Lettere al padre/1631/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lettera 62

../61 ../63 IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% lettere

1631 - 61 1631 - 63

A Bellosguardo

San Matteo, 12 marzo 1630 [1631]

Amatissimo Signor Padre.

Ringrazio V. S. dell’amorevolezze a noi gratissime, poiché quest’anno così penurioso è causa che passiamo la presente quaresima assai magramente, sebbene, quando si ha la sanità, l’altre cose si tollerano facilmente.

La venuta di V. S. e di Galileo piccino è da noi grandemente desiderata, quanto prima sia possibile. Intanto mi rallegro di sentire ch’Ella stia assai bene, sì come di nuovo mi dolgo dell’impedimento ch’ho nel poter giovare alla Virginia e di sodisfare a V. S.: spero nondimeno che Dio benedetto la provvederà in qualche altra maniera.

Se Vincenzio ha ancora V. S. in sospetto, a Lei sarà d’utilità, giacché non si pigliano danari da persone che siano appestate; e così egli, che n’ha tanto timore, non ne domanderà a V. S. alla quale di cuore mi raccomando. N. S. la conservi.

sua figliuola Affezionatissima

S. M. Celeste.