducati. L’anello el tegno mi.
Tornè dopo disnar, e restemo cussì.
Anderemo, faremo tutto quel che volè.
No vôi vadagnar gnente, credo che lo sappiè.
Ma no veggio mo gnanca remetterghe del mio.
Pario ben? A revéderse. Vago da mio mario. (parte)

SCENA VII.

Tonin e Bastiana.

Bastiana. Ma mi no gh’ho disnà.

Tonino.  Gnanca mi.
Bastiana.  Cossa femio?
Andarave a magnar un bocconcin. Andemio?

[p. 482 modifica]

Tonino. Andemo. Trenta soldi ne basterai?

Bastiana.  No so.
Se me li dessi a mi?
Tonino.  Vu magnerè, e mi no?
Bastiana. Vu podè andar a casa a cavarve la stizza.
E po ancuo no se magna; se va dalla novizza.
Tonino. Tolè.
Bastiana.  Ghe rendo grazie. Caspita! una lirazza19!
Una gran bona man! nevvero? E che se sguazza.
(parte)

SCENA VIII.

Tonin solo.

No so dove che sia; le ha tanto chiaccolà,

Le ghe n’ha dito tante, che son mezzo incantà.
L’anello... la novizza... ancuo dopo disnar...
Sì ben, voggia, no voggia, le me vol maridar.
Le m’ha compra l’anello, no posso dir de no.
Vorle che me manda? Ben, me manderò.
Checchina la me piase; gh’ho voggia de muggier.
Sarà quel che sarà; mi farò el mio dover. (parte)

SCENA IX.

Strada.

Angiola e Benetto.

Anzola. Mo via, che adess’adesso me fè vegnir la freve20.

Camminè molto adasio.
Benetto.  Son un pochetto greve.
Cara fia, compatì.
Anzola.  Sè sta più de mezz’ora

[p. 483 modifica]

Da drio de quel canton; cossa gh’aveu in bon’ora?

Benetto. Compatì, cara fia, co se vien in ti anni,
Se gh’ha cento disgrazie, se gh’ha cento malanni.
Anzola. Disè: cossa ve par de quel zovene?
Benetto.  Par
Che el sia un putto de sesto, da poderse fidar.
Chi èlo che nol cognosso?
Anzola.  Oh bona! no saveu?
No v’oggio conta tutto? Che memoria gh’aveu?
V ho pur dito de un putto de razza levantina,
Che m’ha fatto parlar per amor de Checchina:
Che el gh’ha un barba, e sto barba no vol, no so perchè.
No v’arecordè gnente? Mo che sempio che sè!
Benetto. Sempio! coss’è sto sempio? Sempre così la dise.
Anzola. No ve n’abbiè per mal, care le mie raise21.
Benetto. Ma! coll’andar del tempo se avanza sti bei frutti.
Se xe, co se vien vecchi, el bagolo22 de tutti.
Anzola. Vardè che gran strapazzi! So mare gazzarada!
Benetto. Me vien de quelle voggie...
Anzola.  Feve nasar qua in strada23.
Benetto. Deme i mi fazzoletti, deme le mie camise.
No ghe vôi più vegnir.
Anzola.  Oh povere raise,
Deghe a sto puteletto le bagattelle in drio.
La tatta v’ha crià, nevvero, caro fio?
El gh’ha le lagremette ai so poveri occhietti.
Vegnì con mi, grametto, che ve darò i confetti.
Povero fantolin, nol vol che se ghe cria;
El vol ben alla mamma, nevvero, vita mia?
Benetto. Mo via, no me burlè. (sorridendo)
Anzola.  El ride, poveretto.

[p. 484 modifica]

Avemio fatto pase? Sareu bon, sior Benetto?

Compatì per sta volta, che no lo farò più.
Benetto. No posso star un’ora in collera con vu.
Anzola. Cussì, co ve diseva, ve par che con quel putto
Se farà un bon negozio?
Benetto.  Disè, prima de tutto:
Gh’alo parenti?
Anzola.  Oh caro! no v’ho dito za un poco,
Che el gh’ha un barba sto putto? Mo se ben un aloco.
Benetto. Semo qua nu.
Anzola.  Tasè, e no stè a imusonarve;
Digo cussì per dir, no intendo strapazzarve.
El gh’ha un barba sto putto. Nol vol che el se marida.
Benetto. De che paese xelo?
Anzola.  E no volè che rida?
E no volè che diga?... l’ho dito za un tantin,
Che sto putto...
Benetto.  V’ho inteso.
Anzola.  Xe fio de un Levantin.
Benetto. Sì ben...
Anzola.  E sto so barba, fradello de so pare...
Benetto. Ben ben...
Anzola.  Lassème dir. No me secchè la mare24.

SCENA X.

Laura in ninzoletto25, e detti.

Laura. Oh, xela qua. (a Anzola)

Anzola.  Coss’è? a sta ora dove andeu?
Laura. Vegno a cercarla ella.
Anzola.  Da mi cossa voleu?

[p. 485 modifica]

Laura. El paron voi disnar.

Anzola.  Vardè che gran desgrazia!
Che l’aspetta.
Laura.  Xe tardi.
Anzola.  Via, va via, mala grazia,
Che adessadesso vegno.
Laura.  E pò... gh’ho da parlar.
(sostenuta)
Anzola. De cossa, cara siora?
Laura.  Ghe voggio domandar
La mia bona licenza.
Anzola.  Eh, vatte a far squartar.
Xe meggio che ti vegni a domandarla in Piazza.
Benetto. Volè andar via? per cossa?
Laura.  Perchè la me strapazza.
Benetto. No ve n’abbiè per mal; la xe fatta cussì;
No l’ave mai sentia a strapazzarme mi?
Anzola. No la vol che se diga. Oh che povera alocca!
Figureve! no taso, se i me cuse la bocca!
Laura. La mia bona licenza, siora, mi ghe domando.
Anzola. Paghè la vostra polizza, e po andè, che ve mando.
Laura. Che gran polizza gh’oggio. Cossa m’ala comprà?
Un busto senza fodra, e un cottolo fruà26.
In sie mesi ste strazze no le ho scontae gnancora?
Anzola. I to anni mal messi. Sentì mo che dottora?
Gh’ho fatto un busto novo; gh’ho vendù una carpetta,
Che se volemo, certo, la xe un poco vecchietta.
Ma no la gh’ha tacconi, ma no la xe fruada:
Do anni da strapazzo no l’averò portada.
Sentì, donna strambazza, per mi ve parlo schietto:
O scontar, o pagarme. Andemo, sior Benetto.
(parte con Benetto)

[p. 486 modifica]

Laura. Si ben, voggio andar via; no ghe voggio più star.

Piuttosto la so roba indrio ghe voggio dar.
Resterò nua e crua; alfin cossa sarà?
No son po tanto vecchia. Qualcun me vestirà. (parte)

Fine dell’Atto Terzo.

  1. Boerio ha soltanto leamer, letamaio.
  2. O anche tripola, tripolo.
  3. «In assetto con qualche sfarzo»: Cameroni. Potachietto, manicaretto: Patriarchi e Boerio.
  4. Gelsomino.
  5. Balie.
  6. Comparir belle.
  7. Aggiungete.
  8. Un pochino. Fià, fiato, alito: v. Patriarchi e Boerio.
  9. Scivolano.
  10. Maglio.
  11. Zatta: Chi xelo mo sto sior?
  12. Zacchere.
  13. Di spirito, avveduto, franco: v. Boerio.
  14. «Appuntino»: Cameroni, l. c.
  15. Guibert-Orgeas, Zatta ecc.: Oh cara!
  16. «Fa la gnorri»: Cameroni.
  17. Così il verso in tutte le edizioni.
  18. Così il verso in tutte le edizioni.
  19. Moneta veneziana del valore di una lira e mezza veneta, cioè appunto trenta soldi veneti.
  20. Febbre.
  21. «Raise non vuol dir che radice ma si usa questa frase, come se si dicesse vita mia, radice, sostegno della mia vita»: vol. l’della presente ed., p. 438, n. a. Si dice ai bambini.
  22. Il trastullo, oggetto di ridicolo: v. Patriarchi e Boerio.
  23. Fatevi ridicolo, fatevi scorgere. Nasar, fiutare. V. Boerio.
  24. Qui significa la matrice.
  25. Piccolo lenzuolo; propriamente «specie di accappatoio di bianco lino, più o meno fornito dì merletti, con arte assettato intorno al capo» che le donne non appartenenti alla nobiltà usavano a Venezia, invece del zendale: Romanin, Storia documentata di Ven., Ven. 1859, t. IX, p. 15. V. anche Mutinelli, Lessico Veneto, Ven., 1851. p. 7.
  26. «Sottana frusta»: Cameroni. Cottolo «lo stesso che cottola» gonnella: Boerio. Così più sotto carpetta.