Lettera a Tommaso Cannizzaro (agosto 1905)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Rapisardi

1905 L lettere letteratura Lettera a Tommaso Cannizzaro Intestazione 18 settembre 2008 75% lettere

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

agosto 1905


Eccoti, mio caro amico, ciò che ho scritto in lettera raccomandata al Colajanni e, con altre parole, al Pantano:

« T. Cannizzaro, il valoroso poeta e filologo messinese, che è sempre vissuto indipendente, è ora costretto, a 66 anni e quasi cieco, a chieder lavoro per vivere.

Alcuni amici hanno proposto al Ministro di chiamarlo a insegnar lett. francese nell'Università di Messina; il Ministro pare ben disposto, ma pencola ancora fra il sì e il no.

Una raccomandazione tua e del Pantano a cui ho già scritto, potrebbe dargli la spinta. Fagliela, a voce o per iscritto, vivamente, per l'onore siciliano.

Di Tommaso Cannizzaro, apprezzato molto dagli stranieri, mi parlava, pochi anni or sono, con ammirazione Giorgio Brandes.

L'Italia officiale, che prodiga onori divini ai rinnegati e ai ciarlatani, conosce appena di nome il poeta messinese.

Ma il Ministro siciliano non potrebbe, senza nostro dolore, trascurare un uomo che onora altamente quest'isola disgraziata.»

Abbimi sempre tuo come fratello...