Oi dolce mio marito Aldobrandino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rustico Filippi

XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu Poesie duecento Oi dolce mio marito Aldobrandino Intestazione 28 luglio 2020 25% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Messer Bertuccio, a dritto uom vi casgioni D'una diversa cosa, ch'è apparita
[p. 6 modifica]

XI

Apologia di una moglie onesta, vittima delle calunnie della gente.

Oi dolce mio marito Aldobrandino,
rimanda ormai il farso suo a Pilletto:
ch’egli è tanto cortese fante e tino,
4che creder non dèi ciò, che te n’è detto.
E non star tra la gente a capo chino,
che non se’ bozza, e fòtene disdetto;
ma, si come amorevole vicino,
8con noi venne a dormir nel nostro letto.
Rimanda il farso ormai, piú noi tenere,
ché mai non ci verrá oltre tua voglia,
11poi che n’ha conosciuto il tuo volere.
Nel nostro letto giá mai non si spoglia!
Tu non dovei gridare, anzi tacere:
14ch’a me non fece cosa, ond’io mi doglia.