Memorie storiche civili, ed ecclesiastiche della città, e diocesi di Larino/Libro V/Guillelmo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro V
XXII
Guillelmo

../Giovanni VI ../Giovanni VII IncludiIntestazione 9 aprile 2009 75% Storia

Libro V - Giovanni VI Libro V - Giovanni VII


XXII. Guillelmo, assai chiaro per esser egli stato uno de’ 43. Vescovi con 10. Arcivescovi, con tutti li Cardinali, e molti Principi, i quali intervennero alla seconda delle tre Consagrazioni della Chiesa di Montecasino, fatta da Alessandro II. l’anno 1071. nel dì delle Calende del Mese di Ottobre, dove il Sommo Pontefice per la parcità, che allora correa in concedere le Indulgenze, non ne concesse, se non di soli dieci giorni a coloro, i quali nel giorno anniversario, divotamente l’avessero visitata. Nella Bolla di detta Consagrazione, che tra gl’altri riporta il Chioccarello, nella Cronologia de’ Vescovi, e Arcivescovi della Chiesa di Napoli pag. 122. si legge notato il nostro Vescovo col Segno della SSma Croce innanzi, in questo modo Ego Guillelmus Lyrinensis Episcopus ; ma certamente con notabile errore, in cambio di Larinensìs, come sta scritto in tutti gl’ altri esemplari, e non vi è chi lo possa contendere ; imperciocché dalle lettere , che fece il Papa, per il convocamento di tal funzione è manifesto , che chiamò solamente i Vescovi della Campagna, del Principato di Puglia , e di Calabria ; oltre che per Lyrinensis s’intende il celebre Monistero Linnese di Francia, e mai s’ incontra questa voce a significare alcun Vescovado.
Guillelmo , si legge ancora sottoscritto tra que’ Padri, che celebrarono il Concilio III. Provinciale Beneventano sotto S. Milone Arcivescovo il 1. d’Aprile del 1075. come si osserva negl’Atti del medesimo Concilio , posti nel lodato Sinodico Beneventano , dove così è notato : Ego Villelmus Larinensis subscripsi : la qual soscrizione a piè degl’istessi Atti, e in questo modo si legge nel tom.6. della Collezione de’ Concilj dell’Arduini part.1. col.1554.
L’Ughellio vuole, che fusse uno de’ Vescovi, che intervennero al celebre Concilio di Melfi, celebrato da Urbano II. l’anno 1090. o meglio 1089. per la disciplina, e contro le false penitenze, ma non sappiamo con qual fondamento ciò asserisca ; imperciocché di questo Concilio Melfitano, appena ne abbiamo i nudi Canoni, essendo gli Atti, come, non di pochi altri, difperfi,i quali desiderandoli da Papa Clemente XI. di ven. eglor. mem. per molti capi, e maggiormente per il buon gusto, che avea nelle cose Ecclesiastiche , e per qualunque attenta ricerca fattane, non fu possibile rinvenirli. Può scusarsi però l’ Ughellio, perché leggendosi, che in detto Concilio, vi furono i Vescovi di Puglia, de’ Bruzj , e di Calabria, o sia Terra d’Otranto , che è la vera Calabria ; e sapendosi , che la Diocesi di Larino nella Provincia detta di Capitanata, che si forma parte dell’ antica Daunia, ora Puglia piana, e parte de’ Frentani, dove propriamente è posto Larino, tra i Vescovi di Puglia vi acchiuse anche il Larinese, e secondo l’ordine de’ tempi suppofe esservi intervenuto il nostro Guillelmo, facendolo vivere fin’ a quel tempo, il che affatto ci è ignoto.
Questo Guillelmo, o Willelmo è lo stesso, a cui Roberto, Signore di Larino fece ampia donazione, per la sua Chiesa Cattedrale, sotto il titolo allora S. Dei Genitricis, & Virginis Mariae, del Monastero dell’Ordine di S. Benedetto , posto ne’ confini della Città di Larino : In finibus, sono parole della carta , praedictae Civitatis, in loco, qui dicitur Aurolae, come fin’ al presente si appella in linguaggio latino, che in idioma nostrale corrotto si dice Ururi, in modo che oggi è Feudo nobile della medesima Chiesa , come si è veduto diffusamente nel lib. 4. c.I. ove si parla d’Ururi, e ivi si porta il Diploma, che è dato a dì 5. di Gennajo dell’anno 1075.