Nel tempo della mia novella etate

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

XIV secolo N Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu canzoni Letteratura Nel tempo della mia novella etate Intestazione 23 agosto 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 135 modifica]

ALLEGORIA


     Nel tempo della mia novella etate,
Quando mi fu per antico diletto
Lo dover far lontan peregrinaggio;
Intrando nel camin con puritate
Senza altra compagnia, pur io soletto,5
Per ispacciarmi tosto dal viaggio
(Non conoscea ’l dannaggio
Che avvenir suol altrui per rattezza),
Con troppa leggerezza
Mi fermai di passar per un deserto10
Sì tenebroso et erto
Che pur la vista mi feo quasi stanco;
Io vestìa ancor di bianco,
E non portava fodro nè guamaccia,
Ne conoscea chi seguìa la mia traccia.15
     Andando per la strada tutto carco
D’affannati pensieri e di paura
Per una folta che io mirava nebbia,
Così com’io passava per un varco
Che ’l pian lassava a prender dell’altura,20
In fra me dissi — Non so ch’io far deggia;
Ma come quei che alleggia
Lo peso per andar, così feci io:
Strinsimi al mio desìo.
E di subito vidi accompagnarmi25
Cinque giovin senz’armi,
Ciascun ornato di divise scure
Bianche, gialle, et azzure;

[p. 136 modifica]

Ma, benché fusser belli, io dubitai;
Sì che a morte ciascun di lor piagai.30
     Sì com’io li feri’, senti’ ’l dolore
In ciascun membro; che io fui lor segno,
E quelli furon più forti che ’n prima.
Io perdei in parte ed acquistai valore,
E ricopri’, com’io seppi, il disdegno35
De’ falsi colpi che io trassi di scrima.
Ma, com’io entrai ’n cima
D’un colle, vidi sette in un venire
Ver me con tanto ardire
Che più dir non si può, con sette donne:40
Eran vestite in gonne.
Egli splendenti, et elle nere et perse.
Con faccie assai diverse;
E, più che d’arco strai, ciascun venia
Per riserrarmi dinanzi la via.45
     Pugnar mi convenìa con quelle e questi,
Spettar nel campo e far come chintana.
S’io non volea di subito morire.
Allor si fenno li miei pensier tristi
Per speme di campar che era lontana,50
Sì ch’io non potea omai più sofferire:
Non mi valse il cherire
Mercede allor, che non mi percotesse;
Convenìa pur che io stesse
A sofferir gli colpi dispietati55
Che da lor m’eran dati.
Et io mirando in capo della strada
Vidi con una spada
Star una donna con sembianze grame,
E tutte sue parole eran di fame.60
     Centuplicommi la paura al core
Lo andar vèr quella donna sì spietata,
E lo retrogradar che m’era tolto:
Sì che io divenni come l'uom che more;
La carne mi si feo tutta gelata,65
E ’l sudor fosco m’uscìa per lo volto.
Benché una voce molto
Mi confortasse che nel cor udìa,

[p. 137 modifica]

La qual sì mi dicìa70
— Dimmi chi sei, non mi ti celare;
Ch’io t’imprometto aitare;
E farlo posso, ch’io sono regina
A cui cotesti inchina:
Ma vo’ ben che tu sia tanto cortese.75
Che lasci a lor quel che da lor si prese.
     Allor dagli occhi la palpebra i’ sciolsi
Per veder quella donna che parlava
Meco parole di tanta scavezza:
Della sua vista cotanto raccolsi.80
Che creatura angelica sembrava
Nella nova mirabil sua bellezza.
Io, che tanta laidezza
Mi vedea, vergognava di star nudo:
Ond’ella allora un scudo85
Mi portò per le armi della pieta,
Con forma tanto lieta,
Che di me parve più che inamorata:
E per lei apparecchiata
Mi fu una toga sì bianca, che persa90
La neve gli parea che le era avversa.
     Nova canzon del mio camin, tu sei
Tanto gradita per la dio mercede.
Che certa puoi di me portar novella.
Venti duo millia cinquecento e sei95
Che haggio camminato, come vede
L’adorna donna che ancor non favella.
Dimmi perchè la stella
Che mi conduce non s’è corsa al monte,
Ove l’ultimo ponte100
Convien ch’io passi, con maggior paora,
Che s’offerisce ancora.
Ma, s’io non perdo la candida robba,
La via piana, non gobba,
Farammi la regina per virtute,105
Che mi promise, amando, di salute.