Leggenda eterna/Risveglio/Pax

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pax

../Tentazione ../La porta di bronzo IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Letteratura

Risveglio - Tentazione Risveglio - La porta di bronzo

 
Una donna velata e frettolosa
giunse là dove un popolo ribelle
un altro urgeva; e l’asta contro l’asta
cozzava, e correa sangue, tenebrosa
fiumana al lume delle rare stelle.
Protese ella le mani e sclamò: - Basta!

Da lungi allora, scarmigliate, a torme,
venner le madri, e curve sul terreno
tersero il sangue e i vulnerati forti
sorressero... La notte sull’informe
ruina, e delle fiaccole al baleno
un volto esangue o un cumulo di morti.

Non più, d’intorno agli stendardi eretti,
squilli e ruggir d’inferocita gente.
Solo qualche sospiro udiano i cieli
muti, o l’ansar degli anelanti petti.
Quando il dì sorse, vòlta ad oriente
gittò la donna frettolosa i veli

e apparve bianca e sorridente al sole.
La parola che disse unica e pura
echeggiò delle valli nel profondo,
suscitò rose alle cruente aiole,
mèssi ne’ solchi, e dalla insania oscura
della guerra, impetrò libero il mondo.