Lode al Beato Angelo Carletti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Parini

1753 L sonetti letteratura Lode al Beato Angelo Carletti Intestazione 29 maggio 2011 75% sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

O già di tanti allor Cuneo superba,
ma più dell'Ossa di Colui, cui morte
vinto non ave in lutto anco, nè 'l forte
4sin or roder degli anni o spolpa, o snerva.

Forse Colui l'onta del tempo acerba
poteo schernir, perchè quel fregio ei porte,
che i cadaveri illustri ebbero in sorte,
8cui la barbara Menfi aterni serba?

No, ma gli onor della bell'alma offesa
da nullo error quaggiuso il ciel rimembra,
11mostrando a noi la nobil salma illesa.

Anzi se a' tuoi trofei miro, a me sembra
che quell'anima grande a tua difesa
14qui vegli ancor nelle terrene membra.


Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Angelo Carletti