Lettera a Luigi La Pegna (maggio 1910)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Rapisardi

1910 L lettere letteratura Lettera a Luigi La Pegna Intestazione 18 settembre 2008 75% lettere

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

maggio 1910 Catania


Egregio Avv. Luigi La Pegna Console Direttore della Corda Fratres,

Molte epigrafi ho scritto per Giovanni Bovio. Vi mando quella che a' mestieranti della politica e della letteratura non piacque. L'ho accresciuta dei quattro ultimi versetti d'occasione per fare onore all'opera di codesta gioventù generosa, e spero ne sarete contenti. Abbiatemi in ogni caso per il vostro.

GIOVANNI BOVIO
CITTADINO DI SPARTANA AUSTERITA'
FRA IL MERETRICIO MERCATARE DEI POLITICANTI;
PENSATORE SOLITARIO
FRA LO STREPITO DI COZZANTI DOTTRINE;
ARTEFICE POSSENTE DI STILE
FRA LA PRETENZIOSA NULLAGINE DEI PAROLAI;
TRAVERSO' IMPAVIDO
LE TORBIDE CORRENTI DEL SECOLO,
E NE USCI'PURO, A FRONTE ALTA,
CON L'ANIMO ILLUMINATO
DALLA FEDE CONFORTEVOLE
NELL'ASCENSIONE PERPETUA
DEL PENSIERO UMANO.

AL VENERATO MAESTRO
CONSACRANO QUESTO RICORDO
I CUORI AFFRATELLATI NEL CULTO DELLA SCIENZA E DELLA LIBERTA'.
Maggio MCMX.

Mario Rapisardi