O vaghe montanine pasturelle

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Franco Sacchetti

XIV secolo O Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu ballate Letteratura Intestazione 30 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Franco Sacchetti


[p. 413 modifica]

     — O vaghe montanine pasturelle,
D’onde venite sì leggiadre e belle?
     Qual è il paese dove nate sete,
Che sì bel frutto più che gli altri adduce?
5Creature d’Amor vo’ mi parete,
Tanto la vostra vista adorna luce!
Nè oro ne argento in voi riluce,
E mal vestite parete angiolelle. —
     — Noi stiamo in alpe presso ad un boschetto
10Povera capannetta è ’l nostro sito:
Col padre e con la madre in picciol letto
Torniam la sera dal prato fiorito;
Dove natura ci ha sempre nodrito,
Guardando il dì le nostre pecorelle. —
15     — Assai si de’ doler vostra bellezza,
Quando tra monti e valle la mostrate;
Che non è terra di sì grande altezza
Dove non foste degne et onorate.
Deh, ditemi se voi vi contentate
20Di star ne’ boschi così poverelle. —

[p. 414 modifica]

     — Più si contenta ciascuna di noi
Andar dietro alle mandre alla pastura,
Che non farebbe qual fosse di voi
D’andare a feste dentro vostre mura.
25Ricchezze non cerchiam nè più ventura
Che balli canti e fiori e ghirlandelle. —
     Ballata, s’i’ fosse come già fui,
Diventerei pastore e montanino;
E prima che io il dicesse altrui.
30Sarei al loco di costor vicino;
Et or direi Biondella et or Martino,
Seguendo sempre dov’andasson elle.