Le morbinose/Atto III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto III

../Atto II ../Atto IV IncludiIntestazione 5 agosto 2019 25% Da definire

Atto II Atto IV
[p. 145 modifica]

ATTO TERZO.

SCENA PRIMA.

Camera in casa de sior Luca.

Zanetto e Tonina.

Tonina. Via, caro sior Zanetto, se falò sfregolar (’)?

Appena el xe vegnìi, subito el voi scampar?
Zanetto. Vói cercar mia muggier. No so dove la sia.
Tonina. Cossa gh’alo paura? che i ghe la mena via?
Alfin siora Felice no xe una fantolina;
E pò, no xela andada colla mia paroncina?
Poco a tornar a casa tardar le poderà,
Che noi zavaria (2) altro, e che el l’aspetta qua.
(I) Pregare e ripregare: v. Patriarchi e Boerio. (2) Zavariar, impazzire: vol. II, 263
e XII, 453 ecc. V. più indietro, a pag. 133.
/

[p. 146 modifica]

Zanetto. L’aspetterò. Per diana, sta cara mia muggier

La voi coi so mattezzi che ghe ne daga un per (0.)
(,accenna pugni, o schiaffi)
Tonina. Certo che so muggier la xe... la me perdona...
Xe che la mette suso anca la mia parona.
Zanetto. Oe, parie con creanza.
Tonina. Eh, no digo per dir.
La xe zovene ancora, la se voi devertir.
Ghe piase andar in maschera, ballar qualche pochetto,
Zogar tutta la notte.
Zanetto. E mi, gramazzo, in letto.
Tonina. Povero sior Zanetto, al me fa compassion.
Vorla che ghe la diga?
Zanetto. Disè mo.
Tonina. El xe un minchion.
Zanetto. Come parleu, patrona?
Tonina. Eh, non intendo miga...
Basta, la me capisse, senza che ghe lo diga.
Zanetto. Mi no capisso gnente.
Tonina. Me spiegherò più meggio.
Sta vita retirada de far no lo conseggio.
Se devertisse i altri? che el lo fazza anca lu.
Vardè là che marmotta! povera zoventù!
Zanetto. Cossa xe sto marmotta? vardè come parie.
Tonina. Eh caro sior Zanetto, vu no me cognossè.
Lo so che in sta maniera parlar no me convien.
Ma se poi dir qualcossa, quando che se voi ben.
Zanetto. Me volè ben?
Tonina. Me par che no ghe sia bisogno
Gnanca de domandarlo. Sior sì, no me vergogno.
Ghe voggio ben, l’ho ditto, e ghe lo torno a dir.
De voler ben a uno chi me poi impedir?
Zanetto. Son maridà. Se putta...
(1) Un paio.

[p. 147 modifica]

Tonina. Vardè che gran cazzada! ( ’ )

No vago col mio ben fora de carizada. (2)
Lo amo, come sei fusse mio pare o mio fradelo.
E se gh’avesse un stato, ghe Io darave a elo.
Zanetto. (Per dir la verità, me piase sto musetto). (da sè)
Tonina. (No ghe ne dago un bezzo. Lo fazzo per despetto).
Zanetto. Vegniria qualche volta, ma ho suggizion.
Tonina. De chi?
In sta casa, fio caro, fazzo quel che voi mi.
Sior Luca xe el patron; ma el xe vecchio, el xe sordo.
Che el ghe sia qualche volta, gnanca non m’arecordo.
So sorella xe sempia, pezo de una putela.
La zovene no parla, la xe alliegra anca eia.
Podè senza riguardi vegnir liberamente;
Se vegnirè a trovarme, staremo allegramente.
Zanetto. Certo che qualche volta gh’ ho bisogno anca mi
De devertirme un poco. Sfadigo tutto el dì.
Tonina. E la muggier a torzio (3).
Zanetto. E la muggier a spasso.
Tonina. El mano se sfadiga, e la muggier fa chiasso.
Ai teatri, ai festini. La butta via, la zoga,
La xe una morbinosa, ma! de tacco ti boga (4).
Zanetto. E se mezzo ducato anca mi butto via,
El diavolo ghel dise, e subito la cria.
Tonina. No soffrirla ste cosse gnanca un omo de stucco,
In verità dasseno, che se (5) un gran mamalucco.
Zanetto. E tocca via (6) con questa.
Tonina. Ve parlo per amor.
Proprio, quando ve vedo, se me consola el cuor.
Zanetto. Ma se me volè ben, e se ve de sto vanto.
Lassar no poderessi de strapazzante tanto?
Tonina. No posso far de manco, cossa voleu che fazza?
(1) Che gran faccenda I che gran cosai Cazzada, ciancia, frascheria, cosa di poco valore.
V. Patriarchi e Boerio. (2) Più comune carezzada, carreggiata. (3) A zonzo, in giro.
(4) « Di prima riga »: Cameroni, 1. e. Il punto ammirativo dopo ma è forse un errore tipografico. (5) L’ed. Zatta corresse: chel xe ecc. (6) E dalli ecc.

[p. 148 modifica]

Zanetto. Pazenzia! strapazzeme.

Tonina. Le parole no mazza (’).
Zanetto. Mia muggier no se vede.
Tonina. Cossa voleu da eia?
Zanetto. L’ha porta via le chiave. No gh’ho bezzi in scarsela.
Son usa, co me levo, andar a marendar.
Felice stamattina la m’ha fatto zunar (2).
Tonina. Povero pampalugo, in verità la godo.
Zanetto. Brava; tire de longo.
Tonina. Vorressi un panimbrodo?
Zanetto. Perchè no?
Tonina. Sì, fio mio, aspettè, che vel fazzo.
L’ha porta via le chiave. Povero minchionazzo. (parte)
Zanetto. Tocca via de sto passo. Qualche volta me vien
L’amor in ti garettoli (3), la me voi troppo ben.
Ma za ghe son avezzo a tor le strapazzae,
E Felice in sto conto la me voi ben assae.
Toni N A. Fina che boggie el brodo, son vegnua a parecchiar.
Ho ordenà, col xe fatto, che i lo vegna a portar.
(prepara un tavolino colla salvietta e la posata ecc.)
Zanetto. Se vien zente?
Tonina. N’importa.
Zanetto. Sior Luca gh’ èlo?
Tonina. El gh’è.
Zanetto. No vorria che el disesse...
Tonina. Che bisogno ghe xe?
Zanetto. Magnar in casa soa senza parlar con lu...
Tonina. Non ho visto a sto mondo un sempio co fa vu.
Zanetto. Grazie.
Tonina. Senteve zo, che xe qua el panimbrodo.
(viene un servitore col panimbrodo)
Zanetto. Se vien siora Marina?
Tonina. Ve manderia sul sodo.
(I) Non uccidono. (2) Star a digiuno. (3) « Giù dei garretti, cioè vien meno, svanisce »: Cameroni. Vedasi l’ultimo verso di questo atto.

[p. 149 modifica]

Zanetto. Via, via, non andè in collera; sarà quel che sarà, (siede)

Tonina. Magne, scaldeve el stomego.
Zanetto. Prezioso in verità.
Tonina. (Pagherave un da trenta (’), che so muggier vegnisse,
E a so marzo despetto che la se inzelusisse).
Zanetto. Vien zente.
Tonina. Stè pur saldo. Non abbiè suggizion.
Zanetto. Cossa voleu che i diga?
Tonina. Mo sè un gran bemardon.
Zanetto. Tonina, co sto amor...
Tonina. Magne, magne, Zanetto.
Saveu chi xe?
Zanetto. Me par...
Tonina. El xe sior Bortoletto.
Zanetto. Bortolo? me despiase. Stemo de casa in fazza.

SCENA li.

Bortolo e detti.

Bortolo. Se poi vegnir?

Tonina. La vegna.
Bortolo. Nane? bon prò ve fazza.
Zanetto. Cossa diseu, compare? se volè, sè paron.
I ha voleste per forza...
Bortolo. Non abbiè suggizion.
Magne pur. 1 m’ha ditto, che qua ghe xe Bettina.
Xe vero? (o Tonino)
Tonina. La ghe giera, ma de prima mattina.
Bortolo. E adesso saveu gnente in dove che la sia?
Tonina. Mi no lo so dasseno. La giera in compagnia
Co so mare, le ho viste tutte do inmascherae.
Vatela a catta ti (2), dove che le xe andae.
(1) Moneta del valore di 30 soldi veneti, detta anche lirazza: v. vol. Il, 563 e VIII,
129. (2) « Vallo a pesca, indovinalo»: Cameroni. « Va a pensare dov’ella sia o si trovi »;
Boerio.

[p. 150 modifica]

Bortolo. Gh’èla siora Marina?

Tonina. No la gh’ è gnanca ella.
Bortolo. Oh sta putta... per diana, che ghe la fazzo bella.
Tonina. Eh caro sior, la putta no ghe n’ha colpa un bezzo;
Xe causa quella mare.
Bortolo. Eh lo so che xe un pezzo.
Tonina. Se mi gh’avesse un putto, co fa sior Bortoletto,
No me chiameria degna. Oh sielo benedetto!
(piano a Bortolo)
Bortolo. Dasseno?
Tonina. In verità. Xe che mi son.... cussi,
Daresto... Ma la senta, son civil anca mi. (come sopra)
Bortolo. Sentì, se la me salta, son capace de far
Quel che nissun al mondo se poi immaginar.
Tonina. Bettina xe una frasca.
Bortolo. La gh’ha troppo morbin.
Tonina. Bortolo, magneressi anca vu un bocconzin?
Bortolo. Magnar?
Tonina. Se a sior Zanetto volè far compagnia.
Vago a torve qualcossa.
Bortolo. Quel che volè, fia mia.
Tonina. No voi miga... lo fazzo perchè vede el buon cuor.
(Sior sì, per devertirme voi metterlo in saor (’)).
(da sè, e parte)
Bortolo. Xe che la xe una serva, daresto... Betta, Betta,
Ti me faressi far... causa siora Lucietta.
Zanetto. Amigo, me despiase che ho debotto fenio.
Ma certo un panimbrodo più bon non ho sentio.
Bortolo. Tonma voi che magna.
Zanetto. Cossa?
Bortolo. No saveria.
La voi che marendemo tutti do in compagnia.
(I) « Metterlo in gaudio, lusingarlo»: Cameroni. Saor, savore, salsa eccitante. V. Patriarchi e Boerio.

[p. 151 modifica]

Zanetto. Lassemo che la fazza. Co no ghe xe i paroni,

Le serve se la gode a spalle dei minchioni.
Bortolo. No vorria che vegnisse sior Luca o Marinella.
Zanetto. Ghe l’ho dillo anca mi, ma al sentir sta spuzzella (0)
No la gh’ha suggizion.
Bortolo. Co la parla cussi,
La sa quel che la disc.
Zanetto. Cussi digo anca mi.
Tonina. (Con due piatti e un’altra posata.)
Son qua; voi che magnemo do felle de persullo,
E un lantin de sluffà.
Bortolo. Brava.
Zanetto. Mi stago a tulio.
Tonina. Via senleve, sior Bortolo.
Bortolo. E vu?
Tonina. Mi no ghe penso.
Zanetto. Vegnì via. (a Tonino)
Tonina. Despenseme.
Zanetto. Oh, per mi ve despenso.
Bortolo. Me voleu ben, Tonina?
Zanetto. Tonina xe impegnada.
Tonina. Con chi, patron?
Zanetto. Con mi.
Tonina. Oh mandria gazzarada! (2)
Zanetto. Senlìu; se noi savessi, imparè, Bortolello;
Quando che la strapazza, el xe un segno d’affetto.
Bortolo. Cara vu, strapazzeme.
Tonina. Tasè là, sior perucca (3),
Che debotto ve digo sior stroppolo (4) de zucca.
Zanetto. Senlìu? la ne voi ben. Semo do fortunai.
Tonina. Oh scarlozzi da pevere (5), fagotti (6) mal ligai U).
(1) Vanerella, superbelta: 11, 212 ecc. (2) Frase ingiuriosa, equivalente a " bestia
malnata ». (3) « Signore da burla »: Boerio. Anche sier perucca de sloppa: 11, 617.
(4) Dicesi figuratamente di persona piccola: vol. Xll, 186. V. Boerio. (5) Goldoni spiega:
« cartocci di pepe mal fatti: termine di disprezzo »: vol. II, 105, n. /, e 144, d. d.
(6) Fardelli. (7) « Cicisbei malgraziati »: Cameroni.

[p. 152 modifica]

SCENA III.

Sior Luca e detti.

Luca. Tonina.

Zanetto. Oe, sior Luca.
Bortolo. Voleu che andemo?
Tonina. Eh gnente.
Zanetto. Almanco respondeghe.
Tonina. L ’ è sordo; noi ghe sente.
Luca. Tonina.
Zanetto. Andemo via.
Tonina. Stè là, no ve move.
Za se volè andar via, per forza l’ incontrè.
Zanetto. No vorria...
Tonina. Pampalugo.
Bortolo. La civiltà.
Tonina. Minchion...
Bortolo. E se el paron ne cria?
Tonina. Che el cria, che el xe paron.
Luca. Gh’è nissun in sta casa?... Veh veh! schiavo, patroni.
Chi èi sti siori? (a Tonina)
Tonina. Do amici. (forte)
Luca. Cossa?
Tonina. ^ Do amici boni, (più forte)
Luca. No i cognosso. Chi xeli? (si mette gli occhiali)
Tonina. Sior Bortolo Lavagna, (forte)
E sior Zanetto Trigoli.
Luca. Sior Bortolo che magna?
Vedo anca mi che el magna.
Bortolo. La prego a perdonar.
Luca. Come?
Bortolo. Ghe domando perdon (0. (forte)
Luca. Cossa xe sto zigar (2)?
Tonina.
(I) Così il lesto. Cameionì, I. e, corresse: • L. Come? B. Mi ghe domando... L. Cossa
xe ecc. ». (2) Urlare.

[p. 153 modifica]

Tonina. Cossa vorla?

Luca. Chi li ha fatti vegnir?
Tonina. ^a vece hìa. (forte)
Luca. Chi?
Tonina. La vecchia. (più forte)
Luca. Perchè?
Tonina. No ghe! so dir.
Luca. Cossa?
Tonina. (Pustu (1) crepar; me averzo (2), e noi me sente).
(da sè)
Luca. Marina dove xela?
Tonina. No so.
Luca. Che?
Tonina. No so gnente. (forte)
Zanetto. La perdona, sior Luca, la troppa confidenza.
Veramente, el confesso. Tè stada un’insolenza.
Cercava mia muggier, so che la giera qua;
I m’ha dà da marenda, e mi no ho reffudà.
Luca. Se m’ ha cala in sta recchia sta notte una flussion.
De qua ghe sento poco. La prego de perdon.
Zanetto. Amigo, parie vu donca, dall’altra banda.
Bortolo. Certo s’avemo tolto una libertà granda.
Ma se sa che sior Luca xe un omo tutto cuor.
Che tutti i boni amici el tratta con amor.
De carneval xe lecito torse ste libertà.
Amigo, a quel che vedo, l’ è sordo anca de qua.
(parla cori Luca, e Luca seguita a guardare Zanetto, non sen-)
tendo Bortolo.
Luca. Xela eia che parla? (a Zanetto)
Zanetto. Per mi non ho zittio.
Xe quello là che parla. (accenna colla mano)
Luca. Oh, el gh’aveva da drio.
(voltandosi vede Bortolo)
(1) Possa tu. (2) Mi apro il petto dal gridare, V. Patriarchi e Boerio.

[p. 154 modifica]

Tonina. Che commedie! No xele cosse da crepazzar (1).

No ghe bade, marzocchi. Senteve, andè a magnar.
Bortolo. Permettela, signor?
Luca. Vaia via? la se comoda.
Bortolo. E1 stuffà se sfredisse (2).
Luca. Basta, no la s’incomoda.
Zanetto. Che persutto prezioso!
Luca. Basta cussi, che el tasa.
Zanetto. Vago a magnar el resto.
Luca. La reverissa a casa.
(Bortolo e Zanella lomano a latìola)
Luca. Tonina.
Tonina. Sior.
Luca. Adesso che i xe andai via de qua,
Vorria che me disessi... Oh bella in verità.
(s( valla e li vede a tavola)
Mo za che la mia roba s’ha da magnar cussi,
Quando che i altri magna, voi magnar anca mi.
Un piatto e un tovaggiol. Con licenza, patroni,
Gh’ è un odor che consola! no i xe miga minchioni.
Ghe ne voggio anca mi de sto stuffà.
Bortolo. Gh’ho gusto.
Luca. Come?
Bortolo. Digo de sì.
Luca. Cossa diseu?
Bortolo. Xe giusto.
Tonina. (Per diana, che le vien. Per causa del patron.)
Mi co siora Felice no gh’ho la mia intenzion (3).
La crederà che elo gh’abbia dà da magnar.
Sto vecchio malignazo me xe vegnù a intrigar).
(da sè, e parte)
(I) Comunemente crepar (sott. dalle risa). (2) Si raffredda. (3) Non raggiungo il
mio intento.

[p. 155 modifica]

SCENA IV.

Marinetta, siora Felice e detti.

Marinetta. Bon prò fazza, patroni. Se disna, o se marenda?

Felice. Sior mario, come vaia? cosa xe sta faccenda?
Zanetto. Se no fussimo qua, qualcossa ve dirave.
No ve basta de andar, me porte via le chiave?
Felice. Vardè che gran faccenda! Oh povero putello I
La mamma è andada via senza darghe el cestello.
Zanetto. La me burla, patrona? (s’alza)
Marinetta. Vu burle sior Zanetto?
Se tase, e a so mario se ghe porta respetto.
El xe un omo, e coi omeni no se tratta cussi,
E no se va a ziron tutta la notte e el dì.
Mi ghe conterò tutto. Sentì, sior, vegnì qua.
(mostra di gridare a Felice, e fa che si accosti Zanella, a cui)
dice piarìo:
Netteve, che se sporco i lavri da stuffà).
Zanetto. (Va a pulirsi la bocca.)
Felice. Mo ti xe una gran matta! (a Marinetta, ridendo)
Marinetta. Gh’astu paura? (a Felice)
Felice. Gnente. (a Marinetta)
Zanetto. Sta vita no la voggio certo assolutamente.
Marinetta. El gh’ha rason, sta vita no la se poi durar.
Vu tutto el zorno a spasso, e elo in casa a scassar (0?)
Siora no, no va ben; se ghe dise cussi:
Mario, se me diverto, divertite anca ti.
Vustu vegnir a spasso, vustu che se godemo?
Mettite su el tabarro, tiò la bauta e andemo.
Quando ti vien con mi, ti me consoH tanto.
Ma pò, se no ti voi, vissere mie, t’impianto.
Zanetto. Brava, siora Marina, brava da galantomo.
Felice. Eh, mio mano xe bon.
Marinetta. Vostro mario xe un omo.
(1) Cullare, dimenar la cuna: v. Patriarchi e Boerio.

[p. 156 modifica]

Felice. Vedere che stassera el vegnirà al festin.

Marinetta. Chi xelo? un taggialegne? xelo un spcizzacamin?
Felice. El me voi ben Zanetto.
Marinetta. Caspita, el meritè.
Felice. Nè vero? (a Zanetto)
Marinetta. Respondeghe. (a Zanetto)
Zanetto. Gran diavolo che sè!
(in atto di partire)
Felice. Andeu via co sto sesto?
Marinetta. El se va a inmascherar.
Felice. Oe, mi no vegno a casa.
Marinetta. La sta con mi a disnar.
Felice. Che staga? (a Zanetto)
Zanetto. Siora sì; stè pur.
Felice. Grazie infenite.
Marinetta. Ve ringrazio anca mi.
Zanetto. Patrone, reverite. (in atto di partire)
Felice. Tolè, tolè le chiave.
Zanetto. Siora sì, siora sì.
Felice. Xestu in collera. Nane?
Zanetto. Son.... no so gnanca mi. (parte)
Marinetta. Xelo andà?
Felice. El xe andà.
Marinetta. A bon viazo, mastella (1).
Felice. M’avè fatto da rider.
Marinetta. Se fa cussi, sorella.
Cossa serve coi omeni criar e far musoni?
Quando che no se cria, i deventa più boni.
Bortolo. (Sta putta no se vede). Digo, siora Marina,
Me saverìela dir...
Marinetta. Cossa cercheu? Bettina?
Bortolo. Giusto eia.
Marinetta. Disè, no savè gnente?
(I) Mastello, e secchia di legno. - Come si dicesse: vada a farsi benedire.

[p. 157 modifica]

Bortolo. Cossa?

Marinetta. No savè de Bettina? Oh, la l’ha fatta grossa.
Bortolo. La diga mo.
Marinetta. Conteghe. (a Felice)
Felice. Cessa gh’oi da contar?
Marinetta. (Inventemo qualcossa; femolo desperar).
(piano a Felice)
Bortolo. Me fè star in travaggio.
Marinetta. Se savessi!
Bortolo. Mo via.
Marinetta. La se sposa....
Bortolo. Con chi?
Marinetta. Con mistro (’) Zamaria.
Bortolo. Chi èlo costù?
Marinetta. E1 xe un omo. Felice lo cognosse.
Felice. E1 xe quello che vende dell’acqua per la tosse.
Bortolo. Dove stalo?
Felice. A Venezia.
Bortolo. Ma dove?
Marinetta. In cao Castello (2).
Altro che vu, sior Bortolo; se vedessi co bello!
Bortolo. Dove xela Bettina?
Marinetta. La xe dal so novizzo.
Felice. No, la xe dal compare.
Bortolo. Chi èlo?
Felice. E1 Conte Pastizzo.
Bortolo. Patrone.
Marinetta. Dove andeu?
Felice. Sentì.
Bortolo. Voggio andar via.
Veggio che el me la paga.
Marinetta. Chi? Mistro Zamaria?
Bortolo. Giusto elo. (m atto di partire)
( I ) Mastro o maestro: Patriarchi e Boerio. (2) In fondo al sestiere di Castello.
i

[p. 158 modifica]

Marinetta. Fermeve. (lo vuol traltenere)

Bortolo. Voggio andar via. (come sopra)
Marinetta. Ascoltene.
(lo fermano)
Bortolo. Lassarne andar. (si scuote)
Marinetta. Tegnimolo.
Bortolo. Gnanca co le caene.
(si libera dalle dorine, e nel fuggir eia urta nel tavolino e lo)
getta in terra, e fa cadere anche il signor Luca.
Luca. Cossa xe sta? (in terra)
Marinetta. Sior pare! (lo aiuta ad alzarsi)
Luca. Ol. (alzandosi)
Marinetta. S’alo fatto mal?
Luca. Come?
Marinetta. S’alo macca?
Luca. Cossa?
Felice. (Mo che coccal!)(i)
(da se)
Luca. Ho magna un pochettin, m’aveva indormenzà.
Diseme, cara fia, come songio casca?
Marinetta. E1 xe sta un accidente.
Luca. Cossa?
Marinetta. E1 gatto xe sta. (forte)
Luca. E1 gatto? O malignazo! alo magna el stuffà?
Chi èia questa? (accenna Felice)
Felice. Son mi.
Luca. Siora?
Felice. El sa pur chi son.
Luca. Malignazo quel gatto; m’ho indolentrà un galon (2).
Voggio andarme a sentar; a star in pie me stracco.
Fia mia, mandeme subito a tor un taccomacco (3).
Cossa? (a Felice)
( I ) Stolido, balordo. Cocal propriamenle è il gabbiano o mugnaio, bestia stupida:
V. Boerio. (2) Fianco: Patriarchi e Boerio. (3) « Cerotto di tacca macca »: Patriarchi.
V. Boerio.

[p. 159 modifica]

Felice. No digo gnente. (sogghignando)

Luca. Come? (a Marinella)
Marinetta. Digo de sì.
(sogghignando)
Luca. Ride? Co se xe vecchi, i ne tratta cussi.
Me diol, e ancora i ride. Se vivesse to mare!
Senti sa, frasconazza, no scoffonar (l) to pare.
Siora? (a Felice)
Felice. Per mi no parlo.
Luca. Vardè là che bel sesto!
Anca vu sarè vecchie, se no creperè presto.
I omeni anca vecchi i è boni da qualcossa.
La donna l’ha fenio, co la xe vecchia e flossa.
(parte)
Felice. Oh che caro vecchietto! no ghe respondè gnente?
(a Marinella)
Marinetta. Cossa gh’oi da responder? Savè che noi ghe sente.
Felice. E quel povero Bortolo?
Marinetta. Povero fantolini
Felice. Perchè farlo zurlar (2)?
Marinetta. No saveu? per morbin.
Felice. E1 xe fora de elo, gramazzo! el xe ben grezo (3).
Marinetta. El crede a ste faloppe, se poi sentir de pezo?
Oh sior’ amia, sior’amia.
Felice. In maschera anca eia?
Marinetta. Oe, co sior Ferdinando.
Felice. Marina, come xela?
Marinetta. Scondemo sti galani.
Felice. Sì, che noi ne cognossa.
Marinetta. Mia amia col foresto?
Felice. No saveria per cossa.
( I ) Deridere, beffeggiare: Patr. e Boetio. (2) Nelle edd. Guibert-Orgeas, Zatta ecc.
è stampato per enore zurar. (3) Semplice, inesperto: li, 568.

[p. 160 modifica]

SCENA V. (1)

SiLVESTRA, Ferdinando e dette.

Silvestra. Putte, cossa diseu? m’oi trova un bel braccier?

Felice. Brava, siora Silvestra.
Marinetta. Brava! col forestieri
Ferdinando. Che vedo! in questa casa la signora Marina?
Silvestra. Sior sì, la xe mia nezza.
Ferdinando. Nezza?
Silvestra. Mia nepotina.
Ferdinando. Questa mi giunge nuova. Non mi credeva mai
Di essere dove sono.
Marinetta. Mo, ghe despiase?
Ferdinando. Assai.
Marinetta. Grazie del complimento.
Felice. Vardè là che bel sesto!
Ferdinando. Con ragion, mia signora, meravigliato io resto.
Marinetta. Perchè?
Ferdinando. Voi lo dovreste saper più di nissuna.
Marinetta. Mi credo che el zavaria.
Felice. Ai quanti fa la luna?
Silvestra. Sto signor, Marinetta, el sta a disnar con nu.
Marinetta. Dasseno? me consolo.
Ferdinando. No, non vi resto più.
Silvestra. Perchè? S’alo pentìo?
Marinetta. Fursi per causa mia?
(Sta vecchia!... Fè de tutto de menarmela via).
(piano a Felice)
Silvestra. No crederave mai, che el me fasse sto torto.
Felice. Sentì, siora Silvestra. (El xe innamora morto).
Silvestra. (De chi?)
Felice. (De vu).
Silvestra. (Dasseno?)
(I) Nelle edd. Guibert-Orgeas, Zalta ecc. è stampato per errore scena X.

[p. 161 modifica]

Felice. (Con fondamento el so).

Silvestra. (Saveu chi el sia?)
Felice. (So tutto).
Silvestra. (Chi èlo?)
Felice. (Ve conterò.)
Andeve a despoggiar; vegnirò in compagnia,
E ve conterò tutto).
Silvestra. (E se intanto el va via?)
Felice. (Eh, che no l’anderà).
Silvestra. La senta, sior foresto,
Me vago a despoggiar, e tomo presto presto.
Me aspettela?
Ferdinando. Non so.
Felice. Eh, che l’aspetterà.
Marinetta. Se el voi andar, che el vaga.
Ferdinando. Dove? Di là da stra?(i)
Marinetta. Vardè che bel parlar!
Ferdinando. Dico quel che mi han detto...
Vada, vada a spogliarsi. (a Silveslra)
Silvestra. Me aspettelo?
Ferdinando. Vi aspetto.
Silvestra. Bravo, cussi me piase. (Vedo che el me voi ben).
Vegni con mi. Felice. (El cuor me sbalza in sen).
El disnerà con nu. Oe, no ghe disè gnente
A sior Luca; za elo xe vecchio, e noi ghe sente.
Senza che nissun sappia, femo sto disnaretto.
(Proprio me sento in gringola. Oh siestu benedetto!)
(parte)
Felice. (Oi d’andar anca mi?) (piano a Marinella)
Marinetta. (Sì, andè, andò, destrigheve).
(a Felice)
Felice. (Sola volè restar?) (a Marinella)
Marinetta. (Per questo?) (a Felice)
(I) Vedasi alto II, sulla fine della se. 3.
m

[p. 162 modifica]

Felice. (Comodeve).

(a Marinella, e parte)
Marinetta. Che el diga, caro sior, cossa gh’alo con mi?
Ferdinando. Vi par che i galantuomini si burlino così?
Marinetta. Chi lo burla?
Ferdinando. Che forse voi vi siete scordata
Di quel che mi diceste al caffè mascherata?
Marinetta. Come m’alo scoverto?
Ferdinando. Mi domandate il come?
Non vi dovea conoscere, se mi diceste il nome?
Marinetta. Mi gh’ho dito el mio nome?
Ferdinando. Oh bella in verità!
Voi stessa, e mi sapeste mandar di là da stra.
Marinetta. Sior Ferdinando caro, questa xe una bulada?
In maschera al caffè, xe vero, ghe son stada.
Ho parla anca con elo, ho sentio d’un biglietto.
Ch’aveva per desgrazia un certo galanetto.
In grazia della mascara m’ho tolto confidenza.
Ma no gh’ho dito el nome, nè gnanca sta insolenza.
Anzi, perchè in tei viso noi me vedesse, el sa
Che el caffè in te la chiccara scampando gh’ho lassa.
E che finzendo de esser femena maridada.
Del mano col pretesto, son dal caffè scampada.
Ferdinando. Oh ciel, voi siete quella.... dunque l’altra non siete...
Or conosco il vestito. Sì, che ragione avete.
Prima venner due maschere, per verità compite.
Poi altre due ne vennero, più risolute e ardite.
Avean lo stesso nastro, come le prime al petto;
E. che avea il vostro nome, una di quelle ha detto.
Marinetta. Sior? le ha finto el mio nome? Zitto, le trovo adesso.
Un galan co fa questo? (mostra il nastro)
Ferdinando. Par quel galano istesso.
Marinetta. Certo un galan conapagno gh’ho dà mi stamattina.
Le xe eie senz’altro. Lucietta con Bettina.
Ferdinando. Lucietta colla figlia?

[p. 163 modifica]

Marinetta. Ghel digo, in verità.

Ferdinando. Han ragion di mandarmi dunque di là da stra.
Marinetta. Perchè?
Ferdinando. Non conoscendole, ho detto che Lucietta
Mi pareva insoffribile, e l’altra una fraschetta.
Marinetta. Bravo, bravo dasseno. Gh’ho gusto; tolè su.
Ferdinando. Cospetto! colle maschere non vo’ parlar mai più.
Marinetta. Cossa gh’importa a elo d’averle desgustae?
Se el gh’ha dito sta cosse, le se le ha meritae.
Ferdinando. Voi però niente meno di me prendeste gioco.
Marinetta. No ghe xe mal, l’ho fatto per devertirme un poco.
E circa a quel biglietto, no la creda che el sia
Ne tutto verità, nè tutto una busia.
Ferdinando. Parlate voi di questo? (mostra il ciglietto)
Marinetta. Sior sì, parlo de quello.
Ferdinando. Tanto brutta è chi scrisse, quanto il viglietto è bello.
Marinetta. Cussi, co sto disprezzo la parla in fazza mia?
Dove ha ditto Lucietta, debotto el mandaria.
Ferdinando. Vi par che sia vezzosa la signora Silvestra.^
Marinetta. Ah, el parla de mia àmia! La xe un’altra manestra.
Ferdinando. Non fu lei che lo scrisse?
Marinetta. Certo, è la verità.
Ma se la vecchia ha scritto, qualcun ghe l’ha detta.
Ferdinando. Per altro i sentimenti saranno suoi.
Marinetta. Noi credo.
(vezzosamente)
Ferdinando. Son vostri? (vezzosamente)
Marinetta. No so gnente.
Ferdinando. Sì, sono vostri, il vedo.
Ah, se creder potessi sincero un simil foglio.
Quanto sarei contento! Ma disperar non voglio.
Una giovine onesta che unisce alla beltà
I doni dello spirito, no che ingannar non sa.
Appena vi ho veduta, voi mi piaceste tanto,
Che parvemi d’amore un prodigioso incanto.

[p. 164 modifica]

So che ve ne accorgeste. Ne credevi capace.

In mercè della stima, di essere mendace.
Signora, ad ispiegarvi l’onestà vostra impegno.
Se burlaste, pazienza; per questo io non mi sdegno.
Dono all’età ridente lo scherzo menzognero;
Ma per pietà, vi prego, non mi celate il vero.
Marinetta. Che el vaga a dir ste cosse a quella dall’anelo.
Ferdinando. Non mi mortificate. La verità vi svelo.
Parvemi conveniente sì piccolo tributo
A figlia cui sembrava l’anello esser piaciuto.
Ma da’ miei labbri intesero, se ho dell’amor per essa.
La madre mascherata e la fanciulla istessa.
Ambe da voi sfidate a dir la verità.
Dicano se di voi lodata ho la beltà.
E se il merito vostro in faccia lor vantato.
Mi fè’ dal loro sdegno schernito e strapazzato.
Voi siete quella sola che in città sì famosa
Apparve agli occhi miei più amabile e vezzosa.
E se del vostro affetto posso sperare il dono,
Sull’onor mio, vel giuro, lieto e felice io sono.
Marinetta. Sento a mover i piatti, xe ora de disnar.
La vaga in quella camera, la se vaga a scaldar.
Ferdinando. Così mi rispondete?
Marinetta. Vorlo andar? (con impazienja)
Ferdinando. Non gridate.
Anderò, mia signora, senza che mi mandiate.
(Mi piace, è figlia sola, ha delle facoltà.)
Farmi di non spiacerle, voglio sperar. Chi sa?) (parte)
Marinetta. Ah, sto sior Ferdinando el xe suttilo (’) e fin.
No vorria incocalirme (2), e perder el morbin.
Vardè, quando che i dise; per quanto che sia esperta.
Per quanto che abbia fatto, la burla è descoverta.
De sta sorte de burle no ghe ne fazzo pi.
Se troppo andemo avanti, togo de mezzo mi.
(I) Sottile. (2) Initapidirmi, e quindi innamorarmi. Da cocal. V. Boerio.

[p. 165 modifica]

Per dir la verità, el me piase sto sior,

El gh’ha certe parole che bisega (’) in tei cuor.
Bettina mo credeva d’averlo chiappa in rede;
So danno; ala sentìo? Ste cosse le se vede.
L’ha ditto che ghe piaso, che eia xe una fraschetta.
Gh’ho gusto per Bettina, ma anca più per Lucietta.
Voi farghe veder mi, chi son e chi no son.
Ma pò come sarala, se casco a tombolon?
Semo da mandar. Donca se poderia,
Se el disesse dasseno... Ma se no so chi el sia.
Oh m’ho intriga pur mal. Povera zoventù!
Quando che se scemenza, no se ghe pensa su.
Coi omeni burlando, se fa de sti vadagni,
E el morbin coli’amor va zo per i calcagni (2). (parie)
Fine dell’Atto Terzo.
(I) Bisegar, frugare, iluzzicare, andar al cuore: II, 133 e 159; IV, 40; XII, 167 ecc.
V. Patriarchi e Boerio. (2) • Si dimentica, viene a noia : II, 422.

[p. 166 modifica]