Leggenda eterna/Risveglio/Febbre

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Febbre

../Domani ../Pel monumento a G. Zanella IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Letteratura

Risveglio - Domani Risveglio - Pel monumento a G. Zanella

 
Ecco, la porta si spalanca ed entra
mio padre coi bei doni. A stento ei tutti
li regge (oh quanti!) e ride... Io dal mio letto
tendo le braccia, e la gioia è nel sole
che allaga la mia camera: è nel suono
delle campane dindondanti a festa,
nell’allegro vocìo che di fuor s’ode...
- È nato! è nato! - esclamano le genti
e per le vie s’abbracciano.
                     La febbre
questi sogni mi dà? sia benedetta!
Vero; è Natale, ma mio padre immoto
dorme laggiù presso la villa immersa
tra gli abeti. È Natale... oh ma i fratelli
non s’abbraccian per via!...
                    Donami ancora
un altro sogno, amica febbre! io veda
svanir come ombra, al divampar d’un grande
foco d’amore, l’indigenza, e il mondo
finalmente placato in una fede
sicura e forte come l’universo,
in ogni terra, e per ognuno il sasso
delle tombe non sia più che la porta
dell’infinito.
         A quella soglia io forse
m’approssimo?... chi sa? Forse il mio sogno
s’avvera, e lieto il padre mio dischiude
il valico per me, recando il vivo
dono di luce?...
             Dagli oscuri abissi
della vita, assorgiamo, anima! albeggia
l’erta, che attinge il vertice del vero.