Memorie storiche civili, ed ecclesiastiche della città, e diocesi di Larino/Libro IV/Del Monastero, e Prepositura di S. Eustachio in Pantasia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro IV
Capitolo X
§. II.
Del Monastero, e Prepositura di S. Eustachio in Pantasia

../Del Monastero, e Badia di S. Elena in Pantasia ../Di Colletorto IncludiIntestazione 9 aprile 2009 75% Storia

Libro IV - Del Monastero, e Badia di S. Elena in Pantasia Libro IV - Di Colletorto


1. QUesta Prepositura, che tiene il nome di S. Eustachio in Pantasia, dal luogo dove era situata fu celebre Monastero dell'Ordine Monastico di S. Benedetto ; ed era posto nel confine di S. Giuliano, Colletorto, Bonefro, luoghi della nostra Diocesi, e nel confine di S. Elia della Diocesi Beneventana distante da S. Giuliano due miglia. Ne fa chiara memoria Leone Ostiense nella Cronaca di Monte Casino lib. 2. cap.66. dicendo: Adelpherius quoque Comes de Beneventano Principatu fecit B. Benedicto chartam oblationis de Monasterio S. Eustasii, così si legge, ora Eustasio, ora Eustachio, quod nuncupatur de Pantafìa, constructum prope Castellum S. Juliani cum quatuor Ecclesiis, & cum universis rebus, & pertinentiis ipsius. La carta dell'oblazione di questo Monastero di S. Eustachio in Pantasia, fatta da Adelferio, Conte de' Principi di Benevento a quello di Montecasino, essendo Abate Richerio, che governò dal 1038. fin' all'anno 1055. in cui mori, in originale si conserva nel celebre Archivio di Monte Casino, e noi stimiamo, qui trascriverla dall'Abate Gattula, che la riporta nell'Istoria di questo Monastero sèc.VI. p.215. e cosi dice.

   2. In nomine Domini. Anno tricesimo octavo principatus domni Pandolfi gloriosi principi, & duodecimo anno Principatus domni Landolfi filio ejus mense Augusti secundae Indictionis. Ego Aldelferi, qui fuit Comes, quam & ego, mulier nomine Adeleida Comitissa, genitrice eidem Adelferi Comitis, quam & ego mulier nomine Adeltruda Comitissa, quae sum sociata in coniugio praedicti Adelferi Comitis, declaramus nos habere unum Monasterium vocabulum S. Eustasii, qui est constructum in proprio Territorio nostro, propinquo ipso Castello nostro, qui dicitur S. Juliano. Nunc autem congruum est nobis offerre illum pro anima nostra, & pro anima de genitore nostro in Caenobio S. Benedicti, qui situm esse dinoscitur Castro Casino, ubi nunc Deo auxiliante Domno Ericherius Abbas praessevidetur, cum celle, & case, quod videtur effe juxta eadem Ecclesiam cum claustra, & edificia sua, cum vinea, & territorie, & cum omni substancia, & cum omnes bestiae, & habere praedicti Manasterii, & cum omni ornatu, & ordine ipsius Monasterii, & regimen cum omnia, & in omnibus quantum, quantoque retinet ipso praedicto Monasterio a quacunque parte, & dominant Rectores praedicti Monasterii cum omni pertinencia sua, & cum ipsa cella vocabulum S. Felici, qui olim vocabatur vocabulum SS. Philippi, & Jacobi propinquo praedicto nostro Castello, S. Juliano juxta viam Larinense, & ipsa cella vocabulum S. Benedicti, qua constructa est in loco, ubi dicitur Casale proximo ipso Castello, qui nominatur ipso binifro, & ipsa cella, qua nominatur S. Paulo, qui edificata est in proprio Territorio nostro juxta ipsa Tona, & cum ipsaEcclesia nostra destructa vocabulum S. Helenae, quea est propinquo praedicta cella S. Pauli, haec praedicta cellae subditae praedicti Monasterii S. Eustasii cum rebus suis, atque cum omni substancia sua quomodocumque, aut qualitercumque pertinet ad ipse jam dicte celle, qualiter earum pertinent esse videtur a quacumque parte qualiter dominaverunt Rectores praedicti Monasterii S. Eustasìi cum case quod habet intus praedicto nostro Castello de ipso benifro, & in Castello S. Juliani tam intus, quam foris rebus, quod habet in finibus de praedicta castella praedicti Monasterii S. Eustasii, aut ubicumque infra tota pertinencia, & dominio terrae nostrae habet, & dominaciones, qua habet de ipsis lìberis hominibus, qui sunt infra terra, & pertinencia nostra. Quappr.ego qui sum Adelferi Comes, quamquam, & nos praefata mulieres Adeleita, & Adeltruda, una cum consensu , & voluntate de ex praedicto Mundoalt nostrum, quam & consencientibus nobis parentibus nostris per hoc quoque videlicet scriptum ante praesentiam Mannoni judici, & de aliis bonis hominibus fidelibus nostris, juxta lege pro anima nostra, & pro anima Genitoris nostri, & viri mei praedictae Adeleitae Comitissa offerimus in praephato coenobio, qui situm esse dinoscitur castro Casino ipso jamdicto nostro Monasterio vocabulum S. Eustasii cum celle, & case, juxta Ecclesiam cum claustra, & omni edificia sua, cum vineae, & territorie sue, atque omni pertinencia sua, atque cum omni substancia sua, & cum omni ornatu, & ordine praedicti Monasterii, & omni regimen suum, & cum omnes bestias, & substancias eidem Monasterii, & cum omnes res quomodo tenunt, & dominant Rectoribus praedicti Monasterii a quacumque parte, quomodocumque, qualitercumque, & cum omnia, quae praedicto nostro Monasterio, & suis Rectoribus tenunt, & dominant ab intus, & foris praedicta nostra castella, & omnia, & in omnibus quod praedicto nostro Monasterio vocabulum S. Eustasii, & suis Rectoribus tenunt infra tota pertinencia nostrae terrae, & quodcumque habet ubicumque cum jamdictis hominibus praedicti Monasterii, & cum ipse jam dicte celle subdite praedicti nostri Monasterii vocabulum S. Eustasii cum ordine, & regimen suum, atque cum omnes res, & pertinencia earum undecumque, aut qualitercumque retinent, & dominant praedicto Monasterio nostro vocabulum S. Eustasii, & fuis Rectoribus omnia in omnibus offèrimus in praefato coenobio vocabulum S. Benedicti, qui situm esse videtur Castro Casino, pro redemptione animarum nostrarum, & pro redemptione animae genitori, & viri mei predictae Adeleide & ex praedicta nostra offercione, nec nobis Adelferi Comiti, & Adelaitae, & Adeltrudae Comitissae, neque heredibus nostris, neque ulli bominum nullam exinde reservavimus porcionem requirendi, sed haec omnia superius scripta tradimus ; & offerimus in praedicto coenobio S. Benedicti, cum viis, & anditis suis, & cum omni pertinenci a, cum scripcionibus, & offercionibus, Ecclesiis, & Monasteriis ea ratione, ut amodo, & semper haec offercio in praedicto Monasterio fìrma permaneat, quod si nos de praedicta offercione caufare, contendere, & retornare, aut diminuere quesierimus, obligamus nos, nostrosque heredes componere Monasterio. Cassinensi mille libras ex auri purissimi, & haec offercio primum robur optineat. Si quis hanc nostram offercionem violare praesumpserit sìt excommunicatus a Sanguine Domini nostri Jefu Christi, & sit cum Juda traditore, & in inferno infuriori crucientur, & cum Dathan, & Abiron descendant in infernum viventes, & cum Arrio heretico incendatur. Et hanc cartulam offercionis scripsi ego Johannes Notarius rogatus a suprascripto Adelferi Comite, & a suprascripte Comitisse, praefate Adeleita,

& Adeltruda S. in praed. Monasterio S. Eustasio feliciter.

  Ego Magno Judice .
  Ego Adelferius Comes .
  Ego Raffrit Comes.
  Ego Madelfrit Comes.

   3. Cosicché il Conte Adelferio, e la Contessa Adeltruda, sua Moglie, con Adelaida, sua Madre con questo Diploma fecero donazione di questo Monastero di S.Eustasio, o sia detto di S. Eustachio coll'altre celle, e Chiese, che si enunciano, poste nel loro Contado di Pantasia, al Monistero di Monte Casino, senza rifervarsi sopra di essi, e loro beni per sé, o loro eredi cosa alcuna, e dichiarano di ciò fare per la redenzione delle loro Anime, e dell'Anima del marito di Adelaida, e Padre del Conte Adelferio. Le suddette Contesse Adelaida, e Adeltruda a maggior cautela lo fanno cum consensu, & voluntate de ex praedicto Mundoalt nostrum, quam & consentientibus nobis parentibus nostris ante presentiam Mannoni Judicis  : perché in virtù delle Leggi Longobarde. lib.2. tit.10. veniva proibito alle Donne fine Mundio vivere, & nihil de rebus mobilibus, aut immobilibus sine ipsius voluntate donare, o alienare ; e questo era il Tutore delle donne, che aveva il nome di Mundium , e Mundoaldo ; come tutto ciò spiega Dufresne in Glossar. verb. Mundium, e Mundoaldus, la quale legge fu fatta per regolamento delle donne, perché i Longobardi non molto confidavano nella loro prudenza, ed esperienza ; e presentemente in Regno ne' contratti delle donne anche v'interviene il Mundoaldo, ma per pura formalità, assumendo quest'officio lo stesso Notaro dell' Istrumento.

   4. E li suddetti Donanti non solo niente si riservano in questo Diploma sopra detto Monistero, Chiese, e beni per sé, e loro eredi, ma di più si dice, quod si nos de predicta offercione caufare, contendere, & retornare, aut diminuere quesierimus, obligamus nos, nostrosque heredes componere Monasterio Cassinensi mille libras ex auri purissimi  : e la parola causare qui si prende per lo stesso che litigare, causas agere, calunniare, repetere, molestare, perturbare, come spiega ne' termini delle leggi Longobarde Dufresne nel Glossario di sopra accennato verb. Causare. E molte imprecazioni si fanno contro i Violatori di questa donazione, dicendosi : Si quis hanc nostram offercionem violare presumpserit sit excommunicatus a Sanguine Domini nostri Jesu Christi, & sit cum Juda traditore, & in inferno inferiori crucientur, & cum Dathan, & Abiron descendant in infernum viventes, & cum Arrio heretico incedatur. Queste, e simili altre imprecazioni solevano i Principi Longobardi, e altri della Gente Normanna usare ne' loro Diplomi contro i violatori delle di loro volontà, e il dottissimo Giovanni Mabillon ne porta molte formole, e le spiega l.2. Dipl. c.8. e quivi specialmente parla delle pene pecuniarie, corporali, scommunica, deposizione, e altre simili imprecazioni si leggono nel Diploma della donazione del Feudo d'Ururi alla S. Chiesa di Larino, fatta dal Conte Roberto, come in esso, che si riporta, disteso in questo lib.4. cap.1. n.5. ove si parla d'Ururi. E presso lo stesso Mabillon in d. lib. 2. cap. 21. si parla dell'uso di sottoscriversi i testimonj ne' Diplomi de' Re, e de' Principi, conforme lo vediamo in questo Diploma del Conte. Adelferio, e Contesse Adelaida, e Adeltruda, e nell'altro della donazione d' Ururi alla S.Chiesa di Larino, fatta dal Conte Roberto, o in altri, che si riportano nel decorso di queste nostre Memorie..

   5. Quindi non può negarsi, che il Diploma del quale parliamo sia stato steso con tutte le formalità di que' tempi, quantunque il latino sia assai barbaro, e qui potrebbe dirsi ciò, che per sua umiltà di sé parlando scrisse S. Gregorio Turonese nella Prefazione de Gl. Conf. volendo deplorare la caduta delle lettere nel suo tempo, che fu nel VI. secolo : Timeo, dice egli, ne cum scribere capero, qui sum sine literis Rhetoricis, & arte Grammatica, dicat mihi aliquis

An tu Rustice, & Idiota, ut quid nomen tuum inter Scriptores indi aestimas ? aut opus hoc a
peritis accipi putas, cui ingenium artis non suppeditat, nec ulla litterarum scientia subministrat. Qui nullum argumentum utile in littoris habes, quia nomina discernere nescis, soepius pro masculinis faeminina, pro faemininis neutra, & pro neutris masculina commutas. Qui ipsas quoque praepositiones, quas nobilium dictatorum ebservari sanxit auctoritas, loco debito plerumque non locas. Nam pro ablativis accusativa, & rursus pro accasativis ablativa ponis. E pure in que' tempi le lettere non erano totalmente cadute, come appresso, e quantunque anche da S. Gregorio Magno si deplorano, che sedette nella Cattedra di S. Pietro nel fine del VI. e nel principio del VII secolo, cioè dall'anno 590. fin' all'anno 603. come quasi colle stesse parole di sopra riferite di S. Gregorio Turonese in Giob. al cap.5. ciò però deve intendersi rispettivamente a i secoli precedenti ; e appresso caddero totalmente le lettere, e si visse con tale penuria per moltissimi secoli, come si vede in questo nostro Diploma, e in altri, che si riportano nel decorso di queste nostre Memorie.

   6. Altro Diploma abbiamo a favore di questo Monastero, e Prepositura dì S. Eustachio, fatto da Adenulfo, e altri sotto Carlo I. d'Angiò, poco dopo che questo Principe da Duca d'Angiò fu investito del nostro Regno da Clemente lV. ed egli è del tenore , che siegue: In nomine Domini Anno Dominicae Incarnationis 1266. regnanto Domino nostro Karolo Dei gratia mag. Rege Siciliae & c. Regni ejus anno primo, mense Septembris, Indictione nona. Qui omnes homines ante tribunal eterni Judicis de his quae comiserunt, & gesserunt reddituri sunt integram rationem recepturi de commissis, sive bonum, sive malum. Ideoque nos Adenulfus de stipite, domna Thomasia uxor ejus, Floresia filia ipsorum, & Rogerius Frater ejus in presentia Judicis Basannigotti, & Notarii Bartholomaei de Toro, & testium subscriptorum ad hoc specialiter vocatorum, & rogatorum pro redemptione animae nostrae, parentum, & heredum nostrorum, & ut meritis, & patrociniis pretiosorum videlicet Martiris Eiistasii, & Benedicti Confessoris in eorum judicio non dampnemus, bona nostra, & gratuita voluntate damus, concedimus, tradimus, renuntiamus, quietamus, & tacitum dimittimus in perpetuum, omne jus, omnem partem, omnem reditum, omne servitium, tam personale, quam reale, & omnem conditionem quamcumque, & quaecumque nos, vel Antecessores nostri receperunt, exegerunt, & habuerunt per se, vel per alios de jure, vel de facto de hominibus, & aliquibus casalis S. Crucis, & ab eadem Ecclesia, & Casale, & pertinentiis eorumdem tibi dopno Sebastiano Monacho, & Procuratori Monasterii S. Eustasii de Pantasia subditi, & annessi Monasterio Cassinensi tibi pro parte, & vice ejusdem Monasterii ad utendum, tenendum, & fruendum ipsum Casal. & Ecclesiam cum omnibus juribus, rationibus, redditibus, servitiis personalibus & realibus quibuscumque, & undecunque nobis, & nostris heredibus de jure, & de fatto, & consuetudine pertinentibus, & faciendum omnia, qua parti ejusdem Monasterii placuerit, sine nostra, et heredum nostrorum molestia, et contradictio ne, unde obligamus nos, et heredes nostros tibi pro parte, et nomine ejusdem Monasterii contra istam nostram donationem, traditionem, concessionem, et renunciationem, et quietationem tempore aliquo non venire, quod si nos, et heredes nostri contra hujusmodi donationem, traditionem, conceffionem , renunciationem venire temptaverimus, vel aliquod de dicto Casali molestaverimus, vel offenderimus vel hujusmodi cartam in qualibet parte refutare, retornare, seu removere temptaverimus, et omnia, quae praeleguntur nomine poenae tibi pro parte ejusdem Monasterii viginti libras auri puri tibi pro parte ipsius Monasterii nos, et nostros heredes componere obligamus. Haec carta nihilominus de his, quae continet, firma, et stabilis, permaneat semper, praeterea damus, et concedimus tibi pro parte ejusdem Monasterii liberam facultatem, ut animalia ejusdem Monasterii, hominum, casalis, et Ecclesiae S. Crucis ejusdem Monasterii pascant libere, et pascua recipiant et omnis praedictorum Monasterii, Ecclesiae, et Casalis vadant, et redeant, et habilitates recipiant de omnibus terris nostris, et specialiter de territorio Civitellae homines Casalis praedicti, et animalia eorum , obligantes nos, et heredes nostros praedictam donationem, et concessionem de pascendis animalibus in terris praedictis sine fida in perpetuum tibi pro parte ejusdem Monasterii, et hominum Casalis praedicti inviolabiliter observare sub poena praedicta, et de hiis omnibus adimplendis, quae perleguntur fidejuxores nos , et heredes nostros posuimus per continentiam unde si necesse fuerit ad pignorandum obligamus nos, & nostros heredes tibi pro parte dicti Monasterii, & Prepositis, qui pro tempore erunt ibidem, vel cui haec carta pro parte dicti Monasterii de rebus nostris, & haeredum nostrorum pignorari licitis, & inclitis, usque ad legem , q. ego Notarius Bartholomaeus de mandato praedictorum dominorum, & dominarum, & Judice Basaningott. qui praedictis omnibus interfui, & meo consueto signo signavi. Actum in Castro Monachi Leonis feliciter. 

                                                                Locus Signi Notarii.

>  Ego Adenolfus de Stipite signum Cruci feci.
  Ego Domna Thomasia uxor Adenulfi signum Crucisfeci.
  Ego Floresìa filis Adenulfi de Stipite signum Crucis feci.
  Ego Rogerius de Stipite signum Crucis feci.
  Ego Judex Basaningoctus signum Crucis feci.
  Ego Robbertus filius Manerii Miles signum feci.
  Ego Johannes de Leone miles signum Crucis feci.
  Ego Robbertus Archipresbyter benifri signum feci.
  Ego Robertus miles signum Crucis feci
.

   7. Con questo solennissimo Istrumento, che si legge presso il P. Gattula p. 216. si fa molto acquisto dal Monistero, e Prepositura di S. Eustachio , concedendosi al medesimo in perpetuum omnes jus, omnem partem, omne redditum, omne servitium, tam personale, quam reale, & omnem conditionem quamcumque, & quaecumque nos , cioè i Donatori, vel Antecessores nostri receperunt, exegerunt, & habuerunt per se, vel per alios de jure, vel de facto de hominibus, & aliquibus Casalis S. Crucis, & ab eadem Ecclesìa, & Casale, & pertinentiis eorum : E inoltre i suddetti Donatori danno facoltà, ut animalia ejusdem Monasterii, hominum, Casalis, & Ecclesiae S. Crucis ejusdem Monasterii pascant libere, & pasqua recìpiant, et omnis praedictorum Monasterii, Ecclesiae, et Casalis vadant, et redeant, et habilitates recipiant de omnibus Terris nostris, et specialiter de Territorio Civitellae homines Casalis praedicti, et animalia corum. E l'Istrumento sta fatto in Castro Monachi Leonis, oggi detto Moncileone, luogo posto nella Provincia Civile di Capitanata , propriamente nell'Apruzzo Ci tra, non molto lontano da Larino.

   8. Questo Monistero mai fu Abaziale, ma governato da' proprj Rettori, come si governava nel tempo della donazione , fatta da Adelferio, da Adelaida, e Adeltruda Conte, e Contesse, come in esso si legge, quod praedicto nostro Monasterio vocabulum S. Eustasii & suis Rectoribus tenunt infra tota pertinentia nostrae Terrae. e da' Prevosti, come si osserva nell'altro fatto da Adenulfo, e altri de Stipite : Tibi pro parte dicti Monasterii, & Prepositis : e questi Rettori, e Prevosti singulis annis in princeps Monasterium, che era quello di Monte Casino, staturi sese Abbati, & Conventui, ut vel ab ipso emendarentur, vel revocarentur, & censum annuum persolverent, alii ad res sacras, alii ad Cellarium, alii ad libros, alii ad farcta tecta reficiendi, e così dice il P. Mabillon nella Prefazione al Sec.V. dell'Ordine di S. Benedetto, cioè dall'anno di Gesù Cristo 900. all'anno 1000. num.54. e più distintamente lo spiega il P. Gattola nella Stor. di Monte Casino Sec. VIII. pag.450. col.2, e al presente tiene anche il nome di Prepositura di S. Eustachio in Pantasia.

   9. Per più Secoli questo Monistero fu governato da' Cassinesi, e per qualche tempo leggiamo la sua Prepositura unita con quella di S.Maria a Casal Piano, come in parlarsi della medesima in questo lib.4. cap.16. poi fu dato in Commenda, come attualmente si da in Commenda, e della sua Chiesa, e Monistero vi sono rimasti i loro vestigj, i quali fanno vedere, che la Chiesa da stata a tre navi di pietre quadrate , lavorate di musaico, e il suo Monistero uno de' più cospicui, e se ne fa menzione nel Registro de' Beneficj della Diocesi Larinese, benché col titolo di Badia .

   10. Fu posseduta un tempo dal Card. Benedetto Odescalchi, che poi fu Papa sotto nome di Innocenzo XI. quale oggi tiene il titolo di Venerab. Servo di Dio, essendo già formati i processi per la sua Canonizazione, il quale poi prima del suo Ponteficato per mero scrupolo la rinunciò libera in Dataria Apostolica, della quale ne fu provisto il Sig. Card.Marescotti di eh. me. a cui fu assegnata per cinquecento feudi Romani, i quali a gran pena si possono riscuotere, quantunque abbia molti beni, posti nella Diocesi di Larino, e fuori di essa : ma perché ella è posta in Diocesi Larinese, e possiede in essa buona parte dell'entrate, volgarmente si dice la Prepositura di S. Eustachio di Larino, e con questo nome viene conasiderata, e conferita.

   11. Ella tiene diverse Grancie, che le sono sottoposte, e di rendita della medesima, come in Ascoli di Puglia col titolo di S. Benedetto, in Troja col titolo di S. Angelo, in Serracapriola con quello di S. Eustachio, e di S. Angelo, in Venafro con quello di S. Eustachio, in S. Giuliano di Puglia, o sia nostro sotto il titolo di S. Eustachio, di S. Lorenzo, e di S. Nicola, nella Terra di Macchia Valle Fortore sotto i titoli di S. Eustachio, S. Angelo, e altri.

   12. Per quante diligenze si siano fatte nell'Archivio di Larino, e in altri di questa Diocesi, come in parecchi luoghi, mai si è potuta trovar scrittura delle rendite antiche di questa Badia, le quali forsi per il variare de' tempi si sono disperse, portando la fama, che l'accennato Bosco di Figarola contiguo alla sopraddetta Chiesa, e Monistero fusse stato posseduto da' Monaci, che vi abitavano.

   13. Quello, che si fa di certo, e che ora possiede in Diocesi di Larino, nella Serracapriola ha la rendita in una determinata porzione di quel Territorio, quando si semina a ragione di tomola due, meno tre misure per ciascuna versura, in Bonefro, e in S. Giuliano per diversi minuti Territorj, quando si seminano suol conseguire da otto, o dieci ducati.

   14. Fuori della Diocesi Larinese possiede nella Terra di Macchia Valle Fortore, luogo della Diocesi di Benevento buona quantità di Territorio, che quando è seminato, la sua decima unita a molti Canoni in denaro sopra alcuni luoghi di vigne, fa la somma di ducati dieci in circa. La Grancia di S. Angelo di Troja, che è di sua ragione, tiene in Puglia tra la detta Città, e quella di Foggia, un Feudo unito, chiamato S. Giusta di capacità di carra ventisei in circa con pozzo di acqua sorgente, e fosse da consermar grano dirute, senza veruna abitazione, quale folea seminarsi, ma da molti anni si tiene da' Conduttori solamente ad erbaggio; e quantunque per il passato si affittasse per ducati trecento l'anno, moneta di Regno, ora però il suo affitto è ridotto a ducati duecento venti. Nello stesso Territorio di Troja, e più vicino alla Città possiede diversi minuti Territorj divisi, e separati, e quando succede il di loro affitto, tra denari, e grani suole cavarsene ducati quindici l'anno. Altrettanti ne rende ogni anno l'affitto di una bottega, posta nella Piazza di detta Città. Di Canoni sopra alcune vigne in detto luogo esige meno di carlini quindici. Dalla Regia Dogana di Foggia riscuote il Canone di ducati quattordici l'anno.

   15. Nella Città di Ascoli di Puglia per la Grancia di S. Benedetto si esige il Canone di tomola quarantadue di grano, il quale si paga dal Duca di essa Città sopra il Feudo di Salvetra, nel Territorio di detta Città, e propriamente dove si dice Fiume morto sopra la Masseria di Montecorbo, Fontana Silica, e altri luoghi possiede il dritto di decimare sopra il grano, e l'orzo, che frutta diversamente secondo i tempi, e colle sopraddette tomola quarantadue detto Canono può ascendere vicino a ducati cento annui.

   16. Tiene poi questa Prepositura molti pesi, e sono : Il Cattedratico alla Chiesa di Larino, e la solita tassa al Seminario della detta Città : Al Monistero di Monte Casino annui ducati otto, e mezzo : A' PP. Agostiniani di Ascoli tomola due di grano l'anno : Alli RR. Preti di S. Maria in Sylvis di Serracapriola tomola due di grano l'anno : Al Clero di Macchia carlini venti anche ogni anno.

   17. Le Chiese delle Grande, che si ritrovano in piedi, essendone molte affatto distrutte, furono sempre riparate dalla f. m. del Cardinal Odescalchi, come, in tutto il tempo dell'Eminentissimo Marescotti, in particolare la Cappella di S. Benedetto d'Ascoli, e la Chiesa di S. Nicola nella nostra Terra di S. Giuliano; la quale ridotta di nuovo a pessimo stato, di nostra commissione fu ordinato ripararli, come sopra si è detto.