Non creda alcun, quand'ode dir canaglia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bindo Bonichi

XIV secolo N Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Non creda alcun, quand’ode dir canaglia Intestazione 4 settembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Bindo Bonichi


[p. 148 modifica]

     Non creda alcun, quand’ode dir canaglia,
S’intenda sol del pover disperato;
Chè re e conti ed ogni scostumato
Scritto è nel libro con quella bruttaglia.
5     Chi più ha di fiorin più par che vaglia,
Ond’è confuso il buon ch’è in basso stato;
Che ’l cuoi’ del vaio per cimier portato
Sta dove star dovrìa fracida paglia.

[p. 149 modifica]

     Vedove e orfan son molto sicuri
10Per lo giurar che fanno i cavalieri;
Ma l’uscio suo serrar ognun procuri,
     Benché gli ultimi giurano a’ primieri
Di non toccar l’altrui e viver puri:
Guai chi si fida in antichi guerrieri!