Lettera a Settimio Cipolla (28 dicembre 1878)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Rapisardi

1878 L lettere letteratura Lettera a Settimio Cipolla Intestazione 18 settembre 2008 75% lettere

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

28 dicembre 1878


Caro Settimio,

Ho scritto L'epistola a Lucrezio, un'ode al re, destinata a procacciarmi altri e non meno accaniti nemici, do l'ultima mano al poema della Natura, studio la fisica del Mascotti, e la teoria atomica del Wurtz, m'accapiglio con la grammatica tedesca del Muller, comincio a tradurre letteralmente la Zuleica di Bodenstedt, squisitissima poesia che farò forse conoscere agl'Italiani; e per intercalare a tutta questa arruffata canzone del mio lavoro, l'emicrania e la noia e un disprezzo invincibile e quasi morboso per tutto questo canagliume ovattato di prosopopea che mi bulica intorno agli stivali!

La febbrile attività del mio ingegno, a cui non giova l'idroterapia dei disinganni, mi da un po' da pensare.

Che siano gli ultimi guizzi della lampa?

Chi vivrà vedrà; io non temo nè spero.

Certi versi di Ruckert che ho sotto gli occhi mi fanno ridere...

Solite storie! Sentite quest'epigramma:

Dice Stecchetti, il tisico immortale,
Che imitato ho Parny nel mio poema:
Felice lui, che con audacia estrema
Non imita nessun, fuor che il maiale.

Ed ora addio. Avete ricevuto il Ferron? Avete carezzato la zazzera del Gangetico Assalonne? Siete stato invitato alle nozze del prof. Trezza? O miseras hominum mentes, o pectora coeca!

Prendetevi un bacio del vostro...

Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Settimio Cipolla