Lettere al padre/1627/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lettera 21

../20 ../../1628 IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% lettere

1627 - 20 1628

A Bellosguardo

San Matteo, vigilia di Natale 1627

Molto Illustre e Amatissimo Signor Padre.

Desiderando io che in queste santissime feste di Natale, e in molte altre ancora, V. S. arrivi al colmo d’ogni bramata consolazione, vengo con questi pochi versi a fargliene felicissimo augurio, e prego il Signor Iddio, che in questi benedetti giorni il suo animo goda tranquilla pace, e il simile a tutti di casa.

Mando alcune coserelle per i fanciullini dello zio, il collare maggiore con i manichini sarà d’Albertino, gli altri due degli altri più piccoli, e il canino della bambina, le paste di tutti, eccetto i mostacciuoli che sono per V. S. Accetti la buona volontà che sarebbe pronta per far molto di più.

Ricevei il vino e anco il rabarbaro; la ringrazio; e prego il Signore che le rimeriti tante sue amorevolezze con l’aumento della sua santa grazia. Con che per fine mi raccomando a tutti molto affettuosamente.

sua figliuola Affezionatissima

S. M. Celeste.