Odi (Parini)/Il dono

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il dono

../In morte del maestro Sacchini ../La gratitudine IncludiIntestazione 11 luglio 2013 75% Odi

In morte del maestro Sacchini La gratitudine
Per la Marchesa Paola Castiglioni

 
Queste, che il fero Allobrogo
Note piene d’affanni
Incise col terribile
Odiator de’ tiranni
Pugnale, onde Melpomene 5
Lui fra gl’Itali spirti unico armò;

Come oh come a quest’animo
Giungon soavi e belle,
Or che la stessa Grazia
A me di sua man dielle, 10
Dal labbro sorridendomi,
E dalle luci, onde cotanto può!

Me per l’urto e per l’impeto
De gli affetti tremendi,
Me per lo cieco avvolgere 15
De’ casi, e per gli orrendi
Dei gran re precipizii,
Ove il coturno camminando va,

Segue tua dolce immagine,
Amabil donatrice, 20
Grata spirando ambrosia
Su la strada infelice;
E in sen nova eccitandomi
Mista al terrore acuta voluttà:

O sia che a me la fervida 25
Mente ti mostri, quando
In divin modi, e in vario
Sermon, dissimulando,
Versi d’ingegno copia
E saper che lo ingegno almo nodrì: 30

O sia quando spontaneo
Lepor tu mesci a i detti;
E di gentile aculeo
Altrui pungi e diletti
Mal cauto da le insidie, 35
Che de’ tuoi vezzi la natura ordì.

Caro dolore, e specie
Gradevol di spavento
È mirar finto in tavola
E squallido, e di lento 40
Sangue rigato il giovane
Che dal crudo cinghiale ucciso fu.

Ma sovra lui se pendere
La madre de gli amori,
Cingendol con le rosee 45
Braccia si vede, i cori
Oh quanto allor si sentono
Da giocondo tumulto agitar più!

Certo maggior, ma simile
Fra le torbide scene 50
Senso in me desta il pingermi
Tue sembianze serene;
E all’atre idee contessere
I bei pregi, onde sol sei pari a te.

Ben porteranno invidia 55
A’ miei novi piaceri
Quant’altri a scorrer prendano
I volumi severi.
Che far, se amico genio
Sì amabil donatrice a lor non diè? 60