Opere minori 1 (Ariosto)/Elegie e Capitoli/Elegia VI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Elegia VI

../Elegia V ../Elegia VII IncludiIntestazione 15 luglio 2015 75%

Elegie e Capitoli - Elegia V Elegie e Capitoli - Elegia VII
[p. 224 modifica]

ELEGIA SESTA.




     O più che il giorno a me lucida e chiara,
Dolce, gioconda, avventurosa notte,
3Quanto men ti sperai, tanto più cara!
     Stelle a’ furti d’amor soccorrer dotte,
Che minuiste il lume, ne per vui,
6Mi fûr l’amiche tenebre interrotte!
     Sonno propizio, che lasciando dui
Vigili amanti soli, così oppresso
9Avevi ogn’altro, ch’invisibil fui!
     Benigna porta, che con sì sommesso
E con sì basso suon mi fosti aperta,
12Che appena ti senti chi t’era appresso!
     O mente ancor di non sognar incerta,
Quando abbracciar dalla mia dea mi vidi,
15E fu la mia con la sua bocca inserta!
     O benedetta man ch’indi mi guidi;
O cheti passi che mi andaste innanti;
18O camera che poi così m’affidi!1
     O complessi iterati, che con tanti
Nodi cingeste i fianchi, il petto e il collo,
21Che non ne fan più l’edere o gli acanti!
     Bocca, onde ambrosia libo, nè satollo
Mai ne ritorno! dolce lingua, umore,
24Per cui l’arso mio cor bagno e rimmollo!
     Fiato che spiri assai più grato odore
Che non porta, dagl’Indi da’ Sabei,
27Fenice al rogo ove s’incende e môre!
     O letto testimon de’ piacer miei;
Letto cagion che una dolcezza io gusti,
30Che non invidio il lor néttare ai Dei!
     O letto donator de’ premî giusti;
Letto che spesso in l’amoroso assalto
33Mosso, distratto ed agitato fusti!
     Voi tutti ad un ad un, ch’ebbi dell’alto

[p. 225 modifica]

Piacer ministri, avrò in memoria eterna,
36E, quanto è il mio poter, sempre vi esalto.
     Nè più debb’io tacer di te, lucerna,
Che con noi vigilando, il ben ch’io sento,
39Vuoi che con gli occhi ancor tutto discerna.
     Per te fu duplicato il mio contento:
Nè veramente si può dir perfetto
42Un amoroso gaudio a lume spento.
     Quanto più giova in sì soave effetto
Pascer la vista or degli occhi divini,
45Or della fronte, or dell’eburneo petto:
     Mirar le ciglia e gli aurei crespi crini,
Mirar le rose in su le labbra sparse,
48Porvi la bocca, e non temer di spini:
     Mirar le membra, a cui non può agguagliarse
Altro candor, e giudicar mirando
51Che le grazie del ciel non vi fûr scarse:
     E quando a un senso soddisfare, e quando
All’altro, e sì che ne fruiscan tutti,
54E pur un sol non ne lasciare in bando!
     Deh! perchè son d’amor sì rari i frutti?
Deh! perchè del gioir sì breve è il tempo?
57Perchè sì lunghi e senza fine i lutti?
     Perchè lasciasti, oimè, così per tempo,
Invida Aurora, il tuo Titone antico,
60E del partir m’accelerasti il tempo?
     Ti potess’io, come ti son nemico,
Nuocer così! Se il tuo vecchio ti annoja,
63Che non ti cerchi un più giovane amico,
     E vivi, e lascia altrui viver in gioja?




Note

  1. Leggi il Sonetto XIII, ove dà nome di carcere soave a questa cameretta. — (Rolli.)