Malìa/Atto terzo/Scena I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo
Scena I

../ ../Scena II IncludiIntestazione 7 novembre 2008 75% Teatro

Atto terzo Atto terzo - Scena II
NINO

Jana!

JANA

(da se)
Ah, Signore!
Non reggo!

NINO

A noi lo spino
Di San Giovanni l’avvenir svelò
Mutato è il vostro core ?
Sempre lo stesso è il mio!

JANA

" Sa solamente Iddio ! „

CORO

Voi delle belle la regina siete,
Delle dolcezze la palma portate,
Una spera di sole in petto avete..
E ride il ciel quando voi parlate
In mano il cuore mio stretto tenete ;
Due cuori sona troppi; che ne fate?
Il vostro in petto a me lo riponete,
E sia la vera prova che mi amate,

NINO

(interompendola)
"E come innanzi a Dio vi parlerò!...
Privo d’ogni speranza
Attesi, non fiatai
Oggi mi die baldanza
De la vostra salute il rifiorir

JANA

Nino, che dite mai?
Pel mondo io son perduta
Nel fosso, ov’ è caduta
Lasciate questa misera perir!

NINO

Vi supplico da un’ ora !
Col mio dolor scherzate,
E, strana, favellate
Di fosso, di perir!.... Jana perchè?

JANA

Buono e pietoso siate !
Scordatevi di Jana!
Ogni insistenza è vana;
Scordatevi, scordatevi di me!

NINO

Dalle labbra restie
Altro dunque non v’esce ?
Chi mi taglia le vie,
Jana, de! vostro cor? Ditelo: chi?

JANA

(da sé)
Fiele a fiele si mesce
Ne la mia vita, oh Dio!
Sconto il peccato mio,
(Questo il destino fu!)sconto così!

NINO

Chi? Jana, chi?

JANA

Destino ! Destino!

NINO

Voi piangete?
Quelle parole....

JANA

Ah, Nino!....
Sono indegna di voi!

NINO

Delira ancor!

JANA

Fui vittima, il sapete,
Della potenza nera!....
No, non è più qual’era
La Jana vostra!....

NINO

Ella delira ancor!
(I coglitori e le coglitrici d’uva ritornano alla vigna)

JANA

Delirio, ahimè, non è! Per penitenza
Della mia colpa vi confesso il vero!
Dal labbro vostro scoppi la sentenza !
Di mano vostra fatemi morir!

NINO

Jana svelate l’orrido mistero !
Pene d’inferno mi fate patir!

JANA

Giurate di Gesù pel santo nome...
Giuratemi il segreto...Per la pura
Madre del Redentore.... come, come
Il demonio mi vinse io non lo so!
Giurate, Nino!

NINO

Giuro!

JANA

Ed è sventura
Irreparabil !

NINO

Non mentite ?

JANA

No!

NINO

Io mi sento impazzir !

JANA

Nino, giuraste!

NINO

Io mi sento impazzir! Ah, non vi credo!
Per unirvi a colui voi calpestate
Ogni legge di Dio !

JANA

(cadendo, in pianto, ai piedi di Nino)
D’ un’altra egli è!

NINO

Disfatta, in pianto ai piedi miei la vedo !....
Orrore!.... Jana, mal compresi?.... Egli... è?...

JANA

(Accenna di sì col capo e si nasconde il volto tra le mani.)

NINO

rimane come fulminato. Si ode di nuovo da lontano il coro dei coglitori e delle coglitrici d’uva che ritorna al palmento

CORO

Voi delle belle la regina siete.
Delle dolcezze la palma portate.

NINO

(sollevando Jana)
Povera creatura sventurata!
Chi vi cantò alla culla un tal destino!
La vostra volontà, no, non c’ è stata !
Fu opra di malia! Fu rio destino.
Fu opra di malìa !
Volle il Signor così !
Jana,.... sarete mia
Come giurammo un dì!

JANA

Ah! credere non oso!
Irrision non è ?

NINO

Volete ?

JANA

Sì pietoso?
Si generoso? Ahimè!
Ma presto al pentimento
Lo sdegno seguirà!
Morta per voi mi sento!...

NINO

Lungi n’ andrem di qua!
Volete? Ormai la prava
Opra già vinta fu!...

JANA

Serva sarovvi e schiava...,
Che posso dir di più!

NINO

Andrem lontano; fra ignote genti,
Oscuri, ignoti viver potremo!
Oscuri, ignoti, ansie e tormenti...
Dimenticare tutto potremo!

JANA

Mi sembra un sogno! Un breve istante
Ogni mia pena dunque scancella?
Una parola di cuore amante
Dunque m’infonde vita novella!

NINO

Reco la nuova al padre;
Nel palmento mi attende.
(esce)