Opere minori 1 (Ariosto)/Poesie latine/Alcune versioni/Libro II, Carme V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro II, Carme V

../Libro II, Carme IV ../Libro II, Carme VI IncludiIntestazione 18 luglio 2015 75%

Poesie latine - Libro II, Carme IV Poesie latine - Libro II, Carme VI
[p. 373 modifica]

Libro II, Carme V.


     Teco, o mio Bruto, fra le morte genti
Verrònne: — Porzia esterrefatta dice,
Ed abbocca io sì dir le brage ardenti.
Grida Vittoria: — O Davalo infelice,
Io, te spento, vivrò, sempre in lamenti. —
Ambe romane fûr; ma vincitrice
Vittoria apparve in ciò: breve sostenne
Quella un dolor; questa un dolor perenne.

Ettore Marcucci.


Altra versione.


     Senza te, Bruto mio, viver potrei? —
Porzia sclamò, compresa da terrore,
E le braci assorbì. — Morto or che sei,
Avalo, io rimarrò, sol nel dolore, —
Disse Vittoria, — a trar tutti i dì miei. —
Ambo romane fûr; ma in ciò maggiore
Vittoria sembra: chi di vita è priva
Più dolersi non può; duolsi chi è viva.

Lo stesso.