Milione/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo 49
De(l) grande fiume di Baudascian

../48 ../50 IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Saggi

Capitolo 49
De(l) grande fiume di Baudascian
48 50


E quando l’uomo si parte da Baudascian, sí si va 12 giornate tra levante e crego su per uno fiume, che è del fratello del segnore di Baudascian, ov’è castella e abitazioni assai. La gente è prode e adorano Macometto. Di capo di 12 giornate si truova una provincia piccola che dura 3 giornate da ogne parte, e à nome Vocan. È adorano Macometto e ànno lingua per loro e sono prodi uomini; e sono sottoposti al signore di Baudascian. Egli ànno bestie salvatiche assai, cacciagioni e uccellagioni d’ogne fatt[a].

E quando l’uomo va tre giornate piú inanzi, va pure per montagne; e questa si dice la piú alta montagna del mondo. E quando l’uomo è ’n su quell’alta montagna, truova uno piano tra due montagne, ov’è molto bello pasco, e quivi è uno fiume molto bello e grande; e è sí buono pasco una bestia magra vi doventa grassa in 10 dí. Quivi àe tutte salvagine e assai; e èvi montoni salvatich[i] asai e grandi, e ànno lunghe le corne 6 spanne, e almeno 4 o 3; e in queste corni mangiano li pastori, che ne fanno grande scodelle. E per questo piano si va bene 12 giornate senza abitazione, né non si truova che mangiare, s’altri nol vi porta. Niuno uccello non vi vola, per l’alto luogo e freddo, e ’l fuoco non v’à lo colore ch’egli àe in altre parte, né non è sí cocente colà suso.

Or lasciamo qui e conteròvi altre cose per greco e per levante. E quando l’uomo va oltra 3 giornate, e’ conviene che l’uomo cavalca bene 40 giornate per montagne e per coste, tra creco e levante, e per valle, passando molti fiumi e molti luoghi diserti. E per tutto questo luogo non si truova abitazione né albergagione, ma conviene che si porti la vivanda. Questa contrada si chiama Belor. La gente dimora ne le montagne molto alte: adorano idoli e sono salvatica gente, e vivono de le bestie che pigliano. Loro vestire è di pelli di bestie, e sono uomini malvagi.

Or lasciamo questa contrada, e diremo de la provincia di Casciar.